Sì, sì … ci piace proprio 6


Voglio partire dalla fine, e senza alibi, di caldo o stanchezza, di periodo premestruale o premenopausa. Fino a quando continuerà a piacerci in questo modo perverso la sodomia, non usciremo mai da questo pantano. Fino a quando ci basterà lamentarci, e persino fino a quando ci basterà scrivere per sentirci in qualche modo utili, non cambierà nulla. Da molto è giunto il momento della ribellione vera, quello che avrebbe dovuto imporci di andare a stanarli, di prenderli uno per uno e accompagnarli al confine. Non necessariamente in modo cruento. Non servono pallottole o bagni di sangue per questa classe dirigente di malavitosi ripuliti, di ladri di polli che han fatto carriera, di avidi sfaticati che avrebbero venduto le proprie madri e i propri figli pur di garantirsi il benessere da ostentare; sarebbero bastati due schiaffi bene assestati per ricondurli al loro rango di merde, di nullità.
La colpa, continuo a sostenere, è di chi quel dì votò quel tizio, il capo dei capi della cosca dei truffatori. La colpa è di chi, per tutti questi anni ha negato la propria responsabilità. È colpa di chi ancora continua, anche solo comprando un libro Mondadori, ad alimentare la sua esistenza in vita, e di conseguenza l’esistenza in vita dell’esercito di ladri e profittatori che è cresciuto intorno a lui. La colpa è di chi finge di ribellarsi aggregandosi ad altri eserciti, sottostando alle imposizioni di altri padroni, che in cuor loro non hanno il bene del paese o della collettività, ma solo e soltanto la loro ambizione: sostituire quel capo dei capi, senza neppure sporcarsi le mani in prima persona, ma sfruttando la buona fede e l’ingenuità di chi al sogno c’è stato educato, proprio da chi oggi pretende di combattere.
Ho letto qualche notizia: Lombardo affida una carica di rilievo a un carcerato. Non ho letto che immediatamente dopo aver appreso la notizia, il popolo siciliano abbia fatto crollare il Palazzo della Regione.
Ho letto che nonostante sia non candidabile per mafia, Sgarbi è diventato assessore alla Rivoluzione presso il comune di Baldissero d’Alba (assessore a che?) Ma non ho letto di un rogo che abbia distrutto gli uffici comunali.
Ho letto che “i cittadini italiani, chiamati a responsabilità non si sono fatti attendere partecipando in massa al pagamento dell’IMU”, proprio come se fosse una gara di solidarietà. Ti va di pagare, o preferisci dare la tua casa a Equitalia? – Sa, signora mia – quasi, quasi preferisco pagare!
E in fine ho anche letto che Grillo a settembre esigerà le dimissioni di Forminchione (Copy right Rita Pani, ma è secondario).  A settembre, ha precisato, perché era in collegamento da mezzo al mar. Ma almeno ha avuto un pensiero per i milanesi accaldati che lo ascoltavano, si è dispiaciuto tanto di essere là a godersela. Lui sì che pensa alla collettività.

Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

6 commenti su “Sì, sì … ci piace proprio

  • fma

    Fino a quando ci basterà lamentarci, e persino fino a quando ci basterà scrivere per sentirci in qualche modo utili, non cambierà nulla.

    Non mi sembra così campata per aria.

  • ilBuonPeppe

    “La colpa, continuo a sostenere, è di chi quel dì votò quel tizio…”

    Non sono d’accordo. Da quel momento è solo cambiata la pendenza e si è iniziato a scendere più velocemente verso il baratro di cui ancora non si vede il fondo. Ma la discesa era iniziata ben prima.
    Sarebbe bello poter dare tutte le colpe a quel tizio, anche perché in tal caso io sarei innocente, ma sarebbe una presa in giro. La colpa è di chi, già molto tempo fa, votò e continuò a votare (e qualcuno continua ancora oggi) per una manica di delinquenti che, senza distinzione di bandiera, ci hanno portato fin qui.

  • davide

    Cara amica Rita,

    “La colpa, continuo a sostenere, è di chi quel dì votò quel tizio…”

    Io l’ho votato il nanetto e non so se devo sentirmi in colpa. Riconosco che il nanetto non ha fatto altro che pensare alla paperetta, ma per il resto non mi sembra che abbia mai mangiato nessuno. Credo che abbia fatto 100 volte più cose di destra vera Monti in pochi mesi, che il fighettaro in 20 anni.

    Ciao Davide

  • rinnovamento

    Io ho votato quel tizio, ma non mi sento colpevole di uno sfacelo che in Italia è cominciato moralmente con la cossiddetta “Resistenza”. Il popolo italiano è “Franza o Spagna, purchè se magna” Io per ora sono alla presa della Pastiglia, ma entro anno cambierà la lettera iniziale. Fatti, non parole.

I commenti sono chiusi.