Israele deve assassinare Obama


Questo è l’astutissimo suggerimento pubblicato qualche giorno fa nell’editoriale di un quotidiano americano poco noto, l’Atlanta Jewish Times, che come dice il nome si offre per voce della comunità ebraica.

Secondo Andrew Adler, l’autore dell’articolo e direttore del giornale, Israele avrebbe tre possibilità per contrastare l’Iran: bombardarlo, bombardare preventivamente Gaza e Libano o uccidere Obama in modo che possa essere sostituito dal vice-presidente

Non appena la notizia ha cominciato a diffondersi si sono levate altissime polemiche e qualcuno deve aver spiegato bene all’editore dell’AJT l’enormità dell’affermazione, tanto che questi si è scusato dandosi dell’idiota, senza sfumature. Inutile dire che tutte le organizzazioni ebraiche negli Stati Uniti si sono affrettate a ripudiare l’idea, negli Stati Uniti non c’è di peggio che essere accusati di tradimento verso la patria, la bandiera e il Presidente o di mettere un altro paese “prima” degli States.

Purtroppo è stato un po’ come chiudere la stalla dopo che sono scappati i buoi, anche perché non è per niente difficile rintracciare espressioni feroci di noti esponenti dell’ebraismo contro il presidente americano e nemmeno altre considerazioni all’insegna del “eliminiamo questo nemico d’Israele“. Che comunque con Israele è incredibilmente generoso e paziente, visto che da quella parte ha incassato offese e schiaffi fin dalla sua elezione. Un bruttissimo colpo a un’immagine già in disastroso declino.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.