Intercettazione Berlusconi Lavitola: La Mediocrità al Potere 3


Oggi, il Gruppo Editoriale l’Espresso nell’ambito della sua forsennata lotta a Silvio Berlusconi, ci apre un’altra finestra di cinque minuti scarsi sulla disperata mediocrità della classe dirigente italiana, in questo caso particolare del presidente del consiglio e del suo fido collaboratore/segretario Valter Lavitola. Ascoltando la telefonata, emergono elementi del tutto simili a quelli della precedente conversazione che abbiamo già avuto modo di analizzare.

Nella telefonata tra Silvio Berlusconi e Valter Lavitola l’Accattone, probabilmente non c’è alcun elemento che possa indurre il sospetto di un reato. […]
Da una parte un untoso e strisciante servo […] Dall’altra un uomo palesemente torpido, poco reattivo, distratto, incapace di concentrarsi anche sulle cose più elementari. Stanchezza? Vecchiaia? Farmaci? Alcol? Droghe? Non è dato saperlo. Qualsiasi cosa è possibile e, sinceramente, inquietante. (citazione)

I due delirano di improbabili milioni di persone che dovrebbero invadere la piazza, assediare il giornale Repubblica e “fare fuori” il Palazzo di Giustizia di Milano. Sembra di ascoltare due vecchietti al bar che, davanti al loro bianchetto, vagheggiano di rivolte e improbabili rivoluzioni di sistema. Non manca nemmeno il riferimento alla salute cagionevole e la minaccia (promessa) di ritirasi a vita privata per godersi la pensione.

Più che le vaghe e, sinceramente, ridicole velleità golpiste, quello che spaventa nella conversazione è la banalità degli argomenti affrontati, la mancanza di approfondimento e la distanza con la vita reale che emerge ancora più drammaticamente in queste ore dopo la manifestazione di Roma dove la gente è veramente scesa per strada, ma certamente non per assaltare “La Repubblica” o i palazzi di giustizia.
I problemi sono altri, ma Berlusconi e Lavitola non lo sanno o fingono di non sapere. Nei loro discorsi la “nazione” esiste solo in funzione dei loro interessi, non concepiscono altro. La loro mente è incapiente. Non solo si comportano da arraffoni, ma anche da cretini, ignoranti e poveracci. Non ho avuto modo di ascoltare altre telefonate, ma sospetto che la profondità di argomentazioni e l’attitudine ad una visione solipsista degli eventi sia condivisa da tutta l’attuale classe dirigente italiana.

In Italia non c’è stato alcun golpe, se non quello coordinato e condiviso da tutti i partiti per la legge elettorale. Quelle persone sono lì per nostra volontà, il che ci lascia pensare che noi non siamo molto migliori di loro. Eppure, il sistema è intasato e in qualche modo si deve sbloccare. La politica è presidiata dai partiti, la piazza dai Black Bloc, l’informazione da giornalisti inevitabilmente collusi con il potere, Internet dal conformismo.

Se pure riuscissimo a migliorare, non avremmo un canale nel quale convogliare le nostre energie e portarle alla luce. E’ per questo che sono pessimista. Il sistema circolatorio italiano è intasato. Viaggiamo verso una grave ischemia che può ucciderci o lasciarci minorati per sempre. Una cura radicale non è più una delle opzioni, ma l’unica speranza di sopravvivere.


3 commenti su “Intercettazione Berlusconi Lavitola: La Mediocrità al Potere

  • Marco

    quella telefonata è di un deprimente…sono talmente osceni e grotteschi che non puoi neanche più avversarli, capisci che non è quello il problema, sono morti e ciao. Ma in che stato è però la testa degli italiani se, sapendo queste cose, ascoltandole, vedendole, non reagiscono in massa e non in senso antiberlusconiano, ma guardando sia intorno sia se stessi per capire com’è possibile che si sia arrivati a questo, e cercare quella cura radicale? Cos’altro ci vuole, oltre naturalmente a vedersi il paese sempre più smantellato nelle sue strutture e sovrastrutture? L’hanno visto o no e il decadimento degli ultimi vent’anni, il mostro in faccia nel modo più palese e plateale possibile? Li ha sconvolti e terrorizzati o svegliati? Mah.

  • Gianoteca Ristoro

    Non sarà penalmente rilevante, ma che schifo. Ora voglio vedere chi lo difende ancora…
    Ricordo che un personaggio pubblico in quanto tale deve comportarsi di conseguenza al ruolo ricoperto. Se non gli va di fare quello per cui è stato eletto, può andarsene quando vuole…

I commenti sono chiusi.