Gli Voglio Bene 18


Mio padre è un uomo fantastico. Dall’esterno può sembrare un orco, ma all’interno è tutta un’altra cosa. È dolce, gentile e farebbe qualsiasi cosa per farmi felice. Io lo prendo sempre in giro per la sua forma fisica, ma lui non si offende, sa che scherzo. Lo prendo in giro anche perché ha pochi capelli, ma quando gli crescono troppo sembra uno scienziato pazzo. Scherza molto e certe volte anche troppo: io gli dico di smettere ma lui continua senza sosta. Non posso farci niente, purtroppo. Ha creato una specie di mondo immaginario dove la mia classe è divisa nella squadra delle Barbie, le Sportive, le Romantiche e le Patetiche, che sarebbe il mio gruppo, solo perché io e la mia amica riamiamo sperate dal resto della classe. Ha creato anche il gruppo dei Pirla, cioè di quelli che fanno sempre cose sciocche. Lui mi aiuta sempre quando ho bisogno, per esempio con gli esercizi di matematica che non capisco. A me piace la matematica proprio come a mio padre, ma certe volte diventa molto complicata. Cerca sempre di farmi divertire invitando le mie amiche a casa o a fare una passeggiata. Cucina dolci deliziosi e profumati, che appena li vedi ti viene voglia di mangiarli. È un bravissimo informatico e quando ho problemi col computer mi aiuta senza problemi: non è un caso se sono l’unica della classe a non avere problemi di connessione durante la DAD. Lo prendo sempre in giro perché quasi ogni giorno deve fare delle riunioni di lavoro in smartworking e io le chiamo “videolezioni”. So che lui odia fare i corsi di formazione e le “videolezioni”. È un po’ burbero e non vuole avere amici. Non guarda quasi mai whatsapp. Lo capisco: è un periodo difficile per lui, ma io sono qui per confortarlo e stargli vicino, anche se non sembra. Può sembrare un duro di cuore, una macchina. Ma io lo vedo piangere. Questo significa che tutte le macchine, prima o poi, esauriscono le batterie. Io voglio cercare di ricaricarle, in qualche modo. È un papà unico e diverso da tutti gli altri. Sarà sempre un orco, ma è il mio papà. E gli voglio bene per quello che è.


Informazioni su Sofia Ombra

Vorrei scrivere qualcosa sul grande vuoto che sento dentro di me, ma non so cosa scrivere perché è una cosa troppo grande. Forse ho bisogno di un po' di tempo.

18 commenti su “Gli Voglio Bene

  • Alessia

    Ciao Sofia,
    tutte le volte che leggo ciò che scrivi mi commuovo e sorrido allo stesso tempo. Sei una ragazzina davvero speciale, d’altronde con un papà così (ed ancora più una mamma meravigliosa come è stata la tua) non potevi crescere diversamente!
    Un abbraccio!

  • LIA STEFANIA CARA

    La dolcezza delle tue parole sono il migliore dei regali carissima Sofia.

  • Stefano Cesari

    Ciao Sofia
    Conosco virtualmente il tuo papà da molti anni, seguendolo qui su MenteCritica poi su twitter. Non è un orco. Cambia una consonante, metti una ‘s’ al posto della ‘c’. Quella è la definizione giusta. Sono un po’ come lui, orso. Simile non uguale perché ognuno di noi è unico. Tientelo stretto perché è un papà eccezionale. Ma questo lo sai già. Ed aiutalo a ricaricare le batterie, non fargliele esaurire del tutto. A tener dentro tutto il dolore ci si esaurisce in fretta. Hai scritto una bellissima lettera, semplice ma profonda, dolce e amara nello stesso tempo. Vi abbraccio forte tutti e due. Steve aka Jack Ramengo

  • Marina

    Sei adorabile 🥰 e mi sa che hai ragione, il tuo papà è fantastico!
    Un grande abbraccio

  • Antonio - AntMem

    Conosco il tuo papà dai tempi dell’università di Scienze dell’Informazione (Salerno). Già allora lo ammiravo e mi piaceva molto chiacchierare con lui. Si poteva parlare di tutto perché era un tipo curioso e gli piaceva essere informato.
    Era burbero già da giovane, anche se non proprio “orco”, eh. 🙂
    Io lo ammiravo. Poi, quando abbiamo cominciato a lavorare, in due aziende diverse (anche se abbiamo rischiato di lavorare nella stessa, ma lui rifiutò la proposta che invece io accettai), l’ho perso di vista e sono più di 30 anni che non lo vedo di persona.
    L’ho ritrovato per caso sul web: mentecritica è un blog che adoro.
    Tuo papà non solo scrive benissimo, con una forma eccellente e molto rara, ma soprattutto nei contenuti: a volte poetici e romantici, altre volte terribili nella loro cruda verità. Ho letto centinaia di libri di autori famosi ma, ti confesso cara S., che nessun autore riesce ad “emozionarmi” e “coinvolgermi” come il tuo papà.
    La malinconia ed il fatalismo che trasmette nei suoi scritti mi colpiscono e talvolta mi turbano, nel loro affascinante declinarsi, mai banale, mai superficiale ma sempre profondo, proprio come il tuo papà!
    Vorrei tanto incontrarvi qui a Salerno ma, da quel che ho capito, a parte le ragioni del lockdown pandemico, purtroppo non avete più tante ragioni valide per venire qui in città, dopo che i tuoi nonni “se ne sono andati”.
    Ma non dispero di vedervi: se un giorno scenderete qui a Salerno per un viaggio, dici a tuo padre che “antmem” (lui sa bene chi sono e capirà) sarebbe felice di incontrare lui e di conoscere Sofia Ombra.
    Un abbraccio grande a tutti e due e mi raccomando: continua ad essere forte come adesso, anzi di più, e stai vicino a tuo padre: ora più che mai ha bisogno di te, almeno quanto tu hai bisogno di lui!!!

  • Donatella Macario

    Meravigliosa Sofia ❤
    Anche tu cara sei un essere speciale, profondamente sensibile, tu vedi oltre il fisico del tuo amato papà.
    Tu vedi e leggi il suo cuore .
    Un abbraccio Sofia ❤

  • Angela

    Hai dipinto il tuo papà come con un pennello e a me è sembrato di vederlo, nel suo aspetto da gigante buono, in cucina a preparare prelibatezze o davanti al PC in video conferenza, o ancora mentre risolve un’equazione per te. Siete fortunati: l’amore scambievole che vi date è il sigillo che vi legherà per sempre.
    Buona Festa del Papà a voi.

  • Silvia

    Brava Sofia!!
    Sai, anche il mio papà agli occhi degli altri, sembrava un orco. Silenzioso, burbero, tagliente con le parole, ma era tutta apparenza, ed è stato il grande amore della mia vita.
    Ti abbraccio forte, forte

  • Emilio

    Cara Sofia Ombra, tuo papà, dopo anni che leggo e rifletto sulle sue parole e dopo le tue di parole su di lui, mi ricorda l’Androide biondo di Blade runner: “Ho visto cose che voi umani”… ama definirsi una macchina esecutrice e, come l’Androide, sicuramente avrà adempito ai suoi compiti con la stessa infallibile efficacia. Però, proprio per questo rasentare la perfezione, ha percepito qualcosa che sfugge dal mero rapporto causa-effetto e sente e trasmette agli altri la speranza e la fiducia nella inspiegabile poesia dell’essere. Ha sempre detto di non vederne evidenza. Ma razzola male.

  • Emilia

    Bella Sofia, bella che sei, vestita di tutto questo amore che hai per il tuo papà. Sei una figlia adorabile, state costruendo meravigliosi ricordi che rallegreranno il vostro futuro. Sofia fa gli auguri al tuo papà

  • magistravulnerata

    e scommetto che leggendo il tuo bellissimo post avrà dovuto nascondere una lacrima. E’ meraviglioso che tu manifesti i tuoi sentimenti: a tante che non hanno saputo farlo quelle parole non dette restano dentro come un macigno e il rimpianto le macera. Non trattenerti mai: esprimi i tuoi sentimenti alle persone di cui puoi fidarti.

  • Maria

    Da nonna, da mamma, da figlia, da donna, da ex bambina e ancora bambina sento di dirti che ti voglio bene. Siete una famiglia splendida.

  • Antonella Montanari

    Cara dolcissima Sofia, hai scritto parole molto belle per il tuo Papà. Stringilo forte. Sono sicura che un tuo abbraccio gli valga una ricarica per tre ore. Stringilo,stringilo.
    Un bacio e un abbraccio a Te e,ovviamente,anche a Papà.

I commenti sono chiusi.