Epitome Casiniana 6


Con tutto il battage mediatico attorno al suo raduno estivo, Casini ha reso ancora più notorio ciò che era già manifesto: fra tutti i partiti parlamentari il più sfegatatamente montiano è l’UdC. E ciò comporta il suo essere il più sfegatatamente europeista, aldilà delle chiacchiere piddine, visto che Monti rappresenta direttamente la Commissione europea, la quale a sua volta, “per statuto”, rappresenta gli interessi generali dell’Unione, colti in contrapposizione con quelli degli stati membri. Tuttavia l’UdC non si distingue solamente per la sue propensione confindustriale e montiana, ma anche per quella per il malaffare e il voto di scambio.
Se si togliessero i voti del sud dal computo nazionale l’UdC perderebbe i due terzi dei propri “consensi” (meglio dire acquisti). A tutti è chiaro che senza le leve dei vari Cuffaro (e suoi sostituti) Casini avrebbe i voti dei Verdi. Ciò spiega anche la formidabile percentuale di indagati/inquisiti/condannati nelle file di quel partito.

Insomma l’UDC si qualifica come una forza che trasforma i voti provenienti da posti come la Calabria 1 in politiche attive a favore di Bruxelles.
Ora, spessissimo sentiamo contrapporre la salvifica unione europea al malcostume nazionale. “se non fossimo nell’UE, sai dove saremmo finiti…” è un misto di razzismo (“gli italiani vanno corretti”) ad una presa d’atto della realtà: effettivamente gli standard di civiltà del nostro paese sono piuttosto lontanti da quelli della maggior parte dei paesi europei. E così non è difficile identificare nell’UE quello strumento che, rigorosamente dall’alto, può venire a imporci meno corruzione, più diritti, più modernità, più pulizia. Non è qualcosa di inedito: due secoli fa la maggior parte degli intellettuali italiani ha pensato una cosa del genere della conquista napoleonica. 2

Forse coloro che la pensano così (e credo che siano la maggioranza) dovrebbero sforzarsi di riflettere. Il caso dell’Udc è utilissimo nello smontare questo e simili “ragionamenti”. Il partito di Casini funge da compendio della politica italiana: partiti marci, corrotti, in odore di mafia, profondamente avversi alla teoria e al metodo della democrazia, e nel caso dell’UdC nostalgici del medioevo in materia di diritti civili sono PROPRIO QUELLI che votano qualsiasi cosa provenga dalla UE. Lo strumento che dovrebbe liberare l’Italia dai suoi vizi è sostenuto a spada tratta di maggiori portatori di quei vizi. E, guarda la coincidenza, i partiti che più assomigliano a quello che vorrebbe essere lo spirito della UE (per legalità, trasparenza, ecc) sono proprio quelli più scettici vero Monti e l’Ue.

Masochismo?

Ecco perché è stupido contrapporre i tecnocrati di Bruxelles a Scilipoti (peraltro presente alla kermesse casiniana). I detti tecnocrati dominano l’Italia proprio in virtù del sostegno degli Scilipoti. La malapolitica ha portato l’Italia in Europa. l’Europa non porterà via la malapolitica dall’Italia.

Riusciranno mia gli italiani a immaginare un percorso di emenda dei propri difetti che non contempli la colonizzazione straniera?

di Claudio Martini del Blog Main-Stream

Notes:

  1. Io amo la Calabria. Per questo soffro nel vederla ridotta così.
  2. Te dunque, o Bonaparte, nomerò con inaudito titolo LIBERATORE DI POPOLI E FONDATORE DI REPUBBLICA. Così tu alto, solo, immortale, dominerai l’eternità, pari agli altri grandi nelle gesta e ne’ meriti, ma a niuno comparabile nella intrapresa di fondare nazioni. (Ugo Foscolo, da Orazione a Bonaparte per il congresso di Lione, 1802)

6 commenti su “Epitome Casiniana

I commenti sono chiusi.