la Rabbia di Mario Balotelli 4


Ma sì, ci sta: troppi simboli, e noi, in fondo, viviamo di metafora. Trasliamo, interpretiamo. Forse per debolezza, forse per eccesso di sensibilità. Così umani. Ma come rimanere insensibili, vorrei dire inerti, di fronte a quella micidiale doppietta di Balotelli? Il simbolo è lui e se lo merita tutto. Non perché in campo fosse solo, tutt’altro. C’eravamo tutti, invece, accorpati, massicci, soprattutto rabbiosi. Ma Mario è un’occasione troppo ghiotta, e forse facile, per lasciarsela sfuggire. E’ l’italiano nuovo, l’italiano nero, o ‘negro’, ed ebreo, contro la Germania. Si può resistere? No che non si può.

In campo, io non tifosa, e proprio perché non tifosa, ho visto finalmente l’Italia. Balotelli è un riassunto di quest’Italia. Non completo, si spera, ma vivo. E’ il ragazzaccio intemperante, che spoglia il bel corpo annichilendolo però in una smorfia caricaturale degna di Big Jim. (Ma ammonirlo? Scherziamo!) E’ il tenace che reagisce d’istinto: s’aggrappa al suo paese, spesso con lui ingrato, con tutte le forze della spontaneità irrequieta. Ineducato, diretto, passionale, dionisiaco tanto quanto Pirlo è apollineo e neoclassico. Se c’era un tedesco stasera, l’ho visto in Andrea e in quel volto mezzo sfingeo mezzo contadino di Buffon, uno che non ride mai, che forse esiste solo sul campo, ma le cui parate valgono tre gol.

Ho scritto “c’eravamo”, perché mi sono immedesimata anch’io in quegli assist, l’ho vissuta anch’io quella sofferenza. So bene che è solo una partita, che i problemi si riproporranno domani, ma che dico, adesso, prima di coricarmi. Ma non cedo al moralismo d’accatto. Il cuore necessita di passione per ripartire. E di momenti completamente spaziati, lineari, fisici. Di prorompenza ed effluvio.
I ragazzi tedeschi, più giovani, più riposati e più in forma dei nostri, sono ovviamente incolpevoli delle scelte del loro governo. Ma alla logica dei simboli non possono sottrarsi nemmeno loro. E, in quella squadra meno composita della nostra, io non riuscivo a non vedere l’Europa vincente. Forse, l’unica Europa. L’unica che conti, che venga considerata realmente tale. Non potevo sopportarlo: come europea, come democratica, come italiana.

Mario Balotelli è stato la risposta visiva a quest’Europa asettica, prepotente, unidirezionale, rigida dominatrice dell’unica razza del mercato. Esagero, probabilmente: concedetemelo,oggi gira così.
Rabbia, dunque, perché rabbia ci voleva, ci vuole, una rabbia entusiasta e perseverante. I ragazzi del gol hanno fatto la loro parte. Tocca a noi concretizzare, materializzare quella rabbia e quell’entusiasmo nella lotta quotidiana dell’esistenza di cui l’incontro di calcio è – ci risiamo – l’ovvia metafora. Un riposo alla tensione, ogni tanto, è necessario. E’ come il sorriso per strada d’un affascinante sconosciuto. Ritempra il nostro cuore. Adesso, però, voltiamo pagina, e proseguiamo.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

4 commenti su “la Rabbia di Mario Balotelli

  • Gianalessio Ridolfi Pacifici

    Capita anche ai più duri e puri, come me, di perdere ogni tanto il cipiglio. Poi, se c'è di mezzo una bella ragazza, nel mio caso o un bell'uomo, come nel tuo, c'è pure il richiamo della foresta e la situazione rapidamente precipita 🙂

  • Gianalessio Ridolfi Pacifici

    Capita anche ai più duri e puri, come me, di perdere ogni tanto il cipiglio. Poi, se c'è di mezzo una bella ragazza, nel mio caso o un bell'uomo, come nel tuo, c'è pure il richiamo della foresta e la situazione rapidamente precipita 🙂

  • ilBuonPeppe

    Giusto. Ci vuole passione, carattere, rabbia.
    Peccato che queste caratteristiche gli italiani sappiano trovarle solo in un campo da calcio.
    Che tristezza…

I commenti sono chiusi.