Sogno Un Cuore Strappato e Mangiato in Diretta TV 5


Dopo essersi impossessata del presente imponendo mode, vezzi, personaggi e fatui stili di vita, dopo averci privato del futuro imbottendo la testa dei nostri ragazzi con gomme alla fragola, jeans sotto alla linea di galleggiamento del culo, vite di vespa e seni siliconati, dopo aver proposto ogni forma di zizze, di cosce, di culi, di fotografi depravati, di zoccole in pensione e in attività, di galline senza cervello di professori che non sanno professare e di ballerine che non sanno ballare, la televisione, esaurita l’ultima briciola di squallore, cerca di toglierci anche i fantasmi del passato.


Graziano Mesina all’isola dei famosi. Mesina, il bandito dalle mille evasioni, quello che per anni è vissuto all’addiaccio nei monti sardi braccato dalla polizia. Mesina, un nome che metteva paura, un bau bau della mia infanzia, un piega cupa della nostra storia in braghette sulla spiaggia dell’isola a fare da cartellone pubblicitario ad un programma che definire “di merda” sarebbe già un abuso di eufemismo.

A questo punto perché non un Grande Fratello con Moretti, Curcio, Fioravanti e quel gran dissociato di Franceschini con un paio di figuranti che fanno Moro e il generale Dalla Chiesa? Perché non una Talpa con Gelli, i parenti dei caduti di Bologna e di quelli del treno Italicus?

In un mondo perfetto Mesina accetterebbe di partecipare all’isola dei famosi e alla prima occasione pianterebbe un ramo di palma nella pancia di qualche ex tronista e gli mangerebbe il cuore ancora caldo in diretta tv. Invece ci toccherà vederlo bisticciare per una vongola e piangere quando la Ventura gli mostrerà la foto del nipotino.
E allora, tutti indifferentemente, ci sentiremo più coglioni.


5 commenti su “Sogno Un Cuore Strappato e Mangiato in Diretta TV

  • maria

    Non guardo l’isola e manco la talpa, al momento non in mente nemmeno mesina…
    Visto che forse non avrei dovuto manco lasciare un commento a questo punto…
    Posso solo commentare dicendo che mi è venuta in mente una canzone di De Andrè…
    Magari anche alla nostra amica o nemica televizione ci vorrebbe… “un uomo onesto, un uomo probo tralalalallatralallalero”

    • silvio

      La tv fa male. Meglio un buon libro, o una scopata, o un giro su MC per vedere se è uscito qualche pezzo nuovo.

      • Comandante Nebbia L'autore dell'articolo

        troppo snob.
        la televisione è un fenomeno troppo diffuso per essere ignorato.

        Fatta e fruita correttamente sarebbe uno strumento di eccezionale valore, non può essere liquidata così.

I commenti sono chiusi.