I Grandi Scoop dell’Informazione Berlusconiana: Dopo i Calzini, Augias Spia per i Servizi Segreti Cecoslovacchi 9


La disinformazione è uno strumento dichiaratamente militare. Tutte le forze armate del mondo dispongono di dipartimenti appositi per la diffusione di informazioni apparentemente vere, ma sostanzialmente inesatte, di fatti alterati scientificamente o di semplici e clamorose bugie vestite a festa. Lo scopo è quello di confondere il nemico, incrinare la sua fiducia e diffondere il caos, perché il caos è un’arma come qualsiasi altra.

La degenerazione dell’informazione italiana è ormai pari, se non superiore, alla degenerazione della politica, della morale nazionale e dell’etica individuale. Dopo anni di televisione berlusconiana, prima sui canali Mediaset e poi sulla RAI, si può scrivere e trasmettere di tutto, tanto il limite è già passato e di fronte ci sono gli spazi infiniti dell’universo dove regna incontrastata la tenebra.

augias

“Il Giornale” di Vittorio Feltri, scopre che Corraudo Augias, redattore di Repubblica, è stato al soldo dei servizi segreti dell’ex Cecoslovacchia. E’ vero? E’ falso? Chi lo sa e, tutto sommato, che importa? Lasciando la difesa all’interessato, io mi limito ad osservare che in tutto l’articolo de il Giornale, si citano documenti riservati, ma quali? E’ sfuggito a me o nessuno dice di quali documenti si tratta, come se ne sia venuti in possesso e quale è il loro livello di affidabilità? Questo è giornalismo o solo sparare a caso per vedere se si colpisce qualcosa?

Antonio Salvatici, che ha scritto questo articolo e la coppietta Annalisa Spinoso-Claudio Brachino che hanno messo su il servizietto dei calzini azzurri, sono dei giornalisti? Hanno fatto un buon lavoro o delle palesi ed indecenti operazioni di disinformazione?
Allora, visto che i giornalisti sono federati in un “ordine professionale”, perché i loro colleghi, quelli onesti e che, magari, si guadagnano la pagnotta con un contratto a progetto, non si incazzano come delle belve e li fanno cacciare a calci nel culo invece di fare sempre causa comune quando si tratta di difendere la categoria?

E’ proprio questo il livello di impegno necessario per iniziare a risolvere i problemi in Italia. Se serve, bisogna denunciare ed attaccare tutti quelli che fanno il lavoro sporco. Rifiutare di definirsi colleghi, allontanarli ed isolarli perché se il paese degenera è anche colpa del lavoro di gente come Salvatici, Brachino e Spinoso. Dobbiamo combattere tutti senza delegare e se non lo facciamo, allora non dobbiamo lamentarci. Vuol dire che accettiamo la responsabilità dello sfascio e, almeno, non rompiamo le scatole lamentandoci a vuoto.

C’è da dire, in conclusione, che Salvatici, Spinoso e Brachino, oltre che proni alla volontà del loro editore, sono anche degli incompetenti.
Se si ha pazienza, basta seguire qualcuno per qualche giorno per beccarlo in un atteggiamento imbarazzante: una carezza troppo calorosa all’amica della moglie, un parcheggio nella piazzola per gli handicappati, uno sguardo lascivo nella scollatura di una quindicenne, un caffè preso al bar senza pagare. Invece, probabilmente sotto la spinta di quel “ne vedremo delle belle” e nell’ansia servile di compiacere i capi, è venuta fuori la storia della spia cecoslovacca e dei calzini azzurri. Incompetenti, oltre che servi.

Non credo di poter rappresentare un pericolo per Berlusconi, ma nel caso i suoi scherani abbiano intenzione di montare qualche storiella sul mio passato, sono pregati di contattarmi in anticipo per concordare insieme qualcosa di meno ridicolo. Ho avuto fino ad oggi una vita piena con esperienze non banali. Potrei raccontare un po’ di mie cattive azioni vere.  Roba impressionante da far impallidire i vostri calzini azzurri peggio che dopo un lavaggio a 90° con la candeggina.


9 commenti su “I Grandi Scoop dell’Informazione Berlusconiana: Dopo i Calzini, Augias Spia per i Servizi Segreti Cecoslovacchi

  • maria

    Mi sembra di rivere i bulli del quartiere, quelli che sembrava potessero tutto e tutto sapevano…..
    Quelli che sapevano di certo che il lattaio aveva l’amante poichè la domenica mattina portò il latte alla tipa che lo ringraziò con un grande sorriso…. E tutti a dire: E’ vero, lo visto anche io quella che sorrideva…. Oppure quelli che lo sapevano di certo, ma non dissero mai da chi e per conto di chi….
    Quelli che se a casa avevi le finestre chiuse fino a tardi, non era perchè volevi un po’ di pace ma perchè avevi un grande segreto da nascondere…..
    Io mi ribellai verso alcuni di questi di paese….. Purtroppo per la massa, hai sempre la peggio!!!! A meno che non ripaghi della stessa moneta, ma di un valore più grande!
    Io non so perchè i veri giornalisti, non screditano i servi(li) giornalisti…. Forse non ne vale più la pena, nel senso che sarebbe inutile ormai, o forse stanno aspettando una moneta più grande!!

    Comandante nebbia, non so tu cosa abbia fatto di tanto sconvolgente nella tua vita…..(pur credendo che la tua vita sia ed è piena di tutto) Ma tirare fuori dalla lavatrice dei capi colorati, anche senza candeggio, lavati a 90 gradi e oltre, perchè la resistenza si era rotta….. Credimi…. E’ orribile e irrimediabile!!!
    Qualunque cosa sia, sarà o sarà stato di certo rimediabile!!! (voglio immaginare questo)

  • Hiroo

    Se anche fosse vero,
    dov’è la notizia?
    Sono passati più di 40 anni e la cecoslovacchia non esiste più,
    Augias non ci risulta che abbia comprato sentenze,
    se va a troie non le porta in parlamento,
    se ha evaso il fisco non lo ha fatto per centinaia di milioni…

    se il giornale vuole dare una notizia
    in questo caso sarebbe quella di un cane che morde un uomo,
    ovvero un suo giornalista che si interessa del suo padrone.

    • Comandante Nebbia L'autore dell'articolo

      beh, oggettivamente se fosse vero la notizia ci sarebbe eccome.
      Non è il fatto in sé, comunque, oggetto di valutazione, ma il modo approssimativo e poco professionale con il quale viene presentato.

  • diabolicomarco

    Io non guardo la tv da mesi ma ricordo bene che molti “servizi” di Studio Aperto e Lucignolo erano ai livelli di questa cagata di “servizio” su Mesiano.
    Un po’ mi fa tenerezza questa Annalisa Spinoso che molti sono andati a pizzicare grazie alla cache di Google
    http://209.85.129.132/search?q=cache:n7b9QfiSW6EJ:www.ateneonline-aol.it/basecurriculumaspi.html+%22annalisa+spinoso%22&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it
    Certo che leggere che la massima aspirazione per una giornalista sia lavorare per le iene o striscia la notizia non è il massimo. Però già il fatto che non voglia starsene lì a ballare con le chiappe all’aria è già qualcosa, no?
    Ridicola a questo punto la dichiarazione di Brachino (alla fine dell’intervento) secondo il quale:

    P.S. La giornalista autrice del pezzo, Annalisa Spinoso, da venerdi scorso è oggetto di pressioni e di insulti. Non ha fatto nulla di osceno. La responsabilità giornalistica del pezzo è mia. Il cellulare della Spinoso è finito sui blog, anche quelli politicizzati. Se si grida alla violazione della privacy allora vale per tutti, anche per la privacy della mia giornalista è stata violata.

    Come se non fosse stata lei a mettere il suo numero di cellulare sul web…
    Questa gente non riesce proprio a trattenersi, pare.
    Disinformazione ad ogni costo.

I commenti sono chiusi.