I Leader Scrivono agli Elettori 14


Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Care elettori,
certo che con voi ci vuole proprio una gran pazienza. Possibile che dopo aver semplificato il voto fino al punto che non serve nemmeno saper scrivere, state ancora lì a trastullarvi giocare con la crocetta fatta in mezzo, fatta a a tre quarti o proprio al centro?

buono.jpg

Certo che siete proprio dei gran coglionazzi. E’ vero che vi abbiamo ridotto il cervello in marmellata scaduta a colpi di mariedefilippi, grandifratelli, isoledeifamosi e processidellunedì, ma se uno non è nemmeno capace di fare una croce nel posto giusto vuol dire che è coglione dentro. Punto.

Quindi non state più a fracassare i maroni con la legge elettorale che non va, con la rappresentanza e amenità stronzate di questo tipo. Vedete di esercitarvi un po’ a casa a fare queste cazzo di crocette invece di passare la giornata su internet a scrivere blog cretini o a cercare le foto delle femmine nude con le zizze da fuori che ormai non vi funziona nemmeno più.

La crocetta la dovete fare al centro, la matita non ve la dovete ficcare in nessun orifizio buco e cercate di non fare la foto mossa che se no col cazzo che vi toccano i 50 euro.

buono2.jpg

Ora andate tutti dove sapete di meritare di andare. Domenica mettetevi in fila come le pecorelle, senza fare beee però, e celebrate il rito della democrazia (cazzo, non ridete che sentono).
Noi abbiamo un po’ di veline arretrate da timbrare e poi tutti a cena Dar Cicciotto. Ci vediamo dopo. Tanto, o stuorto o muorto, sempre qua stiamo.

Sti strunz, vedi se non gli devi spiegare tutto per filo e per segno. Manco il moccio da soli si sanno pulire. Sti strunz.

Silvio, Walter, Pierferdinando, Fausto, Daniela ecc. ecc.


14 commenti su “I Leader Scrivono agli Elettori

  • F.Maria Arouet

    Non esageriamo.
    E’ vero che in Italia ci sono grosso modo otto milioni di pirla che si bevono le mariedefilippi e i grandifratelli, ma sono gli stessi otto milioni di baionette che erano partiti per spezzare le reni alla Grecia per conto dell’uomo di Predappio. Gli stessi che in seguito, passando dalla camicia nera a quella verde, hanno preso a vantarsi d’avercelo duro come l’uomo di Gemonio.
    Ma poi basta, finita lì, tutti gli altri sono normalissimi.
    Normalissimi coglioni che per quasi metà gli votano contro, come dice l’uomo di Arcore, mentre per quasi metà gli votano a favore, e il resto che s’illude che non votare serva a qualcosa.

  • Comandante Nebbia

    Insomma, non si salva nessuno.
    Un grande messaggio di speranza.

    Hai chiuso il tuo intervento con lucidità cristallina, ma come sai si vive di illusioni.
    Tu che voti?

  • F.Maria. Arouet

    Uno a tua scelta, Comandante.
    Senza che questo, ahimè, possa cambiare la sostanza.

  • Adetrax

    Quando ci sono pericoli gravi imminenti o anche a mia insaputa all’orizzonte divento particolarmente teso e spesso scopro il motivo solo a posteriori; piu` che un sesto senso e` un settimo senso.

    Al momento attuale non percepisco nulla, non una visione apocalittica, non un afflato d’ira divina, nulla.

    Secondo la statistica storica questo vuol dire che non ci sono pericoli gravi all’orizzonte ma ho il dubbio che tale responso possa essere falsato dall’assuefazione ambientale e che a mia insaputa la scala delle valutazioni si sia inaspettatamente ristretta.

  • Ph3/D

    @beppone : complimenti vivissimi alle maestranze per la realizzazione di due opere di alta e simpaticissima ingegneria!! 🙂

I commenti sono chiusi.