Morale


6
La valutazione morale di un conflitto è operazione complessa. Talmente complessa da richiedere personale specificatamente addestrato: opinionisti, giornalisti, webstar, sacerdoti, politici o professionisti del dibattito televisivo del calibro della signora Barbara D’Urso. Facciamo un esempio: Il signor A viene svegliato nel corso della notte da alcuni rumori che provengono dal soggiorno. Ivi recatosi, si imbatte nel signor B che sta trafficando con i cassetti del signor A. Il signor B, vistosi interrotto nel corso della sua attività professionale, si avventa con un coltello sul signor A che, inopinatamente, estrae l’arma da fuoco regolarmente denunciata (in tutti i resoconti giornalistici l’arma […]

La Gestione del Conflitto


36
“Giustizia” e “Verità” sono come il sale e lo zucchero. Anche gli chef di maggiore talento, quando preparano piatti e dolci per gli  avventori dei loro ristoranti, li utilizzano senza preoccuparsi di alterare il sapore della materia prima. Il comune senso del gusto è talmente assuefatto a questi condimenti da non poterne più fare a meno. L’operatore esperto sa bene che non bisogna eccederne nell’uso. Un piatto salato è più stimolante, ma poi il quando cliente incomincia a bere si pente di averlo mangiato. Un dolce con troppo zucchero dopo un po’ stufa e rischia di essere lasciato a metà […]

Lezioni di Disinformazione: Giustizia e Verità


19
Quello che sta accadendo in questi giorni è la prova definitiva che, complotto o no, gli Stati Uniti hanno perso su ogni fronte la guerra della comunicazione che si è scatenata dopo l’attentato alle torri gemelle. L’11 settembre 2001 è entrato nella memoria collettiva con la prepotenza di quegli eventi che si scolpiscono nella mente di tutti quelli che li hanno vissuti. A partire da chi ha partecipato direttamente come testimone o parente di una vittima, fino a chi si trovava a migliaia di chilometri di distanza e ha guardato scorrere per ore in televisione le terribili immagini che venivano […]

11-9, Il Balbettio Americano



37
Definire un evento percepibile di per sé è molto ardito dal punto di vista logico. Un evento si caratterizza per le relazioni che il suo accadimento stabilisce col sistema in cui è inserito. Viceversa, considerare caduto un albero nella foresta anche se nessuno ha percepito il fenomeno è implicitamente ammettere che esista una sorta di registro universale oggettivo in grado di apprezzare i fenomeni avulsi dal loro contesto e senza averne diretta percezione. In parole povere, Dio. Nella pratica terrena, quella sulla quale cerchiamo quotidianamente di formarci una competenza, le cose accadono perché si percepiscono, nel senso che qualcuno osserva […]

Informazione e Gravità