Twitter Land 58


Ho deciso, per mancanza di interessi superiori, per masochismo ma, fondamentalmente, per una domenica che nemmeno il Tavor potrebbe rendere più lenta e paciosa, di compilare questa piccola guida/prontuario sulle varie razze che s’incontrano su Twitter. Perchè? Approdato su questo social pochissimo tempo fa, ho trovato tenerissimo come anche li, come nella vita reale, le tipologie di persone si distinguano in maniera netta, tagliata con l’accetta quasi.

Da ottimo cultore della saggezza nerd quale sono, l’ho immaginato  come una sorta di Middle Earth (chi non sa di che parlo non merita nemmeno di leggere il seguito), dividendolo per contee e per abitanti che le abitano, sarò breve:

9_beritagar-twitter-cards_l

HumbleLand County= i nativi di HumbleLand postano circa 200 autoscatti al giorno, impreziosendo le foto con frasi tipo “io ed il sole” “un bacio a tutti””vi piaccio?!” “dopo la palestra” “dopo la doccia” “dopo la cena” “dopo la lobotomia” “followami ti followo” e via dicendo. Il numero di follower è più importante della conta dei globuli bianchi ed i loro follower sono generalmente dei decerebrati che inviano complimenti tra i più idioti mai sentiti “sei bellissima/o” “vorrei essere lì” “sempre la/il numero uno!”, beandosi di fantomatiche risposte illusorie, fremono se vedono un sorriso e sbavano per un RT. Mi sono imbattuto in questi profili per la legge dei grandi numeri, poi la curiosità ha fatto il resto ma, soprattutto, li ho trovati fondamentali per compilare questo piccolo prontuario in maniera adeguata, in pratica solo per voi. Ne sono uscito scosso e non più lo stesso, statene alla larga.

FakeWisdom County= questa, probabilmente, è una delle contee tra le più pericolose. popolata da una stuolo di psuedo santoni, generalmente collegati con professioni che hanno a che fare con il “giornalismo”, il blogging, gli uffici stampa e quant’altro sia in qualche modo collegato al mondo della comunicazione. Spesso si auto investono di competenze inesistenti, caratterizzati per il tweet lesto e brillante, ne sfornano diversi al minuto, principalmente ironizzano con la realtà di tutti i giorni, per arrivare più diretti ai nostri cuori e per “venire incontro alle nostre limitate capacità mentali” (cit.). Spesso sono anche divertenti, sagaci e sarcastici a sufficienza per essere considerati interessanti, ma il tutto si scioglie e si sgretola quando vengono direttamente ingaggiati. I loro sono tweet senza confronto, non iniziano mai vere discussioni, non ne hanno il tempo, la voglia, troppa autostima, no tempo da perdere man. Schifano il numero di follower, perché fa fashion, fa alternativo, “a me non interessa avere 6milioni di follower, la vita è un’altra cosa”, ma il numero di tweet postati fa intendere che, forse, una volta la loro vita era un’altra cosa. Così ho arrogantemente testato alcuni di loro, ed il risultato è stato esattamente questo, una nuvola di fumo dal piacere gradevole, ma pur sempre una nuvola di fumo. Se passate da questa contea, prendetene solo il meglio, state poco, e soprattutto non adoratene gli idoli.

Obsessed County= questa è una contea strana, vi fanno parte una larga parte degli utenti della Middle Earth Twitter, alle volte anche solo di passaggio, mentre i residenti sono, fondamentalmente, dei casi clinici. Se vi trovate da queste parti, ed io ci capito di tanto in tanto, sentirete il bisogno spasmodico di farla vedere e leggere al resto della popolazione, pensando, per chi è ancora in grado di farlo, che forse non è il caso, ma è più forte di voi. Così passano delle giornate in cui, di solito per eccesso di alcune emozioni che oramai non sappiamo più controllare nella vita reale, ogni cosa è un Tweet, al bar per l’aperitivo si Twitta cosa ha appena detto quello seduto al tavolo vicino, a casa a tavola con la famiglia si twitta l’ultima frase del figlio piccolo che ci ha reso così orgogliosi, poi si twitta il commento tagliente della compagna, tutto in sequenza, perdendo, chiaramente, il senso di quello che avviene nell’ora, adesso. Io stesso ora, invece di finire sta follia, controllo qualche tweet! tutto viene estrapolato da ciò che viviamo e riportato nella Middle Earth di Twitter, compulsivamente. Se è solo un passaggio di piacere, non c’è da preoccuparsi, godetevi il panorama di questa contea estremamente popolata, dove tutti sono indaffaratissimi a trovare interessante il banale, e tornatevene da dove siete venuti, se siete dei residenti, beh a questo punto avete già commentato 3-4 volte quest’idiozia che sto scrivendo aprendo altre 7 pagine di social network, addio.

Random County= questa è la contea di chi ci finisce inizialmente un po’ per caso, ma quello vero, per la serie “vediamo un po’…” attirato dal mischione della comunicazione generale che imperversa intorno a noi, pensa, alle volte erroneamente, che sia un bel modo per tenersi in contatto con chi non conosce. Alterna giorni di Tweet furiosi con altri di totale diniego, come in un difficile rapporto di coppia, una volta entrato, tutto sommato, ci si trova bene. Questa è forse l’unica contea nella quale, persone dotate di un sano intelletto, possono ancora costruire utenze realmente divertenti, che usano il sarcasmo e l’ironia senza sentirsi degli inviati di guerra e che con grande relax prendono per il culo bonariamente il resto della popolazione avvilita nelle sue ossessioni spasmodiche per la notorietà.

Rage County= questa è la contea dove si possono incontrare diversi tipi di utenti: i fanatici religiosi, i razzisti, gli estremisti politici di ambo le parti, gli psicotici, i pervertiti, tutti accomunati dalla loro varie e ripetute insoddisfazioni e dalle angherie alle quali sono sottoposti dalla vita di tutti i giorni. I tweet si caratterizzano per la vivace presenza di insulti, si dividono ancora tra quelli che usano la loro rabbia con una certa proprietà di linguaggio, e coloro che svarionano con buffissime frasi piene zeppe di errori grammaticali. Il loro rapporto con il resto della contea è colorito e soggettivo, c’è chi li ignora totalmente e chi li utilizza a monito, come l’esempio da non seguire.

Spero vi divertiate a leggere questa disamina senza pretese e con l’intento di farsi due risate, se ve la prendete male perchè, ahivoi, vi ritrovate in qualcuna delle contee sopra descritte, cazzi vostri direi. Saludos.

Di @Bodom_Hell

I don’t mind, really, I don’t


Questo lettore ha risposto all’appello di MC che cerca nuovi autori

Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

58 commenti su “Twitter Land

I commenti sono chiusi.