Donne massacrate … Donne uccise … Donne ammazzate 6


Mai, nemmeno una volta ho chiamato bianca la morte che ha ucciso un lavoratore. Ho sempre scritto che era stato ammazzato. La morte in guerra per esempio, di persone innocenti che fossero bambini, uomini o donne, non avrei mai potuto chiamarla “effetto collaterale”, o “vittime di dannati calcoli errati di armi più o meno intelligenti”. Nemmeno ora scriverei di dramma e disperazione, dinnanzi alle persone che si uccidono per la mancanza del lavoro, perché impossibilitati a garantire un’esistenza dignitosa a loro stessi e alle loro famiglie. La chiamo strage, carneficina, ne denuncio – a mio modo – i responsabili.
Mai una volta ho detto che una donna uccisa era stata vittima di un dramma della gelosia, ma ho sempre scritto che una donna era stata ammazzata.
La morte non è cosa che si possa edulcorare con la gentilezza della parola.
16 inviti per firmare un appello, l’ennesimo, che io non firmerò per ottenere l’ovvietà in questo mondo che attraverso la “neolingua” ha controllato e controlla le menti di chi della comodità semplificante ha fatto religione. Bisogna far sapere ai giornalisti, che di fronte al cadavere di una donna non si dovrà più parlare di dramma della gelosia, ma di “femminicidio”.
Con l’appello, quindi, si chiede di non utilizzare un termine cretino, per sostituirlo con uno stupido.
Femminicidio è la parola di oggi, che gira sui social network, che viene accompagnato da immagini più o meno toccanti di donne livide e massacrate. L’immagine è fondamentale per ricordare di cosa stiamo parlando, perché le parole donna-massacrata non basterebbero nell’epoca della multimedialità feisbucchiana.
Femminicidio non vuol dire nulla, però è bello, nuovo, ha presa.
Vogliamo parlare di donne massacrate nelle loro case? Parliamone con le stesse donne che subiscono silenti le violenze quotidiane, quando nei pomeriggi d’estate si chiudono le finestre per non sentire le urla che arrivano dal piano di sopra o di sotto; dalla casa accanto. Si abbia il coraggio di riconoscere gli occhi delle nostre amiche, figlie, vicine di casa che si spengono giorno dopo giorno. Riconosciamo i volti spaventati e gli sguardi persi che chiedono un aiuto che a volte si preferisce non dare, non domandando per non sapere. Impariamo a guardarci negli occhi, a non aver paura di sapere. Ricordiamo cosa è stata la nostra vita per riuscire ad essere utili in quella degli altri.
Occupiamoci delle donne vive, così che non diventino “femmine morte” da piangere e rimpiangere.
Occupiamoci di quelle donne che non ridono più e nemmeno piangono, che non hanno lividi da mostrare, ma cicatrici nell’anima che non guariranno mai, violentate psicologicamente, vessate, rese incapaci di essere vive oltre alle necessità del padrone da soddisfare. Perché anche loro un giorno potrebbero scegliere di morire, solo per essere finalmente libere.
Se bastasse davvero firmare un appello per rendersi partecipi a un cambiamento, a un miglioramento, a un qualunque tipo di ritorno alla civiltà mi slogherei il polso. Già, ma che dico! Non si fa tanta fatica, basta un click.

Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

6 commenti su “Donne massacrate … Donne uccise … Donne ammazzate

  • maria

    E come si può fare, quando le stesse donne, quelle che ritengono di essere più dure, più dritte e più coraggiose… questo per non dire che sono state fortunate, perchè ne sminuirebbe la loro figura di donne, certe volte si accaniscono contro donne che non riescono a reagire, additando loro ogni responsabilità di ciò che accade, ma che stanno sempre in prima fila quando c’è da fare la figura delle donne che salvano le donne…
    Il maschilismo è pieno anche di donne… le donne prescelte proprio da maschi con la finta favola che anche le donne possono farcela.
    Mi sono rotta le scatole di questo tipo di prototipo di donna, dalla donna in politica a quella negli affari.
    Dietro un grande uomo, si dice c’è sempre un grande donna… Dioetro una grande donna, c’è sempre un marito, un padre, uno zio, un compare, un fratello, un amico, magari un cugino che le ha dato, o meglio che le ha tolto il dovere di essere donna e basta… Purtroppo, non tutte queste donne riescono poi a non porsi come modelli fresche e pimpanti di “donna arrivata”
    Togliete, facciamo togliere dalle scatole dei media, del quotidiano e della politica (nessun riferimento alla esagerazione dell’arem di qualcuno… anche a sinistra ci sono questi fenomeni, ma solo più mascherati, più bigotti e più ipocriti) queste donne e finiamola, tra donne, di prenderci per il sedere una volta per tutte.

  • Vittorio Mori

    Per fortuna il povero Carlo Parlanti, di cui poco se ne è parlato, almeno è riuscito a tornare a casa da innocente.

    Sfuggono alla mia comprensione le struggenti parole sulle donne di questo articolo: penso ci si dovrebbe liberare dagli stereotipi.

    Indi no alla Beatrice di Dante, ma anche no a queste agiografie vittimistiche, con ostensione delle salme tanto per fare più effetto.

I commenti sono chiusi.