Fenomeno


Perché Credo che la mia maturità intellettuale sia a un buon punto. Ho perso elasticità e velocità di accesso ai dati, ma l’efficienza degli algoritmi inferenziali è molto migliore di un tempo. La mia intelligenza non è più quella di una volta, ma la uso in maniera più efficiente. Probabilmente sono all’apice della parabola e voglio lasciare qualche appunto da rileggere tra qualche anno per vedere l’effetto che fa. Poi, credo di aver cincischiato già troppo intorno al concetto di “male necessario” e vorrei coniugarlo a quello di “libero arbitrio” con un’esposizione ordinata. Come Una ventina di anni fa mi […]

Elementi di facilitazione del caos


9
Iniziamo con un paio di domande scorrette. Vale più la vita di un uomo o quella di un gatto? E’ più imperativo preoccuparsi della salute di un bambino o del destino di un leone? Sono domande scorrette perché la vita è un valore assoluto e come tale non dovrebbe ammettere graduatorie. L’attitudine alla sopravvivenza e alla preservazione di un’individualità cosciente sono la sfida ideologica che dovrebbe segnare la caratteristica determinante della specie di cui facciamo parte. Eppure non è così. Per sopravvivere, direttamente o indirettamente, ciascuno di noi è costretto a sopprimere individualità viventi. Per mangiare, per scaldarsi, per vestirsi, […]

Migrazioni


35
Informazione Obiettiva è un ossimoro di cui si fa largo abuso. Tutti i giornalisti, prima o poi, vengono accusati di non fare informazione obiettiva. Anzi, si può dire di non essere veramente arrivato al successo se non si ricevono reiterate accuse di faziosità. In realtà la faziosità è indispensabile ed inevitabile. Diffidate di chi fa professione di obiettività perché avere opinioni e comportarsi di conseguenza è insito nella natura umana come lo è la sessualità e l’istinto di conservazione. Si può vivere per parecchi giorni senza mangiare o bere, ma non si può evitare di avere opinioni sulle cose che […]

Lezioni di Disinformazione: Apologia della Faziosità



37
Nella redazione di MC abbiamo guardato con una grande curiosità e divertimento alle foto pubblicate da ansa.it dove il ministro degli interni Alfano viene “associato” per gesti ed atteggiamenti al famigerato “Genny a Carogna“. Ve le propongo di seguito: L’ANSA è un’agenzia di stampa. Teoricamente il suo core business è la notizia nuda e cruda lasciando ai giornali il compito di “interpretarla” per i lettori con quella attitudine tutta italiana che tanto somiglia alla funzione del Sacerdote che interpreta le sacre scritture per i fedeli. Eppure, in questo specifico caso, un’azienda che per mestiere riporta fatti si trasforma in produttore […]

Lezioni di Disinformazione: Notizia vs. Polemica


48
Il consenso è il tramite attraverso il quale si realizza ogni aspetto della tipicità dell’associazione umana. Stante l’assenza di strumenti attraverso i quali singoli o gruppi di persone, possono imporre la loro volontà sul resto del mondo, è evidente che ogni disegno non può prescindere da una certa forma di collaborazione da parte degli altri. In questa accezione, nessuna forma di governo o di ordine sociale, nemmeno la dittatura più estrema, può sopravvivere a lungo senza consenso. La Germania nazista è esempio tipico di un sistema disumano sostenuto lungamente dal consenso. Meno banale quello della Corea del Nord, mentre l’esempio […]

Lezioni di Disinformazione: La creazione e la gestione del consenso


39
La rete ha un comportamento emergente (secondo la definizione della teoria dei sistemi) e racconta sempre la verità, mediamente. Nel senso che ciascuno è libero di dire la fesseria che vuole, ma alla fine la versione più aderente alla realtà dei fatti e meno “ideologica” si forma quasi autonomamente. Il motivo è semplice: ogni volta che una notizia viene immessa su Internet, che per definizione non produce la realtà ma la rappresenta tramite iniezione esogena, subisce una vera e propria evoluzione e viene raffinata fino alla migliore modellazione possibile o perisce. Se è una balla, infatti, qualcuno troverà sicuramente il […]

Il Dovere di Disinformarsi



45
L’esperimento è semplice. Provate a prendere un foglio di carta. Un foglio A4, quelli che si usano per le fotocopie, va benissimo. Non serve nemmeno che sia bianco. Ecco, ora lanciatelo davanti a voi. Sarà quasi impossibile predeterminare la direzione in cui si avvierà, cadrà in un posto completamente casuale e, comunque, non riuscirete a farlo allontanare da voi in maniera apprezzabile. Ecco, ora raccogliete il foglio. Sì, quello che avete appena lanciato e ripiegatelo a forma di aeroplanino. Non è necessario entrare nelle tecniche da origami, basta fare un aeroplanino elementare (ali ampie aumentano la portanza, ma riducono la […]

Forma, Sostanza e Disinformazione


59
Noi viviamo in un sistema fenomenologico nel quale ogni evento, oltre alle inevitabili implicazione entropiche, genera come sottoprodotto una materia prima che fino a qualche anno fa veniva sfruttata solo in minima parte a causa delle limitazioni tecnologiche. Negli ultimi due o tre decenni, la ricerca industriale ha messo a disposizione strumentazioni efficaci per generare ricchezza dal semplice fatto che si sa che è successo qualcosa senza bisogno di stampare, fabbricare o trasformare nulla. Questo processo alchemico di trasmutazione della materia vile in oro si chiama, in termine tecnico, data mining (si, mining proprio come l’estrazione di oro o pietre […]

Big Data: Ci conoscono meglio di quanto voi crediate


41
Anni fa ho letto un breve romanzo di Bob Shaw, grande e misconosciuto autore di fantascienza, in cui si ipotizzava la scoperta di un materiale trasparente, in grado di intrappolare i fotoni e rallentarne la corsa, che poteva essere utilizzato per catturare immagini e restituirle dopo un intervallo di tempo regolabile. L’epilogo del romanzo è, come si usava in quegli anni, distopico. Il governo decide di irrorare segretamente l’intera superficie della nazione di polvere di vetro lento (il nome del materiale) in modo da essere in grado di recuperare le immagini di qualsiasi evento dai microscopici granuli distribuiti in ogni […]

Controllo e repressione