In nome di Silvio. 34


E così ci ritroviamo, come di consueto, nel paradosso italiano.

  • “Gente” inquisita, processata, condannata.  Sentenze messe in discussione come una qualunque signora attempata attenta al centesimo metterebbe in discussione il prezzo delle fragole sul mercato: troppo care, non vanno bene.
  • Ragazzine tirate a lucido con bocche “canottate” che urlano all’indignazione, loro.
  • Giornalisti obesi soprattutto nell’ego, sedicenti intelligenti a tal punto convinti che qualcuno ha creduto nella loro intelligenza auto referenziata.
  • Signore attempate plastificate, celate da enormi lenti scure per coprire il volto della contraddizione e della vergogna inconscia verso il comune senso del pudore e del livello minimo di coerenza tollerata del “buon padre di famiglia”.

 

Questo lo scenario italiano, mentre la gente, quella vera, i comuni mortali, vivono sperando che questa crisi(come è iniziata e cosa sia ancora non si sa) finisca. E mentre sperano passano il tempo davanti ai capricci di vip politicizzati o politici vippizzati, la differenza non conta.

Lo scenario desolante di un paese qualunquista dove per vincere devi mettere davvero le mani nei portafogli o meglio far credere di poterle mettere con inverosimile ma creduta illusione di arricchire in qualche maniera, anche nella maniera più insignificante, anche con semplici acronimi di tre lettere spaventose…ici…imu.

Il grande cavaliere smascherato ama però troppo il vizio in Italia mal tollerato, e mentre chi lo sostiene lo invidia, chi lo detesta lo addita come puttaniere. E di qui il gioco si fa senza fine. Puttane, puttanieri , l’importante è parlare di puttanate.

Di Rossana Luccisano

Questa lettrice ha risposto all’appello di MC che cerca nuovi autori

Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

34 commenti su “In nome di Silvio.

I commenti sono chiusi.