Disquisizione Semiseria sulla Pubblicità.


0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×
Attenzione, su Mentecritica scrivono diversi autori. "Disquisizione Semiseria sulla Pubblicità." è stato scritto da spes74. Ogni autore ha la sua opinione personale che non sempre corrisponde a quella del curatore del sito. La pubblicazione non è sinonimo di condivisione delle opinioni e si pubblica ad esclusiva condizione che siano rispettate queste regole. Il sito mentecritica.net non ha fini di lucro, è gestito su base volontaria ed a spese del curatore. Il sito non è aggregato a partiti o movimenti e non sostiene nessuna organizzazione politica.

tdlsall.jpgQualche tempo fa ho letto un simpatico post intitolato “Che fine hanno fatto“: i protagonisti dell’articolo sono “attori animali” di spot televisivi; quando dico animali intendo il senso letterale della parola e non come già qualcuno sta malignamente pensando alla presunta arte fittizia di alcuni attori. In questo articolo si ricordano in particolare: il cane di Infostrada, il passero di Del Piero, Ettore il cane di Tim e il cavallo goloso di alcune caramelle delle quali ho rimosso totalmente il nome (chissà perchè); pubblicità più o meno simpatiche o più o meno sciocche e irritanti, de gustibus….
Si è parlato tanto di una discutibile pubblicità di D&G in cui “Un uomo a petto nudo (con occhiali scuri e jeans) è chinato su una ragazza e la tiene bloccata a terra, per i polsi, mentre lei tenta di divincolarsi. Altri quattro uomini, più o meno vestiti, assistono alla scena impassibili.” Così l’ha descritta l’Unità in questo articolo.
Lo scorso mese è stata presentata in Spagna e, in seguito a numerose critiche, è stata ritirata dagli stilisti che l’hanno ritenuto “un Paese arretrato”. La cosa, però, non passa inosservata neanche in Italia. Il Ministero per le pari opportunità sta diffondendo su tv e non solo la campagna contro la violenza sulle donne, si è schierata contro anche la Cgil (“La moda è innanzitutto cultura, etica, e veicolo di trasmissione di valori, sogni emozioni. È vergognoso che Dolce & Gabbana veicolino un messaggio di violenza e sopraffazione nei confronti delle donne. Quel manifesto dovrebbe scomparire e gli stilisti devono chiedere scusa a tutte le donne. Se ciò non avverrà, l’8 marzo le donne proclameranno uno sciopero degli acquisti dei capi di Dolce & Gabbana“) e poi  13 senatori, sia del centrodestra che del centrosinistra, chiedono che la pubblicità venga ritirata e che l’azienda sia richiamata al rispetto delle regole; prima firmataria dell’appello Vittoria Franco, presidente della commissione Cultura e responsabile nazionale delle Donne Ds, che ha inviato la richiesta al Giurì per l’autodisciplina pubblicitaria, Umberto Loi.
Su questa pubblicità si potrebbe dire di tutto: che l’arte è arte e non va messo il bavaglio, che di violenza sulle donne ce ne è già abbastanza e non è il caso di istigarla anche con la pubblicità, che gli uomini rappresentati nello scatto tanto discusso probabilmente non sarebbero capaci di fare del male neanche a una mosca e qualsiasi donna potrebbe tranquillamente difendersi da sola (ma questa è un’altra storia).
La cosa che a me sembra palese è che ci lasciamo sempre più coinvolgere da questa “società dell’immagine” distaccandoci irrimediabilmente dalla realtà.
Oppure la “società dell’immagine” è già la nostra realtà?
Ma accantoniamo per un attimo D&G.
Oggi ho visto per la prima volta un’altra pubblicità, non così esplicita come quella di cui ho parlato finora ma a mio avviso molto più subdola: è della Original Marines. Il quadretto che ci presentano è quasi da sogno: una bella famiglia, belli mamma e papà, figli ancora più belli, biondissimi e con gli occhi azzurri che giocano allegramente tra di loro in una casa bellissima e con tanti peluches (scusate per la ripetizione dell’aggettivo bellissimo ma è una cosa voluta); una famiglia perfetta insomma. Alla fine della pubblicità, dopo che i nostri occhi sono rimasti estasiati dalla perfezione che abbiamo appena visto ci sparano un titolone: razza original!
Bene, sarò anche maliziosa e cattivella ma oltre ad un primo messaggio subliminale che ho colto durante la pubblicità (cioè che tale perfezione noi comuni mortali, poveri sfigati, possiamo solo sognarla) secondo me ce ne è un secondo, ben più viscido, che si rifà alle teorie sulla razza superiore ariana tanto cara ad un certo Adolf. Sarò anche esageratamente maligna ma questa è la mia impressione.
Forse è un po’ colpa dei recenti avvenimenti che hanno fatto rischiare il collasso al governo Prodi o le solite scaramucce sui diritti umani se sento un po’ di pizzicore davanti a queste cose americaneggianti.

Fonti: l’Unità, dellefragilicose, corriere.it, settantasette

Puoi scrivere anche tu su MC. E' gratis. Leggi qui.

Offri un caffè a MCcup_PNG1968

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×
The following two tabs change content below.