Dottore mi Curi 63


Il Giornale di The Voice sotto la nuova veste grafica nasconde ai suoi lettori un quotidiano ancor più schierato nell’attacco frontale alla civiltà.
In figura possiamo vedere la prima pagina di sabato, ho cerchiato un articolo, che secondo la redazione meritava la prima pagina. Tenetevi forte perché stavolta l’hanno fatta grossa, il titolo è:

Ero gay, mi hanno curato ora sogno di avere un figlio

Curato, avete letto bene.
La sorte ha voluto che l’articolo fosse firmato Gaia Cesare. Sarà un lui o una lei? Noto una certa ironia in tutto questo.

In questo eugenetico articolo il Giornale ci spiega tramite le parole di un finocchio pentito che il frocismo è una malattia. Chissà dove avranno trovato questo pazzo disposto a rendere questa testimonianza.
Vi comunico che quanto riporterò fa inorridire. Sappiatelo.

DA IL GIORNALE

«È successo tutto dopo un festino. Un amico stava preparando un esame di psicologia e ha dimenticato un mucchio di appunti sulla scrivania della mia stanza. Ho cominciato a leggere e ho scoperto della terapia riparativa. È iniziato tutto da lì».

Party notturni, alcol, sesso facile e promiscuo. Fino ai 27 anni Luca viveva di «festini» – come li chiama lui – di rapporti occasionali, consumati anche all’aperto, o come si dice in gergo di «cruising». «Questa era la mia vita e quella dei gay come me. Fino a quel momento»

E con questo incipit Il Giornale già ci fa capire cosa pensa l’intervistato dell’universo Gay.

Un omosessuale convinto, insomma. «Convinto sì, credevo che quella fosse la mia condizione, irreversibile. Ero un egocentrico, palestrato, schiavo dei locali notturni, ossessionato dai soldi, convinto di provare attrazione unicamente per i maschi e finito nel vortice del sesso compulsivo».

In barba agli stereotipi di destra sui gay

Da allora, dopo un percorso lungo cinque anni, lo scorso agosto è arrivato il matrimonio con Lisa (il nome è di fantasia), è nato il gruppo di auto-aiuto che Luca dirige, il gruppo Lot, di ispirazione cattolica

Strano che i cattolici abbiano a che fare con cotante stronzate.

«Sì, perché – racconta Luca – quando ero omosessuale ero un infelice. Credevo di essere io lo sfortunato che non trovava l’anima gemella. Poi mi sono reso conto che attorno a me tutto era impostato in modo frivolo, superficiale, che ero circondato da infelici, molti dei quali ossessionati dalla pornografia e dal sesso. »
[…]
«Altro che gaiezza tra gli omosessuali – dice ricordando gli anni della trasgressione -. Dopo quelle nottate estreme, tra cocaina e popper, torni a casa con un carico emozionale enorme ma con un senso di solitudine infinito»

Capisco. L’omosessuale è frivolo, tira cocaina e popper, chiava tutto il chiavabile ed è ossessionato dal sesso. Questo mi fa pensare che note attrici e starlette varie in realtà potrebbero essere gay in incognito.

«Gli appunti lasciati quella sera da un amico parlavano delle teorie di Nicolosi, del fatto che le pulsioni nei confronti dell’altro sesso spariscono se smetti di idolatrare gli uomini perché tu non riesci ad essere come loro, che l’omosessualità può nascere da un senso di rivalsa di un bimbo che vorrebbe avere più attenzioni da un padre assente. Insomma sono entrato in libreria ma il libro di Nicolosi non l’ho trovato. E lì ho capito che c’era una realtà che il mio mondo omosessuale cercava di tenere nascosta»

La mafia gay ha bloccato il libro per mano di Don Elton John il censore.

Ma guai a parlargli di lavaggio del cervello: «Non ci sto. Sono una persona in grado di intendere e di volere come lo ero quando ero un gay. La vera violenza è dire che è impossibile uscire dall’omosessualità»

Uscire dall’omosessualità… Questo tizio dice che non gli hanno fatto il lavaggio del cervello, ma non penso ci sia molto da lavare.

«Basta con questa accusa di omofobia. Chi discrimina è chi pensa che gay si nasce»

Un nazista. Nulla da dire. Accusa anche gli altri di discriminare.

«[…] ho dovuto rinunciare anche ai privilegi di una società in cui essere gay è trendy, ti serve a trovare un lavoro più facilmente e a fare soldi più in fretta»

Come combattere affermazioni così grossolanamente fasulle?
Siamo in Italia. Essere gay è trendy? Ogni lettore provi ad entrare in un bar con un suo amico dello stesso sesso e inizi a scambiarci effusioni. Avrà subito una prova dell’amore che il nostro paese nutre per gli omosessuali.

«Le strade sono tante, non c’è solo la terapia riparativa, ci sono i gruppi e i corsi living waters, la cristoterapia per chi – com’è successo a me – vuole trovare conforto e motivazione nella preghiera. Io voglio solo che si sappia che c’è un’omosessualità che è il frutto di un disagio e che può essere curata come si fa con la depressione o con i disturbi alimentari. Lo scriva, è importante»

La cristoterapia? Non avrei saputo trovare un nome più ridicolo, davvero. Come faccio a prendere per il culo una persona che lo fa da sola?
Comunque l’omosessualità è frutto di un disagio. Prendo nota.
Credere nell’uomo invisibile che tutto ha creato e tutto sa, invece, è razionalità allo stato puro.

«Sono sieropositivo ma posso sottopormi a un trattamento, previsto dalla nostra legislazione e accettato anche dalla Chiesa, per avere un figlio sano. È la mia nuova vita. Non vedo l’ora»

Notare come il nostro ritiene importante che il trattamento vada bene sia alla legge che alla Chiesa. E’ importante.

Per concludere:
So che il Giornale ha riportato le parole di una persona e non ha scritto opinioni, ma la avranno dovuta cercare parecchio una persona di questo genere, evitando tutti quelli che non la pensano così.

Questi trucchetti fanno vomitare.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

63 commenti su “Dottore mi Curi

  • Vortexmind

    Non sono omosessuale, però anche io pratico da anni la “cristoterapia” e la trovo una pratica rilassante anzichenò, specie nei momenti di collera …

  • Elisa Gianardi

    E’ assolutamente sconvolgente quest’articolo. Non ho mai letto “il Giornale”, sapevo che era un quotidiano che non ha neppure il diritto di essere chiamato quotidiano e benché meno testata informativa, ma che addirittura in un simil-quotidiano vengano scritte cagate (scusate ma ci stava troppo) di questo tipo è semplicemente sconvolgente. Penso che “il Giornale” se già si piazzava fra gli ultimi gradini di qualità informativa ora davvero debba essere retrocesso a giornalino di barzellette e frottole umoristiche. Che tristezza! Che ignoranza! Ma qualcuno leggendo l’articolo ci avrà creduto davvero? Se si, siamo messi male, molto molto male.

    • dellefragilicose

      purtroppo credo che molti di quelli che leggono “Il Giornale” si saranno confortati nelle loro convinzioni.

      Comunque concordo, una splendida analisi. L’autore di questi pezzi è un ragazzo molto in gamba.

      • Il Gobb

        Concordo: er Prefe è sempre molto attento, specialmente sulla comunicazione 😀
        Tra l’altro c’è un’affinità elettiva: sul mio blog spesso me la prendo con Il Giornale, house organ di silvio, o con i vari TG, e anche qui su MC c’è qualcosa. Lui di solito straccia “Libero”, se non vado errando 😉

        Grillo su una cosa ha ragione: LE PAROLE CONTANO.
        Sono diretta espressioen del nostro pensiero ed il modo con cui lo trasmettiamo e riceviamo.
        Cambiare il significato delle parole, etichettarci qualcosa di diverso da quello che originariamente si intendeva, è la grande tattica di questi tempi. Si è sempre fatto, non fraintendiamo, ma in un Paese in cui l’informazione di massa è sostanzialmente controllata da pochi soggetti, tutti in mano a chi controlla anche la TV pubblica (sentito il diktat silviico di ieri? Basta pessimismo!) direi che è di CAPITALE importanza capire quanto e soprattutto COME viene manipolata la realtà.

        E comunque Il Giornale è FECCIA pura.
        Non fanno più nemmeno finta di essere un quotidiano, pare “Cronaca Vera”…

        • Oris

          Il vero scandalo è che in nome del pluralismo di informazione li campiamo noi sti scribacchini (per me lo sono tutti, meglio le veline ansa).

    • Il Gobb

      La gente crede a Emilio Fede, a dio, al comunismo, all’oroscopo… figuriamoci se nno crede a questo! Quel Nicolosi è uno che ha un sacco di seguito nel mondo fasciobigotto.

      • prefe

        il giornale secondo me risponde a quell’esigenza che ha la destra di creare una semicultura barbara in contrapposizione al disinteresse generale del suo elettorato.
        Gente che crede di sapere qualcosa perchè legge. Ma legge stronzate.

        Cercate ovopedia, e andrea pezzi. Vedrete !

  • Carlo Fronteddu

    Bisognerebbe scoprire se tale Luca sia un personaggio reale e non creato a tavolino per l’articolo, il Giornale si è già macchiato altre volte di simili nefandezze.

    • Sara

      Geniale!!! Adesso ho l’obbligo di diffonderlo però, sono più violenti di voi, fate anche voi così!! Chi lo legge ha l’obbligo di diffonderlo, così il fenomeno delle catene di sant’antonio si distrugge coi suoi stessi mezzi perchè la consapevolezza rende immuni da certe supidate…Un paradosso praticamente!

      • prefe

        chi è che segnala questa iniziativa???????’

        Lo ScaricaBile è MIO!!! (e di altri 3 tizi)

        grazie mille per averlo segnalato

  • Sara

    Oddio la cristoterapia!!! Non ci volevo credere!!!!
    Che strani gli amici gay che ho, non fanno niente del genere, niente festini, niente cocaina, niente favori per il lavoro, sono proprio atipici!!! 🙂
    Comunque da quando una volta ho messo in crisi due testimoni di geova semplicemente rispondendo alle loro domande sto molto simpatica a questi suonatori di campanello, per cui vengono a suonare ritenendomi un nuovo talento, e mi lasciano (gratis!) i fantastici giornaletti.
    Siccome in certi momenti mi dispiace perdermi delle perle, a volte li sfoglio. Udite udite… In uno di questi pezzi storici dell’editoria c’era l’intervista a un gay che riferiva questi problemi, che poneva una domanda alla redazione, i toni erano gli stessi, i temi e gli stereotipi idem…Mi sa che al giornale ci sia qualche copione, siccome hanno copiato i testimoni di geova e non i cattolici secondo me nascerà qualche gelosia!!! :mrgreen:

    • Carlo Fronteddu

      Avevo trovato una copia della torre di guardia del 1988 su di una panchina al parco, sulla quarta di copertina c’era un test:
      “Sei pronto per la fine del mondo? “, con tre risposte, il tuo con dietro lo sfondo di un esplosione atomica, una volta data la risposta si pregava di spedirlo alla redazione italiana de la torre di guardia. Semplicemente meraviglioso! Era parte integrante del muro sacro della mia vecchia casa.

      • Sara

        Ahah questa descrizione mi ha evocato Mordor il regno di Sauron!!
        Pensa se un testimone di geova di trova a ristorante vicino a uno che sta mangiando una torta al cioccolato ed esclama “questa è la fine del mondo!!!!!” Gli prende un infarto!!!
        “Sei pronto per un infarto?” dopo aver preso 100 mg di aspirina per le tue coronarie che non vogliamo averti sulla coscienza invia la busta a Mordor!!

        • Carlo Fronteddu

          Il mio undici settembre, Zandam vicino ad Amsterdam, a casa di un siciliano con una moglie spagnola, che leggendomi la bibbia mi spiegava che la caduta delle torri era già stata prevista e che preludeva alla fine del mondo. Il mondo è un luogo surreale dove vivere :mrgreen:
          Non sono poi nuovi tra l’altro a questi proclama, il fondatore della setta aveva previsto la fine del mondo per il 1884, quell’anno poi, non successe un cazzo e rimandarono di cento anni, nel 1984 ancora nisba, mi chiedo io, ma la prossima fine del mondo per quando l’avranno stabilita?

          • Sara

            Nel 2012 devono succedere un sacco di cose!!
            Si inverte il campo magnetico terrestre, sono previsti altri mille fatti catastrofici, di cui l’ultimo ma non il meno importante è il mondiale di calcio in sudafrica!!! :mrgreen:
            hai letto i post di neottolemo sulle varie profezie? Sono sublimi!!

          • lucaspazio

            ma nooooooo il mondiale in sudafrica è nel 2010!!!! Nel 2012 al massimo è il campionato europeo in Polonia/Ucraina…

          • Sara

            ah scusa mi sono confusa con le fantastiche olimpiadi londinesi! da me non me l’aspettavo quest’errore… 😉

  • Verrocchio

    Vorrei far notare il nome dell’associazione “riparatrice”: Lot, il nipote di Abramo, l’unico uscito vivo da Sodoma nel famoso episodio biblico (in cui perse la moglie; ma si rifece della perdita ingravidando le proprie figlie durante un attacco di alcolismo). Insomma, come se la Cesare Ragazzi cattolica si chiamasse “Sansone”.

  • connemara

    a dir poco sconvolgente!!!!
    ma per una volta credo che tutt’altra informazione si sia comportata decentemente ignorando questo squallido articolo

  • Cambiamo Pianeta

    Basito…atterrito…sconvolto…nauseato…e molto altro ancora!!
    Questo magnifico post ha prodotto in me diverse reazioni, molte delle fastidiose.
    Non credo di poter aggiungere molto a quanto è già stato detto.
    L’articolo de “Il Giornale”, oltre ad essere il tipico prodotto di una squallida sottocultura “fascistoide” mai debellata, contiene un condensato di tutte le peggiori piaghe che affliggono questo paese di pecoroni incaprettati…ipocrisia, falsità, bigottismo, ignoranza, superficialità, ottusità, cialtroneria e chi più ne ha più ne metta.

      • pacatoegentile

        non scherzarci sopra, c’e’ gente che ancora ritiene che l’omosessualita’ sia una malattia e hanno pronte le loro cure.

        cure che, appunto sono illegali, eppure quelle persone continuano ad andare in giro, nonostante siano denunciabili.

        cure a base di ormoni, percosse, lavaggi del cervello … e siamo nel 2000 .
        e non solo nessuno fa niente ma pure la stampa da’ loro ragione in barba alla comunita’ scientifica.

    • Il Gobb

      Il problema è che all’elettore medio del PDL la realtà non interessa affatto 😀

      (ok, ok, lo so, è una battuta insultante… ma che vogliamo fare? Spesso SONO risibili :D)

        • Il Gobb

          Qualche anno fa ti avrei risposto “un po’ di più”, oggi non sono sicuro. Che le menti semplici si stiano moltiplicando? O_O

          • pacatoegentile

            Assioma di Mr Cole:
            La somma dell’intelligenza sul pianeta e’ costante;
            la popolazione e’ in aumento.

            e comunque il problema rimane, il giornale dovrebbe essere denunciato per la disinformazione di quell’articolo

  • tusaichi

    mio dio… partecipo a festini, mi piace il sesso e mi sono fatto qualche spinello con gli amici.. quindi sono gay!

    …mannaggia… e ora chi glielo dice alla mia ragazza?
    😀

    che roba, manco al circo.
    da oggi in poi il mercoledì invece di topolino comprerò il giornale.

  • ilBuonPeppe

    “Il Giornale”: l’ossimoro perfetto.
    Purtroppo c’è un sacco di idioti che crede che l’omosessualità sia una malattia, e su questi fanno leva fanatici e imbroglioni per praticare il lavaggio del cervello a soggetti con una personalità più esposta.
    Sapevo di queste presunte terapie, e la cosa più vomitevole è proprio che di solito c’è dietro la chiesa cattolica. Non tutta ovviamente, si tratta di singole sette, ma non capisco (o forse sì) perchè la chiesa non faccia piazza pulita al suo interno, mandando questi criminali a fottersi come meritano.

    • prefe

      vorrei che chiamassi le cose col loro nome

      CRISTOTERAPIA
      … non “queste terapie”.

      Il corso di defrocizzazione è tenuto da nostro signore Gesù in persona

  • alexandros

    ma voi avete mai letto i commenti sul sito de Il Giornale? Denotano un alto tasso di cultura e di intelligenza nonchè di spirito critico…sè, magari!!! Cmq sono veramente ilari, li consiglio se volete tirarvi su il morale

  • Marcoilbuono

    Attenti a fare distinzioni fra destra e sinistra su questi argomenti,il nome binetti vi dice niente? e carra?
    Anche io mi sto defrocizzando, al momento sono diversamente etero.
    Ma la strada è ancora lunga.

  • Oris

    Io sono talmente gay che alla fine mi piacciono le donne.

    Meglio gay che normale, troppo spesso i normali sono osceni.

  • Adetrax

    Qualche ricercatore (rif. Dean Hamer) ritiene di poter dimostrare una correlazione fra l’omosessualità e un gene trasmesso per via materna.

    Chissà quanti altri geni determinano il nostro comportamento e necessitano di terapie riparative.

  • Michele

    Mi sento eterosessuale, e la cosa non mi pesa.
    Spero che a qualcuno non venga in mente che dovrei essere “curato” per questo.

    L’articolo descrive una storia di un “ipotetico” ragazzo che ritiene che essere omosessuali sia una malattia e per di più curabile.

    Se certe affermazioni le fa uno psichiatra io inizio a preoccuparmi, non è che poi un giorno dovro essere curato anche io ?

    Riporto per intero:

    11 settembre 2009

    [L’omosessualità] è una patologia e quindi un grave disordine. Non è normale affatto, posso anche accettarla, nel senso che gli omossessuali vanno rispettati e non colpiti, ma da questo a farne cosa nella norma ci passa.

    Esistono cause organiche, ma talvolta anche a scelte personali di vita, deliberate e volute. Una condotta comunque sempre contro ogni natura e disordinata.

    7 dicembre 2009

    Un tempo era senza dubbio vista da tutti come patologia. Poi, recentemente, prima la società americana di psichiatria e dopo la organizzazione mondiale della sanità, la hanno cancellata.

    Io ero e resto della convinzione che la omosessualità sia una patologia, una anormalità della sessualità e quindi un disturbo […] per disturbo si intende un distacco dalla realtà e non ci piove sul fatto che la sessualità abbia come primo e principale scopo la riproduzione della specie. Ora non è possibile questo evento nell’atto sessuale tra persone del medesimo sesso. Nessuno, tanto meno io, vuole fare delle discriminazioni, ma è così.

    In parte ci potrebbero essere persone geneticamente predisposte alla omosessualità, ma non è detto, come altre patologie se quel virus, non mi riferisco alla omosessualità per virus, esploda oppure no. Ma omosessuali si diventa, ed il più delle volte, per libera e precisa volontà. In una società che ha perduto ogni valore etico.

    22 gennaio 2010

    La sessualità ha senso se volta alla procreazione. Il matrimonio ha una duplice sfera: umana e relazionale e sacra e liturgica. Fuori di questi campi è libertinaggio. L’omosessualità, nonostante il parere di altri colleghi, è una anormalità, una patologia e un disturbo che si traduce in malattia.

    29 gennaio 2010

    Gli omosessuali sono dei disturbati e come tali patologicamente rilevanti.

    Io ho il diabete. Non mi offendo se qualcuno mi dice che sono malato, è la realtà. Bene, per quale motivo gli omosessuali si offendono se qualcuno, correttamente, parla di patologia. Peggio ancora di scelte deviate.

    I gay sono soggetti patologicamente diversi e basta. Dei disturbati.

    Il mondo moderno va avanti per lobbies ed oggi quelle più potenti ed influenti sono quelle massoniche, ebraiche, omosessuali. Insomma, come qualle dei tassinari a Roma. Se ti opponi, ti menano.

    Parola di Francesco Bruno, professione psichiatra (e frequentatore di salotti televisivi).

    Fonte:
    http://snipurl.com/u8onz

    Mahhh??

    • Comandante Nebbia

      la laurea in psichiatria non è un certificato di garanzia contro la coglionaggine, il razzismo o l’omofobia.

      in fondo si possono laureare tutti. basta mandare a memoria un po’ di libri.

I commenti sono chiusi.