Siete Tutti dei Drogati! 30


Voi che pippate, siete dei drogati. Voi che fumate l’ero o ve la iniettate siete dei drogati. Voi che vi fate una canna siete dei drogati. Voi che vi farcite di pasticche dalle diverse composizioni chimiche, voi siete dei drogati. Tutto vero. Lo siete. Ma, tra quelle elencate sopra, sapete quale categoria di drogati non ha MAI nella storia registrato morti per overdose? Bravi, avete indovinato . Nel 2007 i pazienti in cura per dipendenza da cocaina sono aumentati, diminuiti invece i consumatori di eroina. Complessivamente, nel 2007, hanno avuto bisogno di cure poco meno di 320 mila consumatori, di cui 205 mila per eroina e 154 mila per cocaina.

Di cannabis non c’è traccia perché, oltre ai danni ai polmoni per il fumo, non c’è alcun altro danno scientificamente (e quindi sicuramente) provato. E in migliaia di anni che l’umanità ne fa uso, nemmeno un morto accertato.
Giovanardi la mette giù così, la questione della droga.

Il fenomeno delle tossicodipendenze in Italia è grave, ma non assume i contorni
allarmistici e le dimensioni numericamente drammatiche di cui si sente parlare
ogni giorno. La cocaina e le altre droghe circolano in Parlamento come succede
in tutti gli altri ambienti.

I dati da lui enunciati sono qui. Le reazioni sono state indignate: “porti le prove“, “non si lanciano accuse senza fonti” etc etc etc. Io ricordo un certo servizio de Le Iene che, se pure ha raccolto prove inutilizzabili in tribunale, ha messo bene in evidenza che branco di fattoni siano alcuni dei nostri parlamentari. Ci sarebbero poi ben altre prove, direi. Pensate a gente come Bondi o la Binetti. Gente che si batte contro l’aborto, dicono di essere “pro-life” (come se essere abortisti fosse “anti-life”) e, davanti al caso della bambina 11enne turca messa incinta dallo zio, che lì non può abortire e deve andare in GB, non hanno le palle di commentare. Il perché è ovvio: coerentemente con le loro posizioni, la bimba dovrebbe tenersi il pupo frutto di stupro incestuoso. E loro vorrebbero leggi più restrittive di quelle turche, qua. Drogati.

Vogliamo fare un altro esempio? Silvio ha definitivamente distrutto il sistema giudiziario italiano per aggiustare i suoi processi. Non ci sarà più giustizia di alcun tipo, nè uguale nè diversa per tutti, ma solo una magistratura congelata che non potrà svolgere i processi. Siamo passati dall’incertezza della pena all’impossibilità di punire. Qualsiasi “pacchetto sicurezza” in queste condizioni è una buffonata: uno Stato dove la Polizia arresta ma i tribunali non processano si chiama DITTATURA. Silvio gongola (e se volete sapere i FATTI invece di leggere semplicemente le dichiarazioni dei politici andate a vedere la stampa estera ;P) Drogato.

Ancora? Tremonti tiene in vita il corpo morto di Alitalia e promette una “soluzione industriale solida” (ci sarà da ridere per i livelli occupazionali, date retta a me. La prossima che fallisce? Azzardo: Ferrovie dello Stato. Il loro grido di dolore non è solo un tentativo di prendere soldi dallo Stato. Come Alitalia è reale). Dopo tutti i giochini del suo padrone per scacciare Air France, farla fallire e acquisirla all’ombra? Drogato.

Di più? L’esercito per garantire la legalità? L’esercito non è attrezzato per l’attività di polizia, ma per il combattimento. Non ha i mezzi per indagare, solo per fare la guerra. Chi è il nemico? Noi, se non ci siete ancora arrivati. Siamo pericolosi perché potremmo stufarci della corruzione del governo e della gestione demenziale dell’economia, potremmo accorgerci che i nemici non sono gli operai immigrati clandestini che costruiscono la casa dove andremo ad abitare ma le persone che permettono questa nuova forma di schiavitù. Potremmo smettere di avere paura. Non ve ne siete accorti? Drogati.

Visto? Ne volete ancora? La droga in parlamento gira eccome. Ma almeno fosse cannabis, no, è più spesso coca. Quella, sulla lunga distanza, brucia il cervello. E si vede.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

30 commenti su “Siete Tutti dei Drogati!

  • Vortexmind

    Vorrei però far notare la presenza di numerosi studi recenti (un esempio) in cui si correla l’utilizzo di cannabis a danni in alcune aree del cervello. Se poi si vuole dire che la cannabis non è la cocaina o le pastiglie mi trovi pienamente d’accordo. Il fatto però che la cannabis non causi morte da overdose non significa che non sia pericolosa.

    Saluti

    • Comandante Nebbia

      Quoto completamente.

      Non è questo il nucleo del pezzo, ma non è possibile fare certe affermazioni adducendo prove negative.
      Se anche i danni si limitassero ai polmoni, come fa balenare l’autore, l’uso andrebbe scoraggiato, come per il tabacco.

      Sul fatto che l’atteggiamento del parlamento lasci intuire una scarsa lucidità mentale credo che sia difficile non essere d’accordo.

        • Il Gobb

          Hai fatto bene ^______^
          L’intenzione era quella di sottolineare il fatto, se pure che l’alcool uccide persone a migliaia, è socialmente accettato (per motivi tradizionali, quindi culturali, e, ovviamente, per il denaro che muove), mentre una droga la cui minore pericolosità, allo stato delle conoscenze attuali, è palese, rimane fuorilegge.
          Mi sono lasciato trasportare… sono un po’ stufo di certe politiche sulle droghe che trovo assolutamente irrazionali >___<

  • Paolo Marani

    Anche gli italiani, come drogati, non scherzano, dato che in massa ofuscati da allucinazioni da lsd sono tornati a credere al pifferaio magico

  • Francesca

    Al di là che credo sia più pericoloso l’alcool di una canna ogni tanto, sono daccordo, gli italiani sono una massa di drogati di grandefratello e calcio, di veline e del macchissenefrega, di intollerranza e dell’essere tutti contro tutti.
    C’è una droga peggiore di questa?

  • Cambiamo Pianeta

    Ho come l’impressione che per poter spiegare la realtà che stiamo vivendo non si possa che ipotizzare l’esistenza di un sofisticato sistema di micro-diffusori che sparano ovunque nell’aria un mix devastante di droghe diverse in forma nebulizzata…ai semafori, negli aeroporti, nelle stazioni della metro, nei supermercati. Tutti ammansiti da una costante somministrazione di stupefacenti.

  • Carlo

    L’intorpidimento nostro è dovuto al fatto che il controllo viene esercitato da noi stessi, nell’accettazione passiva di tutto quello che ci viene propinato, con contorno di qualche pseduo ribellione giovanile(come l’acne) per la ricerca di binari altri, ma pur sempre di binari si tratta, dunque la nostra via è già stata predisposta da altri, controllata e resa innoqua. Come possiamo scegliere di prendere il treno per andare in un luogo qualunque, possiamo disporre delle nostre vite come vogliamo, ma sempre entro le tratte messe a disposizione da trenitalia. Le vie altre, quelle non segnate, quelle che permettono di perdersi e di morire senza avere una meta, la nostra fantasia istituzionalizzata non le concepisce. Per essere asserviti veniamo accecati, resi sordi e legati da bimbi, possiamo ancora parlare, ma di cosa? di tutto ciò che è già stato predisposto per noi.
    Veniamo drogati in questo mondo da ogni cosa, televisione, computer, vita sociale, gestualità, manierismi che ogni volta si ripetono e che ripetiamo come tourettici per spirito di adattamento e sopravvivenza. Chi di noi saprà mai rinunciare a queste cose? Pensiamo invece: le cose si possono cambiare, se noi ne assumeremo il controllo dal basso, cambieremo il loro modo di funzionare, le trasformeremo e diventeranno più giuste e migliori. Penso sia falso, penso che tutti questi oggetti(reali e astratti) siano nati con precise funzionalità, e che anche se alcuni di noi assumessero il controllo di queste istituzioni ne aproffitteremo per controllare gli altri. Il potere è una malattia piacevolmente invasiva e contagiosa, sapremo davvero restarne immuni? O, invece, utilizzeremo questi mezzi ormai antiquati per convincere, assuefare il mondo a tutto ciò che noi pensiamo giusto e retto? Vogliamo davvero prendere in mano le macerie di questo mondo e partendo da esso tentare un cambiamento?Così facendo (cioè lasciandone inalterate le strutture portanti) non commeteremo gli stessi peccati di chi ci ha preceduto?

    • Comandante Nebbia

      Per come stanno le cose dal potere rimarremo immuni eccome, a meno di non entrare nella squadra vincente e farsi largo a colpi di machete.

      La mia opinione è che solo lo sviluppo di una consistente capacità critica individuale può consentire la creazione ed il mantenimento di una società accettabilmente libera, democratica e con regole oneste di relazione interpersonale.

      • Carlo

        Di buon aiuto a questo proposito ho questa citazione:

        “Se è una legge ingiusta che vuoi abolire, quella legge è stata scritta con la tua mano e sulla tua fronte…
        Se è un despota che vuoi deporre, distruggi prima il trono su cui siede dentro di te…”

        (K. Gibrain 1991)

  • sapo

    Come si potrebbe fare a sviluppare maggior capacità critica in un paese di pochi lettori e di moltissimi malati di telecomando,in un paese dove cultura è confuso con coltura(del proprio orticello e quello che succede al di là chi se ne frega),in un paese dove anche la spiritualità(leggi chiesa cattolica)predica la paura.Come si potrebbe fare

  • Lisa

    Quoto pienamente quello che è stato detto.
    I drogati siamo noi, che ci facciamo abbindolare dallo scandalo facile dimenticando poi tutto il giorno successivo.

    Parliamo ancora di informazione, di chi controlla i telegiornali ecc., quando la prima notizia è quello che ha fatto l’Italia agli europei di calcio? Parliamo di libertà e la sicurezza sta giustificando l’intervento dell’esercito nelle strade? Mi sembrano tutte parole al vento ormai.

  • CV

    Una cannetta a settimana tra amici è solo uno dei tanti modi di stare insieme. Criticare ciò deve necessariamente essere legato ad una pari critica dell’alcool. Ma l’alcool è una delle più grandi industrie su questio pianeta (e soprattutto in italia con la nostra industria del vino) quindi guai a mescolare i due concetti!

  • pacatoegentile

    La cannabis e’ mortale!!!
    Mio cuggino e’ quasi morto per colpa della marijuana: stava andando in macchina a comprarla dal suo spacciatore quando un pazzo ubriacone e’ passato col rosso e lo ha tamponato di lato

    Se fosse stato a casa a pregare con me non gli sarebbe successo niente!

    p.s. scusate e’ il caldo 🙂

  • prefe

    il proibizionismo per la marijuana non si basa su alcuna prova scientifica. E’ puro e semplice proibizionismo dettato da ignoranza e interessi.

    Immaginate l’economia dei paesi sudamericani se la marijuana fosse legale.

I commenti sono chiusi.