Il Viaggio in Mali di Eliana 34


Marzo 2001: c’è ancora la lira, mio padre è malato e morirà a breve. Decido una delle mie solite partenze da sola; prenoto il volo, riempio lo zaino dello stretto necessario, indispensabili solo l’Olympus manuale e un paio di scarpe basse. Arrivo a Bamako sotto un cielo color argilla; dappertutto disordine, lo smog di auto Toyota e di furgoni fatiscenti, miseria incurabile.

Il Mali è il Paese più vasto dell’Africa Occidentale, diviso a metà tra il deserto del Sahara e la fascia del Sahel, per tre quarti arido, interamente povero. A Bamako soprattutto si vedono ovunque i risultati malcerti di una decolonizzazione economica ibrida tra il modello africano e quello socialista. Per la priva volta, malgrado i molti viaggi fatti in Paesi lontani, sento di essere lontana migliaia di chilometri da casa, completamente sola in un posto di cui- a parte le cartoline dei villaggi Dogon viste in qualche agenzia di viaggio- non so niente.

mali (6)

Prima notte: dormo in un bugigattolo di cemento al centro della città, senza bagno, col frastuono di un ventilatore arrugginito, tra lenzuola macchiate, in un caldo umido insostenibile, insetti dappertutto e una sola finestra con la zanzariera bucata. Al risveglio il mio scopo è uno solo: tornare a casa. Corro all’aeroporto, dove chiedo del primo volo per Roma. Ma il primo volo per l’Italia parte tra due giorni. Tanto vale a questo punto restare. Torno per le vie di Bamako, dove non capisco mai che ora è, in che direzione andare, cosa fare esattamente. Tra l’altro sono partita senza cambiare le lire, certa di poterlo fare all’arrivo. E invece, nelle poche banche del centro, niente da fare per la mia moneta. Continuando a vagare, mi affianca un ragazzino che si propone come guida, in un francese se possibile peggiore del mio. Gli dico che non mi serve una guida, che mi serve comprare dollari. Amir capisce e mi trascina a casa sua dove Asad, il padre, può aiutarmi. Come? Andando in periferia dai contrabbandieri. Non c’è altra soluzione? No.

vai a pagina 2


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

34 commenti su “Il Viaggio in Mali di Eliana

I commenti sono chiusi.