L’Appiccicosa Melassa di Twitter 14


Deluso ferocemente da Facebook, al quale mi ero avvicinato consapevole della vacuità dello strumento, ma speranzoso di poter ritagliare una fetta di interesse per gli argomenti che mi stanno a cuore, da qualche giorno sto cercando di usare twitter dove le foto sono in secondo piano, non esistono gli eventi e il limite dei 140 caratteri impone una certa disciplina mentale.

Stamattina scossa di terremoto e parte la cascata di miele. Appelli per sospendere parate e visite del papa allo scopo di destinare i quattrini ai terremotati, come se nessuno sapesse che i soldi si spendono per organizzare un evento e non per tenerlo. Ripetizione a mitraglietta e a pappagallo dello stesso numero di telefono a cui chiamare “per soccorsi” e dell’appello ad aprire le reti wifi domestiche in sostituzione dei telefoni scarsamente funzionanti come se le wifi domestiche viaggiassero via satellite.

Ma a che pro aprire le reti? Forse per consentire ai terremotati di poter richiedere la sospensione degli eventi per destinare i soldi ai terremotati, ripetere a mitraglietta lo stesso numero di telefono a cui a cui chiamare “per soccorsi” e lanciare appelli ad aprire le reti wifi in sostituzione dei telefoni scarsamente funzionanti. Una versione ricorsiva e vuota del buonismo più becero, ipocrita e inutile.

Tutti disponibili ad aiutare se si tratta di premere un bottoncino “retweet”, senza applicare nemmeno un milligrammo di inferenza, nessuno che dice “voglio cacciare 50 euro ditemi dove versarli” oppure che chiede dove andare a dare una mano con pala e piccone. Retweet e il gioco è fatto, la coscienza è salva e l‘anidride carbonica si disperde nell’atmosfera in una invisibile, nuvola inodore di stupide ed ipocrite cazzate che avvelena l’ambiente, corrompe i cuori e anticipa la fine del mondo che già aspettare dicembre 2012 è diventato pesante.

p.s.: a scanso di equivoci e con grande trasparenza, non voglio cacciare i 50 euro (nemmeno 10) e non ho nessuna intenzione di avviarmi con pala e piccone da qualche parte. Io, lo ammetto apertamente.


14 commenti su “L’Appiccicosa Melassa di Twitter

  • Gianalessio Ridolfi Pacifici

    anche su FB. non c'è speranza.

    CHIEDIAMO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ANNULLARE LA PARATA MILITARE A ROMA.
    CHIEDIAMO AL PAPA DI ANNULLARE IL VIAGGIO A MILANO.

    CHIEDIAMO DI CONVOGLIARE TUTTI QUEI SOLDI A FAVORE DELLE POPOLAZIONI COLPITE DAL TERREMOTO.
    BASTA BUTTARE VIA I NOSTRI SOLDI PER COSE INUTILI, RIMETTETELI DAVVERO A DISPOSIZIONE DEL PAESE E DEI SUOI CITTADINI.

    (copiatelo e incollatelo su TUTTE LE BACHECHE! TUTTE!)

    ma su tutte eh?, su tutte.

  • maria

    Io non l’ho messa sulla bacheca… è grave? Però, l’ho letta!
    Posso solo dire che se veramente viene sospesa, che sia per mandare quante più forze possibili in questi luoghi, intendo le forze dell’ordine.
    Ma le manifestazioni sindacali previste nel pomeriggio a Roma dovranno “aversi” (non mi viene un altro termine mo) oppure no?
    Magari anche i soldi dei biglietti del pulman potrebbero essere dati…
    Per la pala e piccone, ti capisco, specie dopo ciò che avvenne nell’80 e non ti nego che vorrei vedere un critico d’arte con la pala e piccone in mano, e possibilmente con la bocca chiusa.
    Dove sarà ora a dire di ripartire subito?
    Che poi, non è quella la frase imputabile bensì la voglia di sentirsi sempre superiori a qualcuno.
    Purtroppo, le parole di un simile personaggio, alla fine, vengono prese per parole dal popolo e mai singole e personali quali poi alla fine sono…
    Però, mi dispiace e mi dispiace molto per quello che è successo. Empaticamente sono vicino a tutti quelli che soffrono sia per le perdite (di vite umane) avvenute così e sia per i disagi che stanno vivendo.

  • Doxaliber

    Nel momento in cui c’è stata la scossa non si riusciva a chiamare neanche da qui, quindi ben lontano dal luogo della scossa verosimilmente perché i parenti preoccupati si erano tutti messi a telefonare all’impazzata e quindi non si riusciva a chiamare. Twitter invece funzionava benissimo e in mezzo a tante cazzate si riuscivano ad avere certamente più informazioni che non da altri canali. Come strumento di comunicazione quindi ha funzionato. Sul resto ti dò ragione, ma non ci vedo niente di sorprendente, sono dinamiche normalissime. I top trend di twitter sono cazzate come quelle di facebook, un po’ meno peggio magari. Ma su twitter, così come sul mondo reale, la maggior parte delle persone si comporta come il gregge, segue acriticamente il cane pastore che abbaia. Chi domina ha un gran potere, se sa cosa farsene ovviamente.

    • Vortexmind

      Twitter (come Facebook ma anche WordPress) sono solo strumenti. Con un martello puoi piantare un chiodo e appendere un quadro, oppure puoi spaccare il cranio a qualcuno. Le catene di sant Antonio sono sempre esistite anche in via cartacea, diciamo che le tecnologie attuali hanno diminuito le barriere all’ingresso. Il fatto di avere in Interner un terribile margine Segnale/Rumore è un problema molto appassionante per gli addetti al settore perchè difficilmente si potranno cambiare le abitudini della gente…

      • Comandante Nebbia L'autore dell'articolo

        Sì Paolo, sì Salvatò, avete ragione. Solo che strumenti potenti utilizzati da deficienti fanno danni più vasti che a me rompono le balle.
        Anche perché prestano il destro alla manipolazione mediatica. Ora si parla della parata, e si dimentica il terremoto, poi domani tutti a magnare la pizza e passa tutto.

  • Gilda

    Neanche io voglio spendere 50 euro che ho invece usato per fare il pieno di benzina e andarmene dall’Emilia, e quindi di certo domani non prendo pala e piccone perche’ in spiaggia al sicuro non servono.
    Penso invece che le energie usate per queste “proposte” sarebbero molto più fruttuose se si utilizzassero contro i fenomeni di sciacallaggio che dilagano demotivanti in tutte le zone terremotate, altro evento deludente di questo paese.

    p.s. stavo commentando il post sulle coppie di fatto, quando e’ arrivata la seconda scossa. Non lo commento più, per scaramanzia… tanto non era nulla di fondamentale.

I commenti sono chiusi.