Giornalista Italiano Vince il Premio “Libertà di Stampa”. Chi è? 1


I sette membri del consiglio direttivo federale della DJV, l’associazione dei giornalisti tedeschi, quest’anno hanno assegnato il premio per la libertà di stampa a un giornalista e autore italiano.

Con questo premio la DJV onora personalità o istituzioni che si impegnano in prima persona in battaglie per il mantenimento e la creazione della libertà di stampa. I precedenti vincitori sono stati il giornalista serbo Miroslav Filipovic, la giornalista russa Olga Kitowa e la redazione del giornale “Berliner Zeitung”.


Filipovic ha ricevuto il premio per aver scoperto i crimini di guerra serbi in Kosovo, Kitowa è stata premiata per la sua difficile battaglia contro la corruzione in Russia e la redazione del “Berliner Zeitung” per l’impegno dimostrato nel difendere la libertà di stampa in Germania e l’indipendenza editoriale da Mecom Group, la casa editrice che l’ha rilevata.

Chi è stato quest’anno a vincere il Premio “Libertà di Stampa”?

Indovinate un po’?

Fede?

Riotta?

Belpietro?

Feltri?

Sbagliato.

baciaculo-di-troyes

Il premio per la Libertà è stato assegnato a Marco Travaglio.

Michael Konken, presidente federale della DJV, ha motivato la decisione dichiarando: “Assegniamo il premio a Marco Travaglio, un collega che si è contraddistinto per il coraggio critico e l’impegno dimostrato nel combattere per la libertà di stampa in Italia. Il premio della DJV per la libertà di stampa è il riconoscimento più adatto a Marco Travaglio. Travaglio deve dare coraggio ai giornalisti italiani affinché possano svolgere la loro funzione di vigilanza e non cadano vittima di intimidazioni”.

Travaglio ha saputo denunciare pubblicamente i tentativi dei politici italiani, in particolare di Silvio Berlusconi, di influenzare il lavoro dei media e di ostacolare lo sviluppo di un giornalismo critico. Le critiche di Travaglio si sono orientate anche ai colleghi italiani con lo scopo di incoraggiarli a non sottomettersi alla censura.

Sono sicuro che in questi giorni i mezzi di propaganda del regime, o televisioni che dir si voglia, daranno un grande spazio a questa notizia. (Frase ironica.)

Un grazie a Marco Travaglio per continuare a fare il suo mestiere in un paese di servi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=OQqbJKpoHqY[/youtube]