Io Odio i Nazisti dell’Illinois


Passa al parlamento la legge contro la propaganda fascista. Attenzione, se vi fate male a un braccio e, in ospedale, ve lo ingessano,chiedete che l’ingessatura faccia una piegatura al gomito di almeno 30 gradi verso l’interno. Non verso l’alto, mi raccomando, se no la posa diventa nazista e la Germania può chiedere l’estradizione. Se proprio il medico insiste che ve lo vuole ingessare dritto (il braccio), fatevi rilasciare una dichiarazione dall’ospedale con i relativi timbri e marche da bollo e applicatela sul gesso in una foderina di plastica trasparente, come si faceva una volta sul parabrezza della macchina per il bollo e l’assicurazione, altrimenti potreste incorrere nella mancata esposizione che comporta una multa da 50 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente. Se non avete la patente, sarete obbligati prima a prenderla e poi, una volta superati gli esami, verranno decurtati i cinque punti dai venti iniziali.
Controllate le vostre vecchie collezioni di francobolli. Tutti quelli con i fasci disegnati vanno inceneriti e, eventuali lettere d’amore dei vostri nonni datate secondo la numerazione dell’anno fascista, ridotte minutamente a pezzi e ingoiate. Non c’è problema perché a quei tempi carta e inchiostri erano tutti fatti con materiali naturali e idonei anche al consumo per i vegani.
Il nero snellisce, ma andrebbe evitato perché, specialmente le camicie, possono passare per una sottile quanto subdola forma di propaganda. I migliori stilisti stanno già lanciando linee “fascist free” dove è previsto che non possano esserci più di sette centimetri quadrati di nero ininterrotti ed ammorbiditi da inserti rosa e fucsia.
Milan, Inter e Juventus sono a posto. I portieri e gli arbitri si sono adeguati da tempo. Resta da sistemare i carabinieri che, oggettivamente, hanno più di una ragione per doversi rifare un’immagine.
La questione estetica è sistemata. Se invece siete fascisti nel cuore (e spesso non se ne è nemmeno consapevoli perché la patologia attiene al sistema nervoso simpatico) potete liberamente continuare a spammare la vostra cacca su facebook e twitter quando, invece di contestare nel merito, vi limitate a commentare: “sei fascista”, “sei comunista”, “sei razzista”, “sei buonista”, “sei un sostenitore dei carabinieri”, “sei un nemico dei carabinieri”, “sei leghista”, “sei un grillino”, nel disperato tentativo di ridurre la realtà a qualcosa di classificabile e comprensibile per le vostre povere menti. Comportamento che mi ricorda quello dei bambini che costruiscono un aero con i mattoncioni del lego pretendendo di simularne tutta l’articolata meccanica e elettronica. Almeno quelli sono bambini e giocano sapendo di giocare, i fascistoni del web, invece, sono convinti di fare sul serio e di essere persone intelligenti e maturissime perché riescono a mettere in fila tre mattoncioni per comporre un insulto (chiedo scusa per l’off topic ma ho il dente avvelenato).
Va bene, ora che questa importante questione è sistemata si può trovare tempo per bazzecole come la legge elettorale visto che tra sei mesi ci sarebbe da votare e nessuno ancora sa come, vedremo.
Nel frattempo gli americani che contro il nazifascismo hanno combattuto una guerra invece di indossare l’orbace, possono, se vogliono, fondare partiti nazisti, andare in giro con la svastica sul braccio e partecipare a film che passano alla storia come i famosissimi Nazisti dell’Illinois che tutti ricordiamo con tanta simpatia.

p.s. Ho 50 euro che dicono che questa legge sarà rapidamente archiviata nell’affollatissimo armadio delle leggi inutili ed inapplicabili e che contribuirà solo ad intasare i tribunali con inutili procedimenti. Ma è questo ciò che meritiamo e questo inevitabilmente ci viene comminato. Auguri.


Informazioni su Comandante Nebbia

Sono stato un uomo mediocre. Ho avuto mille paure segrete e le ho tenute nascoste sotto una coltre di ruvida violenza. Ho camminato a caso e qualche volta mi sono fermato quando non dovevo. Ho muti rimpianti, una rabbiosa rassegnazione e vivo di severi silenzi. Ho amato i pigri pomeriggi d’estate, le stanze ombrose con gli scuri abbassati e i giorni cupi dell’inverno più freddo, quando il cielo grigio minacciava pioggia e i primi lampi squarciavano l’orizzonte.