Orgoglio 8


Sarà pure la serata del vostro orgoglio, legaioli, ma è un orgoglio di merda. Così ha fatto maroni: ha preso in mano una palletta di merda e l’ha rimpastata, tentando di far uscire un fiore. Merda era e merda rimane, del vostro cerchio magico del vostro sognar da barbari e del vostro orgoglio.

Vi fa saltare ai ritmi da stadio e ancora promette, di meritocrazia, di soldi padani ai padani. Di largo ai giovani. E voi saltate così come corrono i criceti dentro la ruota. Perché vi hanno ammaestrato, perché vi sono bastate le aiuole fiorite, le camicie verdi, il fazzolettino nella tasca e la caccia ai negri che vi reggono in piedi, lavorando da schiavi, sfruttati di giorno e cacciati di notte.

Patetici, pagati per inneggiare a bossi, come se non fosse il padre del figlio scemo che ha, e che alla fine si è dimostrato assai più intelligente di tutti voi.

Se solo foste in grado di scendere dalla ruota di plastica dentro la gabbia che vi hanno costruito intorno, pensereste per un attimo a quel che ha detto ieri: “mio figlio da qualche mese mi diceva che in Regione non si trovava.” Voi legaioli che avete figli disoccupati, o sottopagati, sfruttati dai padroni padani in padania, avreste potuto provare anche voi, il benefico influsso dell’orgoglio vero. L’orgoglio che vi avrebbe dovuto spingere a cacciarli a calci nel culo. Come spesso vi hanno esortato a fare ai negri che sfruttate.

I vostri giovani, come tutti i giovani italiani, si impegna nello studio, si impegna a crescere, si impegna per tentare di avere un futuro, sapendo che non lo avrà, mentre un idiota, una testa di cazzo inutile, poteva anche “non trovarsi” col culo al caldo, a guadagnare una decina di migliaia di euro al mese, più i benefit della razzia dei soldi pubblici.

È proprio un orgoglio di merda, il vostro. Un orgoglio che vi hanno insegnato, ma ve lo hanno insegnato sbagliato. Roma ladrona, vi hanno insegnato, mentre rubavano anche 50 euro alla stregua di borseggiatori, scippatori, ladruncoli o criminali comuni. Qual è l’orgoglio che rivendicate oggi? Quello del vostro capo supremo, che proprio come craxi o il suo ultimo complice il tizio assai più delinquente di voi, grida al complotto, al giudice comunista, e alle classiche boiate che per anni ci hanno frantumato l’anima?

Vedo ora quell’essere amorfo del capo dei barbari sognanti con una scopa in mano, per fare pulizia. Mi viene da ridere, perché se è di questo che è fatto il vostro orgoglio, allora è assai peggio della merda. Le vostre urla, davanti ad una farsa patetica come chi la rappresenta sono un oltraggio verso il genere umano pensante.

Sì, se è questo il vostro orgoglio, allora vi auguro ancora tanta padania. Non vi è ancora bastato.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

8 commenti su “Orgoglio

  • fma

    Penso:
    a)Tutto vero. Anche la conclusione:

    se è questo il vostro orgoglio, allora vi auguro ancora tanta padania. Non vi è ancora bastato.

    e mi domando:
    b) Ma quel che vale per “l’orgoglio padano”, sepolto dalla merda della storia, non vale per gli altri “orgogli”?

    • ilBuonPeppe

      Ovviamente sì, ogni volta che la parola “orgoglio” non si riferisce direttamente a qualcosa che si è costruito o conquistato con le proprie forze.
      Per fortuna i margheritini ci hanno risparmiato menate come questa quando è esplosa la faccenda Lusi; forse loro hanno meno di cui essere orgogliosi?

      • fma

        Onestamente dei margheritini non me ne potrebbe fregare di meno.
        Così come dell’orgoglio di chi s’è fatto da sé: pure Berlusconi s’è fatto da sé e ne mena vanto.
        Erano altri gli “orgogli” cui alludevo.

          • fma

            O anche rimpianto del primo amore, che se è quello degli altri fa ridere, mentre se è il tuo guai a chi s’azzarda a parlarne male. 😉

  • Vittorio Mori

    Ho dei carissimi amici a Bergamo, che andavo spesso a trovare. Ho girato un po’ da quelle parti, e penso di aver trovato colà delle forme mentis prettamente medioevali, fatte di (piccoli)re-vassalli-valvassini-valvassori, condite da molta TV soprattutto biscionica, dané, SUV, droga (coca e non cola). Gente che fa molto sport, lassù, ma poco allenati culturalmente. Insomma: molto sforzo fisico, poco sforzo mentale/culturale di capire il prossimo, e quello che loro chiamano “orgoglio” io lo chiamo solo sbruffonaggine e chiusura mentale – è facile credersi belli&forti se non ti confronti con nessuno, se non i poveracci.

    Non mi stupisce affatto che là sia nato un fenomeno veramente “barbaro” – nella peggiore delle accezioni possibili – come la Lega: trovo tragicomico che i loro leaders si siano fatti corrompere, praticamente, fin da subito. Questi credevano di scardinare i bizantinismi romani a suon di rutti, invece hanno pasteggiato a polenta&champagne per molti, molti anni. Viene fuori solo adesso perché siamo con delle belle pezze al culo, e c’è questa atmosfera del “si salvi chi può”… all’ombra del pupazzo Monti c’è solo un tot di posto, ove continuare a rubare, i soliti furbetti (Casini in primis) l’hanno capita e tengono su la charade: i Leghisti, scarpe grosse&cervello fino, non l’hanno capita e si sono esposti, al solito forti di quello spocchioso “orgoglio” che io continuo a chiamare becera ignoranza.

    Che i loro leaders rubassero era non ovvio, ma ovvissimo fin dai tempi di mani pulite, dove furono presi con le mani nella marmellata degli appalti, lo ricordate Bossi che sventolava l’assegno di 200 milioni davanti al giudice? …e nemmeno allora la famigerata base aveva capito…ahh beata ignoranza…

    E’ piuttosto facile prendere in giro una manica di fessi comunque, perché in fondo in fondo è quello che vogliono, la baccagliata in piazza, cerchi magici, e poi “tutti a letto che domani si dee andà a laurà”.

    Hanno quello che si meritano, e penso continueranno così, a giocare a mordersi la coda, come i cani (quelli scemi).

I commenti sono chiusi.