Il porcellum genera porcellini ciechi 20


Dopo un anno di confronti, più o meno riservati e dietro le quinte, e spargendo una grande nebbia mediatica perché non si capisse di che si discuteva, PD e PDL hanno di fatto concluso che nessuna delle varianti rispetto al porcellum, elaborate con la fantasia degna di un poeta medioevale, poteva azzerare la possibile presenza in Parlamento, allora ben più di oggi sottovalutata, di un gruppetto di grillini e di eventuali altri eversori dell’ordine costituito. Veri rompiscatole in un Parlamento delle larghe intese. Così hanno concluso che il porcellum in definitiva andava benissimo ad entrambi. Il PD, in particolare nella fase finale, malgrado un po’ di pressing di Napolitano, ha tenuto duro immaginando che il capolavoro di Calderoli andasse benissimo. I sondaggisti di famiglia davano rassicurazioni.

Il porcellum, per quanto favorisca alla grande i due attori principali è una brutta bestia, dai più incompresa, che genera quattro bei porcellini, con il rischio però, puntualmente verificatosi , che partorisca porcellini ciechi.


Il primo porcellino è l’abnorme premio di maggioranza che dà alla Camera ( il 55%) indipendentemente da quanto la coalizione o partito vincente ottengono; la cui conseguenza è la istituzionalizzazione del trasformismo per cui liste diverse, spesso anche inventate, si coalizzano insieme per usufruire del bonus ( quorum 2% o meno e in aggiunta con bonus invece del 4% ). Salvo poi ridividersi dal giorno dopo il voto o cambiare casacca in libertà. Da qui nascono le 35-40 liste e listarelle che trasformano le schede elettorali in lenzuoli e i quasi 250 eletti ( su un migliaio di onorevoli ) che nel corso dell’ultima legislatura hanno cambiato, anche più di una volta, la propria vocazione ideologica. Alla faccia della stabilità e della apparentemente vituperata frammentazione.

Il secondo porcellino è il bonus che i due partiti si regalano a vicenda al Senato dove il premio (sempre 55% ) è dato regione per regione e il quorum è ancora più pagante. Semplificando: 3% se ti coalizzi, 8% se non lo fai : quindi dove perdo io il bonus lo prendi tu e viceversa; e chi vuole partecipare al banchetto va con uno dei due, o una volta con l’uno e la volta dopo con l’altro. L’UDC di Casini è stato un gioiello di questo aristocratico esercizio della democrazia corretta all’italiana.

Il terzo porcellino partorito sono i rimborsi elettorali: li prendevano tutti, anche senza eletti, a partire dal 2%; e per tutta la legislatura anche se questa non andava a termine (Sinistra arcobaleno , Verdi e compagnia varia hanno abbondantemente attinto) . Solo recentemente è stato introdotto il requisito di avere almeno un eletto da qualche parte.

Il quarto porcellino, forse quello meno importante ma il più discusso e più gettonato, riguarda le liste bloccate senza preferenze; discussione infinita e infondata, soprattutto per chi non ricorda o è troppo giovane, quanto le preferenze sono state lo strumento principale delle infiltrazioni mafiose in quasi tutti i partiti fino alla fine degli anni ’90 e oltre. E non c’è soluzione definitiva al problema; se un partito è pulito lo strumento delle primarie, possibilmente regolate per legge, attenua il problema ma si tratta di definire per legge regole generali di funzionamento trasparente dei partiti. Quelli attuali non lo faranno mai.

Fra porcellum e mattarellum ( che esattamente al contrario di quanto si pensi ha introdotte per primo le liste bloccate ), le differenze sono minime. Entrambi, in forme diverse e complicate, raggiungono lo stesso scopo: la disgregazione del sistema proporzionale. Che faceva proprio il principio basilare della democrazia rappresentativa a cui si ispira la Costituzione, che si può sintetizzare: un voto vale uno; a prescindere dal risultato del partito a cui lo si dà. Un principio che può essere ragionevolmente corretto con l’unica varante di introdurre due limitazioni: il quorum (esempio 5% ) al di sotto del quale non si ottengono seggi ( ne tantomeno rimborsi di alcun tipo), e alcune semplici regole che disincentivino il passaggio da un partito all’altro in corso d’opera.

Il sistema proporzionale corretto vige in Germania ( in tutti i livelli istituzionali ) e con alcune varianti in parecchi altri paesi, e funziona benissimo. Produce stabilità, riduce e stabilizza il numero di partiti, ridà valore al confronto e alla mediazione seria sui programmi, azzera trasformismo e corruzione nel sistema politico. Si potrebbe introdurre facilmente correggendo il porcellum in due punti: eliminando totalmente il premio, introducendo un unico quorum al 5% su base nazionale per tutti, alla Camera e al Senato. E a quel punto, e solo a quel punto, è anche ragionevole una riduzione, magari di un terzo, dei membri delle due camere. Lasciando ai singoli partiti l’indicazione non costrittiva del loro leader parlamentare ( eventuale premier ) ed eventualmente, indicati i capilista di collegio ( i leader territoriali ) lasciando alle preferenze la definizione di tutti gli altri eletti fra quelli candidati attraverso le primarie, magari in ordine alfabetico. Nel giro di due passaggi, forse già al primo, i partiti si ridurrebbero, e stabilmente, a non più di cinque-sei.

Perché non si fa? Perché i due partiti principali ( fino ad oggi PD e PDL ) perderebbero insieme un numero di eletti corrispondenti a circa 6-7 milioni di voti che gli elettori assegnano ad altri partiti ma che vengono non solo resi nulli ma attribuiti di fatto a loro stessi ( oggi almeno 200 seggi in regalo fra Camera e Senato ). Ed anche perché, con una cortina mediatica diffusa da servili imbonitori nelle redazioni dei media, funzionari di partito e intellettuali dimezzati ( rigorosamente ben distribuiti a destra e a sinistra ) si inventano le più strampalate argomentazioni a favore dei pregi inesistenti ( tranne che per i soliti due ) dei variegati artifici dei sistemi maggioritari. L’ ultima e più micidiale pensata è l’introduzione dei collegi uninominali a doppio turno ( un vero superporcellum) con i quali , allo stato di oggi, due terzi degli elettori potrebbero tranquillamente stare a casa. E’ successo in Francia con Hollande, che ha la maggioranza assoluta in parlamento con i risultati più bassi dei socialisti dal dopoguerra. Ed è esattamente la proposta consegnata alle segreterie del Senato da tempo dai nostri D’Alema, Finocchiaro e Bersani, con il fondamentale contributo professionale di Violante.
Ai quali, nella loro irresponsabile supponenza, sfugge che in tempi di crisi la proposta potrebbe, in qualsiasi momento, consegnare il paese al Berlusconi , al Le Pen, al banchiere di turno ( magari al Monti di turno fulminato da un improvviso colpo di fulmine per l’amico Berlusconi ) , ai quali i porcellini ciechi, e possibilmente stupidi, vanno benissimo.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

20 commenti su “Il porcellum genera porcellini ciechi

  • alessio

    Mi piacerebbe un presidente direttamente eletto, con primarie obbligatorie, con il doppio turno, con un parlamento proporzionale con un piccolo premio di maggioranza, magari con una sola camera con non più di 200 parlamentari, con preferenze o parlamentarie obbligatorie.

    • Massimo Marino

      doppio turno o premi anche piccoli sono l’opposto del proporzionale. Lo afferma la matematica che è una scienza esatta. Il quorum al 5% è il moderatore. Se il sistema è proporzionale si può anche arrivare a 200 se no è un golpe contro il sistema della rappresentanza democratico

      • alessio

        Mi sono espresso male, per piccolo premio di maggioranza intendevo qualche seggio in più alla 1° coalizioni, magari quei pochi seggi che spettano alle coalizioni che nn superano lo sbarramento. Mentre non vedo perché non si possa pensare ad un primo turno che elegga un parlamento proporzionale (corretto) e poi i 2 candidati delle coalizioni con più voti si sfidano al secondo turno, così il governo eletto si dovrà confrontare su ogni legge con un parlamento veramente rappresentativo, ricreando il famoso modello siciliano.
        meno parlamentari perché con eventuali preferenze si riducono le possibilità di infiltrazioni….

      • Pierangelo

        Non sono d’accordo ci sono tanti sistemi maggioritari e producono governabilità che è esattamente quel che manca a noi. Anche il sistema tedesco è per metà maggioritario e per metà proporzionale. In più esiste una Camera alta (il Bundesrat) che viene eletto in un’elezione di secondo livello. Tant’è è inutilòe parlarne tanto tra un anno qui non ci sarà più nulla.

        • Massimo Marino

          Il sistema tedesco non è per metà maggioritario… anche se ci sono i collegi uninominali è sostanzialmente proporzionale. L’opposto del sistema francese nell’ispirazione.
          L’ingovernabilità che periodicamente scoppia in Italia è dovuta principalmente alla corruzione e all’indifferenza dei partiti nei confronti della società. I sistemi elettorali maggioritari ad esempio con il premio ( mattarellum e porcellum ) hanno scatenato dalla metà degli anni ’90 la moltiplicazione di partitini e liste finte. La loro presenza disperde nel nulla ” voti impossibili” di elettori ( a volte anche alcuni milioni ) che sono nella sostanza ingannati. Circa la metà degli eletti del PD-SEL alla Camera non li ha eletti nessuno e quindi almeno 7 milioni di voti ad altri partiti hanno avuto valore zero. Anzi sono stati attribuiti a una coalizione concorrente.

  • ilBuonPeppe

    Questa storia di diminuire il numero dei partiti per avere stabilità sembra tanto… una storia, apunto.
    I partiti che conquistano seggi in parlamento sono relativamente pochi (oggi 10 alla camera e 8 al senato) e il fatto di avere decine di liste sulla scheda non crea alcun tipo di problema da questo punto di vista.

    • Massimo Marino

      decine di liste creano molti problemi , all’elettorato più anziano, a quello meno acculturato, e a giovani al primo voto… parte dei quali non percepisce chi sono i reali players in gioco.

I commenti sono chiusi.