Cittá Grigia: anno 1 14


Un anno fa come oggi sbucavo su Potsdamer Platz con le mie valigie lilla. C´era il sole, come oggi, ma il freddo era già arrivato. Ero lì, senza una casa, senza un lavoro, senza un amico, senza conoscere la lingua. Ero ad una partenza ed eppure mi sembrava un arrivo. Ero sottile e tagliente. Ero lucida e spietata. Ero molto più coraggiosa di oggi, ma anche più spaventata.
C´è chi la mia l´ha definita una fuga, una follia, un´opportunità per la carriera, una decisione coraggiosa, una scelta triste, una cosa temporanea, un´ennesima fuga dei cervelli, un atto di viltà.

Art of *pingallery

Per me è difficile anche definirla “scelta”. Per me, è stato semplicemente un assecondare la vita, un lasciare che accadesse ciò che doveva accadere. Onestamente non saprei come spiegarlo meglio.
Esistono nella vita degli uomini alcuni rari momenti in cui la strada da percorrere appare chiara, definita e ineluttabile. A volte ci rifiutiamo di vederla, per paura, per insicurezza, per superbia, per egoismo o per generosità. Ma bisogna approfittare di questi rari momenti di lucidità che ci sono concessi e fidarsi. E muovere semplicemente il primo passo.

Nel seguito della storia la differenza la fa il carattere. Il debole arrancherà, si impigrirà, si lamenterà, sarà indeciso se andare avanti o tornare indietro o, nel peggiore dei casi, se fermarsi lì e non muovere più un passo. Invece bisognerà continuare a camminare, con lo sguardo fisso sull’orizzonte, lentamente, inesorabilmente, continuando a percorrere la stessa strada perché nel momento della scelta sapevamo che era la cosa giusta da fare ma nessuno ci aveva assicurato che fosse la più semplice.

Poi c´è la paziente attesa. Il capire che nonostante tutto potrà non andare come ci siamo aspettati, almeno sul breve periodo, che per quanto possiamo impegnarci, qualcosa ci sfuggirà, su altro dovremo cedere e lasciare che le cose vadano per conto loro. E aspettare. E camminare.
Ma sempre continuando a fiutare nel’laria il prossimo cambiamento.
Time is on my side, yes it is.

Una testimonianza di S.

La voce degli amici

Se vuoi prestare la tua voce per leggere questo post, usa questa pagina per scrivermi un messaggio. Grazie

La lista di tutti i post letti dagli amici di MC la trovi qui.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

14 commenti su “Cittá Grigia: anno 1

I commenti sono chiusi.