Per Amore (terzo di tre)


10 Flares Twitter 7 Facebook 3 Google+ 0 Email -- 10 Flares ×
Attenzione, su Mentecritica scrivono diversi autori. "Per Amore (terzo di tre)" è stato scritto da dellefragilicose. Ogni autore ha la sua opinione personale che non sempre corrisponde a quella del curatore del sito. La pubblicazione non è sinonimo di condivisione delle opinioni e si pubblica ad esclusiva condizione che siano rispettate queste regole. Il sito mentecritica.net non ha fini di lucro, è gestito su base volontaria ed a spese del curatore. Il sito non è aggregato a partiti o movimenti e non sostiene nessuna organizzazione politica.

 

Il treno arriva in stazione con dieci minuti di ritardo. Non mi preoccupa, l’avevo ampiamente previsto. Sono le nove e dieci. Ho margine a sufficienza.
L’agenzia della Banca Meridionale è a pochi passi dalla stazione. Prima di entrare mi svuoto le tasche nella cassetta 22. Portafoglio, chiavi, agendina, telefono. Lascio tutto lì. In tasca mi rimangono un centinaio di euro. Chiudo, prendo la chiave, entro. La guardia giurata all’ingresso mi guarda senza vedermi.


Mi aggiro nella piccola sala affollata come se avessi veramente qualcosa da fare. Mi metto a compilare un modulo di versamento, poi lo butto via ed esco. La guardia non si accorge nemmeno di me e non fa caso al fatto che ho lasciato tutte le mie cose nella cassetta 22. Mentre raggiungo la metropolitana, prendo la chiave, con un colpo secco stacco la targhetta di identificazione della banca e la butto via. E’ una chiave anonima. Potrebbe aprire milioni di porte o nessuna. E’ per questo che ho scelto quell’agenzia della Banca Meridionale.

Sono le nove e trentadue quando arrivo al furgoncino parcheggiato nei pressi della metropolitana. Giro la maniglia del portellone posteriore. Non è chiuso a chiave. Dentro trovo una scala, delle assi di legno, un trapano ed una cassetta di attrezzi. Apro la cassetta, sposto chiavi inglesi, cacciavite e filo elettrico ed arrivo al doppiofondo. Lo apro e trovo quello che mi serve. Lo metto in tasca. Rimetto a posto gli attrezzi.
Richiudo il portellone e inizio a scendere verso la stazione. All’edicola compro un biglietto ed un quotidiano. Mi avvio verso i treni. Un quarto alle dieci.

Arriva il treno. La solita ressa per salire. Non vado di fretta e mi tengo dietro. Salgo poco prima che la porta si chiuda ed involontariamente urto un tizio. Questo si gira. Puzza e ha gli occhi rossi come se non avesse dormito. Guarda per un attimo la mia giacca stazzonata, i miei capelli radi, le lenti spesse ed il mio vecchio cardigan verde sbiadito. Mi mette una mano in petto e mi spinge via brutalmente dicendo qualcosa che non riesco a capire. Io, senza che il cuore faccia un battito in più del necessario, gli sorrido e abbasso gli occhi. Incidente chiuso. Fra due fermate devo scendere.

La hall dell’albergo è affollatissima. Mi siedo vicino all’ascensore numero 3, di spalle alla telecamera di sorveglianza.
Apro il giornale ed inizio a leggere. Le previsioni per il week end non sono buone. Poco male. Non ho programmi. Leggo qualcosa della cronaca locale. Questa è una grande città molto violenta e le pagine sono piene di titoli allarmanti. Le dieci e mezza. Chiudo il giornale e salgo al terzo piano. A piedi, lentamente.

Il corridoio è lungo e bene illuminato. Mentre lo percorro alzo il giornale ripiegato come se volessi ripararmi dalla luce livida delle lampade. Non ho bisogno di guardare. So bene che in fondo al corridoio c’è un’altra telecamera. A metà del percorso mi fermo a fianco della stanza 321. Respiro lentamente cercando di controllare le pulsazioni del cuore. Dopo tre minuti, uno scatto. La porta si apre.

continua qui

 

Puoi scrivere anche tu su MC. E' gratis. Leggi qui.

Offri un caffè a MCcup_PNG1968

10 Flares Twitter 7 Facebook 3 Google+ 0 Email -- 10 Flares ×
The following two tabs change content below.
Una delle personalità di Gianalessio Ridolfi Pacifici che non è uno schizofrenico. Su questo, tutte le sue personalità sono d'accordo. Abbiamo scritto una raccolta di racconti pessima. Leggile a questo link.

Ultimi post di dellefragilicose (vedi tutti)