Un Colpo di Stato sulle Spalle di Eluana Englaro 45


Lo squallido sfruttamento mediatico e politico che silvio berlusconi sta operando su una vicenda etica personalissima e di grande delicatezza dovrebbe disgustare anche i palati abbondantemente rovinati della bovina opinione pubblica italiana.

Sarei anche stato disposto a credere che una briciola di umana comprensione potesse aver permeato il cuoio ruvido e massiccio dietro il quale si nasconde, remotissima e minuscola, quella sfoglia di coscienza che pur deve ancora abitare il sarcofago imbellettato e trapiantato che porta in giro il nostro presidente del consiglio. In fondo, tutto è possibile.

In realtà, i toni duceschi utilizzati, la compassione sbandierata con cafonissima ostentazione “non voglio la morte di Eluana sulla coscienza” e la focalizzazione sui reali obiettivi tradiscono palesemente le volontà di un uomo che mi fa raggiungere vette inusitate di costernazione e disgusto.
A berlusconi di Eluana, del padre, dell’eutanasia o del testamento biologico non fotte nulla. E’ solo l’ennesimo cavallo mediatico da cavalcare a pelo mentre 30 milioni di beoti trattengono appena la lacrimuccia di circostanza.

Sconfessare per decreto legge una sentenza definitiva di una Corte di cassazione è un colpo di stato verso uno dei legittimi poteri della repubblica. Un atto così incostituzionale che probabilmente nemmeno Franco o i colonnelli della giunta militare greca avrebbero avuto l’ardire di tentare. La reazione al “no” legittimo del capo dello stato con la minaccia di approvare una legge in tre giorni, (a questo punto retroattiva e vai con le lezioni di diritto) suona come la deposizione di un altro potere dello stato.

Con alle spalle (o meglio sotto i piedi) un parlamento che ricorda quello di Breznev ed un’opinione pubblica instupidita dalla sua televisione, berlusconi lancia un colpo di stato usando i toni patetici e buffoneschi che ricordano una puntata di “C’è posta per te”.
Una carnevalata come la marcia su Roma, con tutti gli effetti tragici che ha comportato, non è bastata alla gente di questo paese per imparare la lezione.

L’opposizione, o quello che ne rimane, langue. Al suo interno schiera più di un elemento che una legge del genere la voterebbe eccome. Il Vaticano approva. Grazie ci sentiamo tutti meglio.

Dopo i prima tremila militari per strada è bastato uno stupro per ipotizzarne trentamila. Ora, “per salvare la vita di Eluana”, si calpesta la costituzione, la magistratura, il presidente della Repubblica.
Domani, per qualche ubriaco al volante, si sospenderanno i diritti civili. L’annuncio ce lo daranno durante una puntata di Amici.

Esiste un metodo democratico per sfuggire a tutto questo? Prima ne ero sicuro, ora incomincio ad avere dei dubbi.


45 commenti su “Un Colpo di Stato sulle Spalle di Eluana Englaro

  • Charlie

    non ho mai avuto dubbi che non esistesse un metodo democratico.

    non per questo aborto di stato che ci è rimasto

      • Charlie

        magari l’avessi.

        koteko dice bene: l’espatrio.
        già solo il fatto che vediamo l’abbandono come una soluzione, qualifica come antidemocratico il nostro paese.

        credo, temo, che ben altro dovrà accadere prima che un numero sigificativo di persone si renda conto con chi abbiamo a che fare.
        credo, temo, che allora sarà troppo tardi per una soluzione pacifica e indolore.

  • ChimaX

    Mi chiedo cosa sarebbe successo se al quirinale ci fosse stato Gianni Letta.
    A questo punto una condanna definitiva a Berlusconi o a un suo amico potrebbe essere annullata per decreto legge.

  • koteko

    “Esiste un metodo democratico per sfuggire a tutto questo? Prima ne ero sicuro, ora incomincio ad avere dei dubbi.”

    Certo che esiste, che domande.

    L’espatrio.

  • mayoral

    Queste sono solo le prove generali per testare il terreno e vedere fino dove potranno spingersi in futuro. Chi ha vissuto con il ricordo della dittatura non avrà più tempo per i ricordi, perchè ora sarà il presente.

  • gianfranco

    noi che ci sentivamo donne e uomini liberi, noi che credevamo di essere il bambino del re nudo, noi che frequentiamo blog e leggiamo giornali che ci vellicano perchè non facciamo parte del gregge acefalo, guardiamo adesso con gli occhi sbarrati quanto è veloce il serpente a colpire quando l’occasione è propizia. Abbiamo fatto la scelta nobile e libertaria di condividere la battaglia di Englaro, e ci siamo lasciati condurre nella tonnara dove saremo massacrati dalle armi di Berlusconi, armi doppio uso, di quotidiana distrazione di massa, e quando occorre, ora, per esempio, di distruzione di massa.Saremo perseguitati da suore, preti, medici, politici, brunovespa, vita in diretta, amici di Eluana, gente uscita dal coma … e sappiamo che le loro posizioni attecchiranno sicuramente. Perchè Eluana non è Welby, non morirà con il distacco della spina, non vi risparmieranno citazioni dotte dei figli del conte Ugolino, se Eluana morirà sarà per il blocco dell’alimentazione forzata cioè, come loro dicono senza mentire, per fame. Ho sentito Berlusconi giustificare il decreto perchè non vuole la morte di Eluana sulla coscienza, lasciando al comunista inumano Napolitano il ruolo di boia. Gli ho sentito dire di Eluana che potrebbe anche generare un figlio. Ha chiesto ai vescovi come? Con l’inseminazione artificiale o allargandole le gambe e penetrandola? Lui forse pensa al delicato protagonista di “Parla con me”, io lo vedo come un individuo che si aggira per ospedali ad abusare di corpi inanimati.

    • grp

      E’ disgustoso il mercimonio di questa vicenda.
      Alla fine la melassa sparsa con la sua televisione e la diseducazione risultante hanno reso questo paese a sua immagine e somiglianza.

    • franca-mente

      Tu che parli di “gregge acefalo”. dimostri solo di esserne un “membro” tra i più rappresentativi. Siete dei “piccoli borghesi” di sinistra, i più raccapriccianti benpensanti della modernità … sentirsi perseguitati da vescovi, preti e suore significa essere in sovrapeso di 30 kg! Sei uno che sicuramente sta bene e ingrassi di molti kg ogni settimana! Marx avrebbe vomitato sul vostro “difendiamo lo stato di diritto” . Parla della “questione” in gioco se non vuoi fare la figura del “bue” e lascia perdere la tua mancanza di libertà …. è solo il tuo peso a inchiodarti a terra! Il popolo acefalo non esiste cretino! Se la pensi così … il tuo prossimo leader sarà Hitler!

      • ChimaX

        c’è da dire che se volevi dare l’esempio di quanto sono coglioni quelli che supportano un certo tipo di politica ci sei riuscito benissimo.

        Un vero e proprio spot per il controllo delle nascite. Di “certe nascite”.

        • franca-mente

          Guarda che non me ne frega niente di supportare chichessia … anche perché non penso sia vero! Non sono servo delle mie paure, almeno non lo sono come tanti altri, te compreso … io so che la libertà è una pratica che si difende praticandola. Ho cercato di capire perché molti aspettano che la loro libertà sia difesa dallo Stato (e si riempiono la bocca con la parola “Stato di diritto”)… penso di avere scoperto che non difendono la libertà ma le loro idee … sono cioè dei “piccoli borghesi” incarogniti e risentiti dalla loro mancanza di potere. In fondo le loro idee sono ideucce nutrite da questo risentimento! Tu sei libero di parlare, agire e organizzare momenti in cui altri parteciperanno alla tua libertà … fallo! Se poi ti senti in galera perché non hai il potere che altri hanno, non hai il consenso che altri hanno … beh, questo semplicemete perché sei uno schiavo di ciò che non hai e ami la tua libertà come si ama il proprio cagnolino.

        • franca-mente

          …cointinua a vivere con i tuoi fantasmi e le tue paure …. continua a chiedere libertà allo Stato e riempiti pure la la bocca, come fanno tanti, con la magia dello “Stato di Diritto” e “Costituzione”… Un borghesuccio sei … che vuoi che mi faccia un borghesuccio quando parla di “supportare un certo tipo di politica” (mmmmmmmm che stratega sei!)… la parola coglione (che mi ricorda qualcun altro, ma veh!?) detta da un borghesuccio è un vero complimento! Ho l’impressione tu sia puro risentimento e “passione per il potere” …. di quelli che se l’avessero passerebbero le notti a stilare elenchi delle persone che sono da punire …chiaremanete perché sono cattivi e tu sei BUONO, si buono e veridico…ma va là!

          • staff

            riconosciuto … anche senza il cappellino
            il dottore non c’è e non ha potuto fare la ricetta per la medicina?
            prova con la camomilla, due o trecento litri 🙂
            adios
            spam spam

  • Framaulo

    AVVISO: IN QUESTO COMMENTO C’E’ una MAREA DI OVVIETA’.

    Mi riallaccio al titolo dell’articolo.

    Che ormai l’equilibrio dei poteri si sia deteriorato dalla condizione democratica verso una dittatura della peggiore risma (semmai ce ne potesse essere una migliore) è un fatto assodato. Non c’è più da chiedersi “stiamo andando verso la dittatura?” La risposta è che *siamo già* in dittatura, se per dittatore si intende uno che decide per tutti senza consultare nessuno.

    Come si è raggiunta questa situazione? Una volta c’era il golpe. Si finiva dalla padella nella brace nell’arco di 24 ore o anche meno. E iniziava una nuova era, felice ma generalmente infelice, che si concludeva con l’abbattimento del dittatore da parte di una potenza straniera.

    Oggi esistono tanti piccoli golpe, architettati da ormaisisabenechi, e messi in pratica da Berlusconi, con la complicità del partito democratico, dell’UDC e del Capo dello Stato. Dinanzi a questi piccoli golpe, che perlopiù passano inosservati perchè magistralmente occultati o distorti dalla grande comunicazione di massa, ci si indigna un po’, e tutto finisce lì, perchè “tanto siamo in democrazia, siamo in Europa, c’è l’ONU, non potrebbe succedere nulla”. E’ questo il processo di mitridatizzazione di cui si parlava qualche post fa. Processo pericoloso perchè consiste nell’abituarsi piano piano al veleno finchè non lo si sente più, finchè non fa più effetto.

    E’ inutile ricordare che lo scopo di tutto questo è ridurre il popolo in schiavitù. Una schiavitù controllata, orwelliana, in cui le partite di pallone e le veline sono funzionali a che il gregge non si accorga di essere in schiavitù e non faccia la rivoluzione (io non credo che il popolo italiano sia in grado di fare una rivoluzione, ma …non si sa mai).

    Detto questo, non vedo alcuna soluzione democratica. Non me ne intendo molto di diritto e non so se la Costituzione preveda che non si possa violare la Costituzione… e, nel caso, che pesci prendere.

    La soluzione di Salvatore Borsellino mi sembra un po’ anacronistica: resistere, resistere, resistere. Una volta forse andava bene, quando l’onda era ancora piccola. Ma ora è uno tsunami, arriverà un momento in cui non resisteremo più, e soccomberemo.

    Per cui, qui bisogna usare la forza e l’intelligenza. Bisogna organizzarsi ed eleggere un leader, un unico leader in grado di catalizzare TUTTE le forze e le intelligenze contrarie a questo piano infernale. Serve un capo da seguire disperatamente, anche quando sbaglia. La parola d’ordine è “restare uniti”, mantenere compatte le fila. Fare testuggine.

    • Tritumbani

      temo ormai che davanti allo stillicidio continuo ci siamo tutti un pò rassegnati, non c’è un unico golpe giustamente identificabile come tale che provoca la reazione, ma tanti piccoli interventi distruttivi della legalità e della democrazia, supportati da reazioni confuse, inconsulte e complici delle opposizioni a cui convengono tante cose.
      E’ vero ormai anche secondo me serve un catalizzatore senza il quale non avverrà più nessuna reazione. Ma è giusto che abbiamo bisogno di un antiberlusconi?

      • Charlie

        berlusconi è soltanto un mezzo.
        e non è l’unico.
        non è su di lui che ci si deve focalizzare, secondo me

  • Oris

    Berlusconi sbaglia.

    La sua coscienza NOn ha nulla a che vedere con la carica che ricopre.

    Non si può permettere di mettere la sua coscienza sopra quella della costituzione.

    Se non voleva impegni gravosi e difficili scelte da fare non doveva mettersi a fare il politico o il capo di governo che, gli ricordo, è una carica di servizio e non di potere.

  • FMA

    Sono sostanzialmente d’accordo con te, salvo quando dici che il signor B. l’ha fatto per assecondare 30 milioni di beoti.
    Se fosse vero dal suo punto di vista avrebbe compiuto un’operazione politicamente positiva. Ma se i beoti non fossero così tanti e forse non lo sono, vedi sondaggio del Corriere dell’altro ieri cosa che il cavaliere non poteva non conoscere, in questo caso sarebbe un’operazione in pura perdita, fatta unicamente per lisciare il pelo all’ermellino d’oltretevere, il quale, secondo me, più che approvare, ispira. Addirittura forse comanda.

      • Lucy

        Chiedo scusa, il mio PC fa le bizze, provo a reinviarlo
        Non ricordo su quale sito ho letto questo commento che condivido in pieno

      • Lucy

        Scusate, spero di riuscire a inviare il commento, ci sto provando da parecchio.

        Non ricordo su quale sito ho letto questo commento che condivido in pieno

        • Elle Driver

          Inutile insistere. Evidentemente, per qualche ragione, wordpress lo cancella. Semmai prova a mettere l’indirizzo della home page del sito e poi provo ad inserirlo io.

          • Lucy

            Ho probblemi di collegamento, mi spicae comuque i commento (abbastasnza forte) dice che il premier affermando che la povera Eluana è “una persona che potrebbe anche in ipotesi generare un figlio in stato vegetativo”, praticamente invita a violentare le donne in coma

  • io

    Credo che lo “squallido sfruttamento mediatico e politico” di questa triste vicenda, piu che da Berlusconi sia stato fatto da altri personaggi…

    • Elle Driver

      Uno che ha avuto il coraggio di affermare che “Eluana potrebbe rimanere incinta” è sicuramente un individuo che sta sfruttando mediaticamente questa vicenda. Certe frasi fanno venire i brividi.

    • Lucy

      spero che ora il messaggio arivi: chiedo scusa a tutti
      Non ricordo su quale sito ho letto questo commento che condivido in pieno

  • ilBuonPeppe

    Sconfessare per decreto legge una sentenza definitiva di una Corte di cassazione è un colpo di stato verso uno dei legittimi poteri della repubblica

    Vero. Ma non è la prima volta che succede: con le TV hanno fatto lo stesso.

  • Giacomo

    A me di Eluana non me ne frega niente. E’ un caso.
    E’ un pezzo che sta così e ne sono (siamo) venuti a conoscenza solo qualche tempo fa quando questo padre ha deciso per la figlia. Ed è mia opinione che abbia deciso giustamente, come nella legislatura statunitense per casi analoghi ci si di dovrebbe fidare di chi ama. E questo padre ama questa figlia e sceglie di toglierle la vita (vita?) per amore.
    E mi viene la nausea a sentire tutta questa idiota polemica su come o quanto soffrirà o meno col distacco dell’alimentazione e dell’idratazione. Innanzi tutto nessuno può sapere o non sapere e le uniche posizioni accettabili sono quelle agnostiche. Non avremo mai testimonianza delle eventuali sofferenze e quindi così come nessuno può essere accusato per le sole intenzioni la sofferenza non esisterà perché non sarebbe tangibile per alcuno. E comunque mi chiedo perché non farle un’iniezione letale e via? Sarebbe omicidio? Ahahahahah…e staccarle le sonde no? Nessuno lo farebbe? Non ci credo. Ci vado io a farlo anche se sono sicuro che come me ci sono migliaia di persone che lo farebbero.

    Quello che realmente mi frega (o forse no) è che ormai sono convinto che non esista nessun metodo democratico per sfuggire a tutto questo ed a quello che ci stanno costruendo intorno da anni.

    Un leader? Che tipo di leader cercate? Più vicino a Hitler od a Fidel Castro?

    Ahahahahahah…

I commenti sono chiusi.