Ego Me Absolvo 18


Tutti a parlare di questo Vaffa Day adesso. Con quell’espressione volgare, degna di un capo populista qual è Grillo. Una manifestazione abietta, aberrante, giustizialista, di poco tatto. Con tutti i problemi che ha l’Italia poi, andiamo. La politica li risolve i problemi, mica li crea. Suvvia, come si fa? La piazza poi, io lo dico da anni, è pericolosa.

La gente non è stufa della politica, anzi. I partiti hanno molti tesserati. Siamo noi politici ad essere stufi della gente. Sempre a lamentarsi, sempre a chiedere favori. Mi eleggono nell’esercizio del dovere del voto, ed il giorno dopo sono già tutti pronti a bofonchiare. Allora io mi dico: se siete così scontenti, che andate a votare a fare? Il nostro mandato è sacrosanto, lo dice la Costituzione, insomma.

37-puzzle.jpg

Eppoi questo V-Day, questa volgarità antipolitica fomentata ad arte da un populista qual è Grillo, che spero non si faccia del male da solo. Organizzato su questi “bloh”, su questo Internet che, lo dicono i cardinali eh, non è mica affidabile come un’enciclopedia. Ci sono andato io, su Internet, per vedere questi cybernauti. Mica li ho trovati, però ho trovato tanta di quella spazzatura che non vi dico. Volete mettere con un buon libro o con un quotidiano? Se voglio informarmi, vado da Vespa o da Floris o mi guardo un sano dibattito televisivo.

Altro che la Rete, che poi secondo me viene da quel movimento di giustizialisti che sosteneva Tangentopoli. Sì, sicuramente: adesso si spiega la foga forcaiola delle piazze d’Italia dell’altro giorno. Dev’essere così, per forza. Mi hanno detto che c’era pure un giudice sul palco, l’8 settembre. Sì, tutto torna.

Ecco, secondo me questo V-Day è la più grande delle mistificazioni. E’ una manifestazione di cui dovremmo vergognarci perché è stato attaccato Marco Biagi che invece andrebbe santificato. E sapete cosa vi dico? Che devono vergognarsi anche quei politici che, pur di stare sull’onda del consenso popolare, hanno mandato a Grillo e alla sua manifestazione dei messaggi di adesione. Io credo che bisogna avere anche l’onesà intellettuale di dire che Grillo le spara grosse. Eccome se le spara grosse.

Ieri mi hanno chiesto della proposta di non eleggere i pregiudicati in Parlamento. Io ho detto la mia: è un’esagerazione. Oddio, è giusto che chi si macchia di reati gravi per rappresentare la gente non sia eletto. Ma se la gente li vota…non si può mica mettere in discussione la volontà del popolo, vivaddio. Bisogna stare attenti a non esagerare, perché altrimenti viene avanti l’antipolitica, ed il passo dagli striscioni ai forconi è molto breve. Poi dipende anche dai reati. Ad esempio, io sono stato condannato per occupazione di binari perché ho partecipato a una manifestazione di operai che venivano licenziati, e si sarebbero persi 500 posti di lavoro. E non lo rimpiango, sapete?

Io sono anche abbastanza contro la persona in sè di Grillo. E’ un grave pericolo prenderlo sul serio. Un tizio che si augura la morte di un altro essere umano è già arrivato aldilà del bene e del male: faccia il politico, se tanto ci tiene. Si candidi e, se se la sente, contribuisca a risolvere i problemi del Paese: tutto il resto è uno squallido qualunquismo, per fortuna non più pagato tramite il canone della Rai, cioè con i soldi di tutti i cittadini italiani.

Io credo fermamente che senza politica non possa esserci democrazia. Noi, a differenza di Grillo e della sua cricca, vogliamo rilanciare il ruolo e la dignità della politica, e solo chi fa la politica può avere la dignità politica di ricostruire la fiducia dei cittadini nella politica del fare politica in modo da assicurare la buona riuscita del sistema politico della politica.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

18 commenti su “Ego Me Absolvo

  • Borghezio

    Grillo è solo invidioso perchè noaltri ghè l’avem dur..
    Ades chel pirlun comunista vol anca vegnar qua a Bruxelles a rompere Maroni..
    E poi non sopporto tutta questa demagogia alla grillo.. l’è solo un populista cialtrone qualunquista!!
    Roma Ladrona!!
    A morte i negri e i mussulmanesimi!!

  • Emanuele

    ahahah sembrerebbe un post scritto da mastella.
    Devo dire che ci ho messo 5 o 6 righe per capire che è tutto ironico!
    Fico!

  • VOLTaire

    @Ema: Si chiama Pastella… Insomma sti errori…

    Non me lo ho aspettavo :-@ – davvero no… 😀

  • Marco il buono

    Secondo me bisognerebbe specificare che è ironico, è scritto così bene che alcuni potrebbero cascarci.

  • chit

    Le leggi purtroppo (referendum insegnano) non si fanno in piazza ma alla Camera ed al Senato. Da anni giaciono lì ben 3 DDL mai considerati, non penso che saranno un comico ed i suoi 200-300 mila a far cambiare il sistema.
    Forse, si candidasse in politica ma… non credo abbia le palle per farlo e, soprattutto, checchè ne dica nei suoi spettacoli, non penso il sig. Grillo “fatichi ad arrivare alla fine del mese” ergo…. parole al vento le sue!

  • Serpico

    “Io credo fermamente che senza politica non possa esserci democrazia. Noi, a differenza di Grillo e della sua cricca, vogliamo rilanciare il ruolo e la dignità della politica, e solo chi fa la politica può avere la dignità politica di ricostruire la fiducia dei cittadini nella politica del fare politica in modo da assicurare la buona riuscita del sistema politico della politica.”

    Il Politichese non mi prende sul traduttore, oppure devo considerare la traduzione “just host air” corretta?? 😀

  • JP

    > Forse, si candidasse in politica ma… non credo abbia le palle per farlo e, soprattutto, checchè ne dica nei suoi spettacoli, non penso il sig. Grillo “fatichi ad arrivare alla fine del mese” ergo…. parole al vento le sue!

    Non sarebbe molto coerente, dato che Grillo è pregiudicato. Come al solito, inflessibili con gli altri, e ultragarantisti con se stessi. Gli adepti della setta grillesca evitano di dirlo, infatti.

  • JP

    Io mica lo accuso. Stavo rispondendo all’osservazione di cui sopra. Dico solo che deve continuare il suo lavoro di pressione dall’esterno, non dall’interno della politica. Altrimenti perderebbe ogni credibilità.

  • MenteCritica

    Quoto JP.

    Non si può criticare il sistema e diventarne parte se prima non lo si riesce, almeno leggermente, a cambiare.

    Il parlamento è pieno di ex barricaderi.
    Il primo che mi viene in mente è Rutelli, ma solo perché ci passavo le ore ad ascoltarlo a radio radicale.

  • Franca

    Se alla protesta non segue la proposta il qualunquismo dilaga.
    Riempire le piazze lanciando slogan non è mai stato difficile. Me ne ricordo almeno un altro che l’ha fatto in passato.
    Con ciò non dico che la politica non vada riformata, ma da dentro con rinnovato impegno e partecipazione.
    Tenendo presente che i politici sono sono espressione della società, che siamo tutti noi. E quanti di noi, nel nostro piccolo, ripetiamo quegli atteggiamenti che nei politici critichiamo (il favore, la raccomandazione, ecc.)?

I commenti sono chiusi.