Dopo Bossi ci Sono i Calabresi


Chissà perché quei pupazzi della lega avevano questa fissazione delle lauree: Renzo Bossi, Rosi Mauro, Francesco Belsito, tutti a comprar lauree con la stessa indifferenza con la quale io compro le cipolle. Sono rosse? Quelle che non fanno fare i rutti? bene, nel carrello. Senza guardare dove le fanno o quanto costano. Lauree a Londra, in Svizzera, addirittura a Malta. E’ proprio vero che ognuno desidera cose che non può avere, è overo papà? Il mio papà è lontano, mille chilometri più o meno. Mi ha rotto il cazzo per anni per farmi laureare. Io pensavo ad altro: la guerra, le donne, i soldi, la politica. Di laurearmi non me ne passava nemmeno lontanamente per il cazzo. Poi la mise sul personale, sul debito che avevo con lui e alla fine all’università ci sono andato. Una trentina di volte in Italia e una decina nel New jersey.
Ora mio padre è contento. Sono due volte dottore, in due lingue. Non ho la porsche, non ho le ville, non sono consigliere regionale, sottosegretario o vicepresidente del senato, non mi sono chiavato la Elena Morali (di molto meglio a dire il vero, anche considerando trucco e vestiti), ma sono dottore. Size matters (vero papà?)

 

Il volto di Bossi. Finalmente su repubblica una cazzo di voce fuori dal coro. Negli ultimi giorni del pietismo nei confronti del vecchio dalla bocca storta ne ho fatto il pieno. Per me, se Bossi fosse morto venti anni fa per qualche ictus, l’Italia sarebbe un paese migliore, anche se rispetto alla merda che è oggi ci vuole poco. A parte aver procurato fica macchine e stipendi ai figli, quali sarebbero i meriti di Bossi? Il federalismo? Ma perché dove sta scritto che il federalismo è la soluzione ottima per un ordinamento nazionale? Sono federalisti USA, Svizzera e Germania, ma la Francia, la Cina e le grandi monarchie nord europee non lo sono e campano bene lo stesso.

Le colpe, invece, mi sono chiare: le posizioni estreme e spettacolari di Bossi e dei suoi pupazzi hanno monopolizzato temi essenziali quali il controllo dell’immigrazione e la redistribuzione sul territorio dei redditi prodotti. A furia di fare i pagliacci per 20 anni non si è fatto un cazzo e ci ritroviamo con decine di migliaia di immigrati irregolari e la centralizzazione delle tesorerie comunali.
Bossi e i suoi accoliti sono andati oltre l’inutilità. Non si sono limitati ad a intascare stipendi, vitalizi e rimborsi spese, ma hanno distratto interesse, diviso persone e culture. Hanno sottratto credito politico al paese che ora, grazie a loro, si trova non solo più povero, ma anche tradito nella parte più rispettosa delle regole, che nella politica ci credeva ancora e che si ritrova con un cazzo moscio e freddo in bocca da ciucciare silenziosamente in attesa che arrivi quello rovente e turgido che parla calabrese, napoletano o siciliano che, prima o poi, sicuramente arriverà.

Mi raccomando, ingoiare, che se sputate si offendono. Ve lo dico per esperienza.