Sulla Pelle di Tutti 4


Ho visto il film “Sulla mia Pelle” che racconta della vicenda di Stefano Cucchi. L’ho trovato un film buonista, camomilloso, cerchiobottista, che vuole commuovere tutti senza ferire nessuno. Né il sistema, né la memoria dello scomparso, né la famiglia, né i carabinieri, né le guardie carcerarie e nemmeno il personale medico.
Non c’è nessuna scena di pestaggio, più volte al personaggio Cucchi viene chiesto di sottoporsi a cure mediche a cui lui generalmente si oppone, si rifiuta ripetutamente di formalizzare un’accusa specifica e ufficiale nei confronti degli eventuali picchiatori e muore senza un motivo evidente.
A me non è sembrato un film di denuncia, quanto di conciliazione perché non viene fatta alcuna ipotesi su quello che è successo, ma solo rappresentata una sequenza di fatti nei quali emergono le caratteristiche peculiari di quella che è l’Italia di oggi.
E nessuna accusa si sarebbe potuta fare, perché dopo anni dai fatti, nessuno sa ancora perché quell’uomo sia morto, se ci sono delle responsabilità specifiche, se ci sono dei colpevoli. Questo è il dramma che va oltre la morte di quella persona. Ed un dramma sistemico, che non si riferisce ad una vicenda singola, ma al deteriorarsi di un tessuto sociale che non ha più un’identità culturale, nazionale ed ideale.
Della morte di Cucchi non si sa ancora nulla perché in questo paese la giustizia non funziona più, anzi, ha cessato di esistere come organizzazione operativa e come erogatrice di prestazioni ed è solo uno stipendificio che produce carte inutili e quintali di anidride carbonica ogni giorno. Un cittadino che subisce un torto non ha una concreta speranza di trovare soddisfazione perché chi dovrebbe garantirgliela è una macchina a cui è grippato il motore e non ha nessuna possibilità di avviarsi di nuovo.
Ma questo è solo il primo dei problemi. L’altro è l’assoluta indifferenza con la quale chi svolge un ruolo pubblico porta a termine la sua funzione. La depauperazione culturale e l’avvilimento dei valori personali hanno portato molti di noi a svolgere il proprio lavoro come una sequenza meccanica di procedure dalle quali non conviene derogare per non trovarsi nei guai o per non caricarsi della famosa “responsabilità” cosa alla quale tutti cercano di sfuggine. E così può accadere che la gente venga pestata o violentata da persone in divisa, ma tutto sommato a nessuno interessa, che la gente muoia in un letto di ospedale perché a quell’ora c’è un solo operatore di turno e non può essere ovunque, ma a nessuno interessa, che la gente si spenga per tramite di un male terribile, ma deve comunque espletare le pratiche burocratiche più complesse per avere un sostegno perché a nessuno interessa e quella è la procedura.
Stefano Cucchi è morto di quello di cui molti di noi moriranno, senza che nessun carabiniere ci sfiori con un dito. E’ morto di disinteresse, mancanza di rispetto per il prossimo, superficialità, confusione nelle leggi e nei regolamenti che nessuno ha voglia o interesse a semplificare o rendere più chiari.
Questo paese morirà di questo e non di rapporto deficit/pil, immigrazione, relazioni con l’Europa o disoccupazione. Perché queste sono malattie curabili, alle quali una volontà politica seria potrebbe mettere rimedio. Quello che non si può curare è il cancro che ha avvolto il cuore di gran parte di noi. Quella ragnatela scura di egoismo, superficialità, ignoranza, disinteresse e povertà intellettuale che è un male tristemente irreversibile che stiamo passando come untori anche ai nostri figli.
Qualche giorno fa, sulla bacheca di un mio contatto facebook, ho letto che uno dei più grandi web influencer del paese è un ex muratore che ha comprato un diploma da geometra che guadagna seicento euro al mese producendo quelle immagini con su scritto “vergogna”, “dimettiti”, “tornate a casa vostra”, “il nostro capitano”, quelle che dicono “Se sei d’accordo clicca e condividi”. Post che ottengono milioni di click e condivisioni. Tutto per seicento merdosi euro al mese. La ciliegina su una torta a tre strati di squallore. In questo contesto mentale, in questo retroterra culturale, nel nostro futuro ci sono milioni di Stefano Cucchi che creperanno di abbandono e solitudine e, prima o poi, come è successo a me, succederà a voi che leggete.
Io odio questo paese. Io disprezzo questa nazione. Non posso andare via perché il destino mi ha inchiodato qui come un Prometeo a cui, ogni giorno, la rabbia divora il fegato.
E di questo, e ne sono sicuro, prima o poi morirò.


4 commenti su “Sulla Pelle di Tutti

  • Antonello Puggioni

    L’ho visto insieme a mia moglie e ai miei figli e ne abbiamo tratto le stesse identiche conclusioni, le stesse che vediamo stampate nelle maschere che ci circondano ogni giorno, che quando le guardi negli occhi si vede benissimo che in casa non c’è più nessuno.
    Gesù, almeno non sapessi come andrà a finire.

  • fma

    Penso che siano state fatte troppe promesse che non potevano essere mantenute. Cose tipo: le salsicce crescono sugli alberi e ognuno di voi ha diritto d’averne tre chili al giorno.
    La nostra costituzione, art. 3 comma 2, dice: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”
    E’ compito della Repubblica … a crederci c’è il rischio di morire di frustrazione.
    La Repubblica chi? quella bella ragazza che s’è desta e dell’elmo di Scipio s’è cinta la testa?
    Altra cosa se avessero scritto: Dovremo lavorare molto, tutti insieme, per rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono a ogni cittadino di dare il meglio di sé.
    E’ un Paese che ama promettere, per farsi ben volere, tanto promettere non costa niente.

    • Antonello Puggioni

      Caro FMA, sottoscrivo ogni tua considerazione.
      Avercene buon senso come il tuo, il film sarebbe molto diverso!
      Oso soltanto una lieve correzione: questo non è un Paese che “ama promettere”, è un Paese che adora “farsi promettere”.
      La liberazione totale da ogni responsabilità, a ogni livello (come non smette di ricordarci il Comandante) costa ancor meno di niente.

I commenti sono chiusi.