Il Video di Grillo e la Disinformazione 57


Oggi il blog Beppe Grillo pubblica un video che dovrebbe dimostrare che ci sono stati degli infiltrati delle forze dell’ordine tra gli studenti manifestanti.
Stavolta lo schiavetto a progetto di turno sul blog di Grillo l’ha fatta veramente grossa.
Leggete il post e, soprattutto, guardate il video linkato.

Cosa dimostra? Cosa dovrebbe dimostrare? E cosa sono quelle scritte sovrapposte al video che dovrebbero far vedere cose che non si vedono?
Questa è disinformazione pura, tentativo di insinuarsi in un fenomeno che non ha niente a che fare con lui, incitazione alla violenza e menzogna pura.

Non è possibile dirsi diversi ed usare esattamente gli stessi sistemi di chi si combatte. Grillo si comporta da servo del sistema esattamente come quelli che scrivono le veline per i giornali.
Come scrivevo stamattina, dopo aver occupato il consenso, ora presidiano anche la protesta. Occhi aperti e non fatevi fottere.

EDIT: si legga anche questo scambio.

EDIT delle 20.18

Nota bene: No, scusate non ci siamo. Perdiamo di vista l’obiettivo.

Qui non stiamo cercando di capire se c’è stata un’azione sediziosa da parte di infiltrati della polizia, dei carabinieri o della guardia di finanza. Questo è possibile, magari anche plausibile, ma non stiamo parlando di questo.

Qui stiamo parlando del primo sito italiano che propone un filmato dove non si vede assolutamente nulla e quel poco che si vede è artificiosamente interpretato con delle scritte deliranti sovrapposte alle immagini.

Questa è criminale disinformazione che contribuisce all’incitamento della violenza ed a squalificare l’ipotesi stessa di un’infiltrazione.
Vi prego di concentrarvi su questo aspetto e di dirmi che riuscite a vedere in questo video.  Io non vedo nulla, nulla, nulla.

EDIT del 31-10: alla fine, come era intuibile, era tutta una fesseria.

La voce degli amici

Se vuoi prestare la tua voce per leggere questo post, usa questa pagina per scrivermi un messaggio. Grazie

La lista di tutti i post letti dagli amici di MC la trovi qui.


57 commenti su “Il Video di Grillo e la Disinformazione

  • Carmine...

    Sono perfettamente d’accordo. La protesta è diventato l’ennesimo strumento per veicolare il messaggio anti-berlusconi, anti-gelmini ed anti-destra in particolare.

    • dellefragilicose L'autore dell'articolo

      vabbè
      un po’ hai capito quello che ti faceva comodo.
      Credo che il contenuto violento di certe iniziative sia più grave di veicolare il messaggio anti-berlusconi, anti-gelmini ed anti-destra in particolare che, con il loro comportamento, spesso fanno una gran pubblicità negativa a se stessi.

      • grick

        No no.

        Lui ha capito perfettamente la lezione: ha strumentalizzato la strumentalizzazione 🙂

        Sempre piu’ ricorsivo!

          • grick

            Comprendo perfettamente perche’ rimani sulla difensiva, non siete in molti a portare avanti quel tipo di idee qui.

            Pero’ non farai molti proseliti se metti il muso appena ti senti toccato 🙂

    • Gepu

      Vorrei far notare che in un pezzo del filmato appena trasmesso su annozero, e per favore non mi dite che è fazioso, perché in questo caso ci sono immagini e c’è l’audio, stranamente un poliziotto chiama giovialmente per nome un ragazzo con la camicia bianca a righe verticali blu che faceva parte evidentemente (e si può vedere!!) del drappello di quelle persone per bene che hanno deciso di disturbare a loro modo una manifestazione! Il nome è Francesco…potrei sbagliarmi non si sa mai…dovreste verificare!

      • Carmine...

        Scusa e questo cosa vuol dire? che siccome in mezzo alla folla c’è una persona di cui un poliziotto conosce il nome tale persona è automaticamente un poliziotto?
        Allora o siete de creduloni, o fate i fessi per non andare alla guerra!!!

        • dellefragilicose L'autore dell'articolo

          il tono è inaccettabile e questa volta non c’è nemmeno la scusa della provocazione.

          ora ti metto in moderazione permanente. mi sono stancato.
          ogni tuo commento dovrà essere preventivamente approvato.

      • simona_rm

        dal post nel sito di grillo, invece si vede. Non so se sia lo stesso video, in effetti se fosse “rimosso” lo sarebbe da qualunque accesso.

        • Emanuele

          Grillo, o chi per lui, lo ha ricaricato con altro nome, l’originale rimane rimosso. infatti è ripartito sia il counter delle visite che i commenti

  • Neottolemo

    Ieri come ho visto la notizia ero incazzato come una bestia (si può dire bestia su mc?). Poi mi è passato. Ora sto calmo e aspetto le vendette. Io spero davvero che non ce ne siano ma a questo punto se trascende tutto non me ne stupirei. Grillo e la stampa diano una mano grazie, togliamoci il pensiero.

  • luigibio

    a me la cosa puzza parecchio, visto le esternazioni e premier e dell’ex presidente mi sembra che sia iniziata una strategia del terrore per convincere i possibili manifestanti a rimanere chiusi in casa.
    Forse quel video non dice nulla, però di video su youtube ce ne sono decine e si nota che chi è arrivato armato lo ha fatto di proposito per creare caos e fare danni, mentre le forze dell’ordine non reagivano in maniera convinta, anche se credo che, malgrado la tenuta antisommossa, all’inizio fossero troppo pochi per controllare quei tipi.

  • francy68

    Grillo o non Grillo,
    mi sembra che le cose scritte da Maltese non possano passare ignorate…
    Personalmente trovo tutto credibile, anche a Genova mi sembra che andò più o meno secondo questo canovaccio…
    D’altronde, mi sembra che basti domandarsi a chi giovino questi scontri…per me la risposta è abbastanza evidente.

  • enpassant58

    Non ho fatto in tempo a vedere il video perché è stato rimosso, comunque mi sembra molto più grave quello che è accaduto in piazza, e che è stato riportato da molti altri, rispetto alla presunta strumentalizzazione fatta da Grillo o da chi per lui.
    Concordo comunque sul fatto che si debbano sempre tenere gli occhi bene aperti per non farsi fregare da nessuno (compresi Beppe, Walter e Tonino).

  • alberto

    il video ora si vede. in effetti l’atteggiamento del tipo è abbastanza strano. tuttosommato potrebbe essere effettivamente un provocatore messo lì apposta.

  • simona_rm

    il fatto è: che un camion è riuscito ad entrare in piazza navona, e non si può. L’accesso è consentito solo alle auto pubbliche. Per entrare a p.za navona non basta neanche il permesso per lo ztl. Ancora più insolito, riuscirci in un giorno di presidio. Non si capisce “quando” sia comparso.
    Se pure si riesce ad entrare, non si può sostare per troppo tempo (davanti l’ambasciata del Brasile poi!!!), quindi, se quel camion è arrivato prima dei manifestanti: c’è stata la complicità di qualcuno per permettergli di sostare; se quel camion è arrivato pochi minuti prima degli scontri: c’è stata -lo stesso- la complicità di qualcuno nel farlo entrare in una piazza gremita.
    Nel cassone del camion c’erano delle mazze involtate nei tricolori, questa è la firma di quei ratti maledetti di Casapound (almeno qui a Roma);

  • dellefragilicose L'autore dell'articolo

    No, scusate non ci siamo. Perdiamo di vista l’obiettivo.

    Qui non stiamo cercando di capire se c’è stata un’azione sediziosa da parte di infiltrati della polizia, dei carabinieri o della guardia di finanza. Questo è possibili, magari anche plausibile, ma non stiamo parlando di questo.

    Qui stiamo parlando del primo sito italiano che propone un filmato dove non si vede assolutamente nulla e quel poco che si vede è artificiosamente interpretato con delle scritte deliranti sovrapposte alle immagini.

    Questa è criminale disinformazione che contribuisce all’incitamento della violenza ed a squalificare l’ipotesi stessa di un’infiltrazione.
    Vi prego di concentrarvi su questo aspetto e di dirmi che cazzo si vede in questo video. Io non vedo nulla, nulla, nulla.

  • Il Gobb

    Il video non PROVA nulla, quindi dare per certe alcune cose in merito non è criminale ma di certo irresponsabile.
    Mi preoccupa che si faccia, questo sì, e tanto.
    Ma vabbé, Grillo è quel che è, niente di più o di meglio.

    Quello che mi fa specie, e tanto, è che mi sembra sciocco negare la possibilità di infiltrazioni della polizia nei manifestanti. Lo fanno almeno dal G8, e lì i filmati erano davvero inequivocabili. Non so i dettagli delle sentenze, ma spero che almeno quelli li abbiano presi in considerazione come prova.

    Il fatto è che queste cose avvengono, e non per iniziativa di qualche singolo: è una STRATEGIA di STATO.
    Ci vogliono zittire.
    Finché non obbediamo.
    E io ho paura.

  • Paolo Marani

    Certo che il video in se non prova nulla, ma tantissime testimonianze hanno evidenziato un comportamento scandaloso delle forze dell’ordine, l’articolo di Maltese su repubblica poi è davvero terrorizzante. Siamo in uno stato di polizia, questo è certo, un disgraziato come Cossiga poi, che si rende partecipe di frasi cosi volgari ed offensive, la dice l’unga su come è l’andazzo di questo paese.

  • Oris

    Mah, no comment.

    Prendi una folla urlante, mettitici davanti e ecco fatta la politica.

    Ora dalla media nazionale non mi aspetto certo altro (se no voterei) ma anche qui, mamma mia, sappiamo solo dire : ho paura o casso ci inculano a sangue e ce lo tirano di qua e di la eccimangianolavita…

    Signori!

    Le elezioni ci sono ancora no?

    Quindi questi signorotti che ora sono lassù, verranno messi quaggiù e ci andrà qualcun altro.

    S einvece resteranno lassù vorrà dire che qualcuno li ha votati.

    Questa è democrazia.

    Il governo fa cose che per molti sono porcate?

    PAgherà (assieme a noi che paghiamo SEMPRE).

    Va bene lamentarsi e protestare, ma chi esagera portando il “memento mori” (ihihihihihi citazione dotta!) a ogni pié sospinto sinceramente mi crea solo una reazione : “rifiuto”.

    La democrazia è fatta di queste cose, per ognnuno che lo vuole verde oggi in italia cè qualcun’altro che lo vuole rosso, quindi, per metterli d’accordo, votate e li mandate lassù, a pigiare i bottoncini.

    A volte ci va uno a volte un’altro.

    Denunciare i complotti un serve a nulla, specie quando sono illazioni non provabili, portano solo a fanatismo becero e scarsamente credibile, assimilabile a ciò che si critica.

    Il punto del post è:

    “ma cassso!, un vi pare che si stia facendo un gioco pericoloso arrivando a strumentalizzare qualsiasi cazzata per ottenere consenso a proprio uso e consumo?”.

    Ora capisco che sia più ganzo spargere il solito letame ( a torto o a ragione) ma ditemi, leggere qui o il blog di beppe oramai, se no per il numero di commenti…. insomma … vabbè.

    • ilBuonPeppe

      Hai ragione Oris.
      Se questa gente è al governo qualcuno l’ha votata; e la stessa cosa vale per quelli che c’erano prima, che non erano molto migliori, e che ora fanno finta di opporsi.
      Ma alle ultime elezioni (sei mesi fa, non 20 anni) il 96,5% degli italiani (tecnicamente sarebbe “dei votanti”, ma chi non vota ha sempre torto) ha votato per uno dei partiti che ci ha malgovernato negli ultimi 15 anni.
      Il 96,5%!!! C’è bisogno di aggiungere altro?

    • franzZen

      Attenzione, la parola democrazia è ormai inflazionata. Questo modo di governare mira all’aumento dell’astensione elettorale, ciò che i sondaggi stanno puntualmente rilevando; e ciò a cui si è sempre puntato negli Stati Uniti, in modo che le lobby possano gestire al meglio il potere. All’occorrenza ci sono i brogli elettorale e anche in questo gli Stati Uniti sono maestri, sia nell’insegnarli (America Latina

      • Carmine...

        @franzZen:

        Io (se mi è ancora permesso) vorrei esprimermi in modo contrario rispetto alla sua valutazione. Democrazia non è affatto un termine inflazionato in quanto nessuno ha tolto a nessuno le libertà ed i diritti fondamentali. Nessuno ci ha nego la possibilità di votae, ed abbiamo una costituzione che ci tutela e ci rende liberi. Per cui la democrazia c’è ed esiste. E lo dimostrano anche le grandi manifestazioni studentesche (cavalcate da pd e sindacati vari per far vedere che hanno il pugno di ferro con una schifosa operazione di marketing) che a mio avviso sono legittime. Quello che non è tollerabile, a mio avviso, è il continuo ripetere (e a furia di ripeterlo ce ne convinceremo) che viviamo ormai in un regime. Al potere c’è un governo VOTATO dalla popolazione italiana (come ricordava ilBUonPeppe il 96,5%) per cui pienamente legittimato a prendere i provvediment che ritiene essere opportuni. Il dissenso è un’altra storia.

  • ilBuonPeppe

    Mah… non sono d’accordo.
    Condivido l’invito a stare attenti, a far girare i neuroni, a non prendere nulla per oro colato, neanche se viene da fonte affidabile (vera o presunta).
    Quello che ha fatto Grillo però non mi sento di definirlo “incitazione alla violenza e menzogna pura“. C’è un video, che non dimostra nulla, ma apre un dubbio; condivisibile o meno, ma un dubbio legittimo. Il video è un documento, e in quanto tale è neutro, le frasi aggiunte sopra sono un’interpretazione, un’opinione; criticabile ma non censurabile. Parlare di disinformazione in questo caso mi sembra davvero fuori luogo.
    Anche quando io dico che l’intenzione del governo è di smantellare la pubblica amministrazione do un’interpretazione. E’ disinformazione anche questa?

    • dellefragilicose L'autore dell'articolo

      tu, mi spiace, non hai la stessa visibilità di Grillo.
      Se quello del video fosse stato tuo figlio, messo in quel cerchietto rosso, ti avrebbe fatto piacere?

      • ilBuonPeppe

        Certo, io non ho il seguito di Grillo (sapevo che l’avresti detto) ma questo non cambia la sostanza delle cose. Lui per la visibilità che ha si ritrova una responsabilità maggiore sulle spalle; responsabilità che non gestisce molto bene. Resta il fatto che ha tutto il diritto di esprimere opinioni e di fornire interpretazioni, come chiunque altro.
        Sono molto più gravi le affermazioni fatte da governo e parassiti vari, che fanno la stessa cosa con un ruolo pubblico; Grillo in fondo è pur sempre un privato cittadino.
        Comunque, se il tizio del filmato fosse stato mio figlio, sarei io il primo a chiedergli che cavolo combinava là in mezzo. O dovrei difenderlo a prescindere, solo perchè è mio figlio, anche se va in giro a fare lo stronzo? (ovviamente questo vale per il fatto che il tizio è un adulto).

        • dellefragilicose L'autore dell'articolo

          Scusa Pè non è una risposta.
          Io parlo dell’abuso di immagine di uno che sicuramente è una gran testa di cazzo, ma non può essere tacciato come “infiltrato” in un video dove non si dimostra nulla.

          Se fosse stato mio figlio io avrei fatto causa a Grillo e poi, a casa tra me e il pargoletto, avrei creato uno di quei casi di violenza domestica di cui si parla tanto scassandogli la faccia.

          Lo sai anche tu che quello che dico è ragionevole, almeno credo.

          • ilBuonPeppe

            Quello dell’abuso di immagine è un campo minato in cui è difficilissimo stabilire il confine tra giusto e sbagliato. E di esempi in questo senso ce n’è a bizzeffe.
            E’ ovvio che il tizio ha tutto il diritto di querelare Grillo (o chi per lui) se ritiene che l’accusa sia falsa o se comunque si ritiene danneggiato, ma a me piacerebbe invece che si facesse chiarezza: se l’accusa è falsa, gli basta dirlo e Grillo è automaticamente sputtanato. Io, da dietrologo, non credo che lo farà.
            Quanto ai rapporti familiari non sono d’accordo. Il soggetto è adulto e vaccinato, quindi se fa una cazzata del genere io (ipoteticamente suo padre) posso parlarci, incazzarmi, insultarlo, ma la cosa finisce lì. Non faccio causa proprio a nessuno, che sarebbe ridicolo.
            I panni sporchi si lavano in famiglia? No, lui li ha sbattuti di fuori quindi se li lava da solo.

          • ilBuonPeppe

            Mi autocito e autorispondo.

            se l’accusa è falsa, gli basta dirlo e Grillo è automaticamente sputtanato. Io, da dietrologo, non credo che lo farà

            Ebbene sì: la smentita che è arrivata ha dato un duro colpo alla mia anima dietrologica.
            A parte questo però, non cambia la sostanza: nè per quello che è successo a Roma, nè per quanto riguarda Grillo.

  • simona_rm

    si, quel video non significa nulla. E diffonderlo -con quelle scritte cretine- è stato un errore da parte di Grillo. Se ci fosse più dolo o più leggerezza, non lo so. Non posso discutere di questo.

    Il sottosegretario all’interno, questa mattina ha riferito:
    – la polizia si è comportata adeguatamente e gli scontri sono stati provocati dalla sinistra.
    (certo….unico neo: gli armati in falange oplitica erano di casapound. Abbiamo oltrepassato il revisionismo storico, siamo al negazionismo)

    • dellefragilicose L'autore dell'articolo

      Corretto Simo.
      Ma questo è un altro problema.
      Di questo video non c’era bisogno e mi chiedo se abbia fatto bene o male alla causa (sempre che esista una causa comune)

  • lupoalburnino

    Non so cosa dire. Forse per l’età, forse perchè non capisco, forse perchè ho esultato per la grandissima manifestazione della scuola, ma che c’entra adesso Grillo con tutto il resto di cui sarebbe responsabile? Non c’era in piazza Navona. Ha visto bene o male quello che ho visto io, dandone una sua interpretazione.
    Non me ne frega niente di Grillo e di quello che ha scritto e fatto vedere. Del resto, nonostante la visibilità, è un cittadino comune ed ha il diritto anche di dire cazzate. Se la vede lui con la sua coscienza.
    Il problema vero è che il sottosegretario ha dichiarato in Parlamento che a creare i tafferugli o, meglio, la zuffa è stata la sinistra, spiegando che il camioncino stava lì perchè in caso di manifestazioni c’è sempre un mezzo con un altoparlante ad annunciarla.
    Ma poi non ha spiegato che ci facevano sul camioncino le mazze e i corpi contundenti.
    Che Grillo abbia preso un abbaglio può essere, ma il vero problema non sono gli abbagli di Grillo, ma in che paese ci troviamo, in cui un sottosegratario nega anche l’evidenza: abbiamo visto tutti camioncino, mazze e giovani con le mazze in mano ed abbiamo sentito tutti che un poliziotto ha chiamato uno di quei giovani “Francesco”.
    Questo significa infiltrazione? Posso dire di no, ma posso dire anche il contrario.
    Non era Grillo quel poliziotto, nè quel giovane!

    • PandaTriste

      Al di là del fatto che grillo possa aver sbagliato o meno,e che grillo abbia una certa risonanza mediatica,sono d’accordo col lupo.
      Dfc si è dimostrato attendista e cerca di evitare di fare facili proclami,ma ci sono TESTIMONIANZE NUMEROSE che affermano che la polizia si è rifiutata di intervenire.
      E questo si vede anche dai video che grillo ha diffuso.
      Se c’erano e chi fossero gli infiltrati a questo punto appare come una questione “marginale”,dal momento che la collusione della polizia con i fascisti appare evidente,sia essa stata organizzata precedentemente o meno.

  • Oris

    Dire che un uomo che porta diverse centinaia di migliaia di persone in piazza a dire vaffanculo è uno che “è un cittadino comune ed ha il diritto anche di dire cazzate. Se la vede lui con la sua coscienza.” mi porterebbe a pensare che io possa allora asserire, spingendo un po, che

    “berlusconi è solo un cittadino comune che ha un incarico, ha il diritto di fare le cazzate che vuole, le pagherà con la sua coscIenza e dovrà renderne conto a noi”.

    Se beppe grillo ti sputtana sei sputtanato, se lo faccio io puoi essere al max infastidito.

    Se beppe grillo scrive “infiltrato” qualcuno si sentirà autorizzato a pensare che sia vero, instaurando il clima di sospetto che altro non è che “terrorismo”, non armato, almeno alla fonte.

    Il terrorista che usa le parole non è peggiore del terrorista che da quelle parole prende spunto per mettere le bombe.

    Ecceso per eccesso…

  • lupoalburnino

    Oris, come al solito capisci quello che vuoi capire.
    Grillo come me è un uomo qualunque, cioè un cittadino come tutti. Può dire tutte le cazzate che crede, ma nessuno è autorizzato a credergli. Se lo dice Berlusconi no: è il capo del governo e deve attenersi ai fatti, altrimenti bluffa e non gli è consentito.

    • Oris

      Il mio concetto si fermava alle conseguenze possibili di un comportamento, a seconda di chi lo tiene, in questo grillo è uomo publico come il berlusconi: la sua parola è molto seguita.

      Io non vedo la cosa da punti di vista politici o di incarico, la vedo dal punto di vista di impatto per la massa. 😉

I commenti sono chiusi.