Devo Conformarmi al Conformismo 10


itabandiera.jpgIl centro di studi antropologici dell’istituto dell’università statale dei Makonde in Mozambico ha recentemente svolto una ricerca sulla popolazione italica in età giovanile. Essendo una piccola università e non avendo altri riferimenti a disposizione ha chiesto a Eupls di divulgare il loro lavoro, e noi li accontentiamo.

Homus italicus juvenilis

Dall’istituzione della nostro dipartimento di studi antropologici questo è il primo importante lavoro svolto nel continente che gli indigeni solgono chiamare Europa.

La nostra spedizione è partita dalle coste del Marocco ove abbiamo potuto constatare come gli usi occidentali-europei sono già radicati nella popolazione locale. Adattatici ben presto ai costumi di questo popolo, ci siamo imbarcati su un mezzo acquatico che questi chiamano “gommone” e che usano soventemente per menare gente dalle coste Marocchine a quelle del sud Italia.

Siamo sbarcati, dopo un viaggio estenuante, nelle terre di Puglia che si trovano, queste, nel sud dello stivale (lo stivale ha funzioni simili ai nostri sandali di corteccia ma di contro è ben più scomodo da indossare; con questo termine gli italici indicano il loro territorio in quanto ne ricorda la forma).

La costa pugliese ci è subito apparsa molto simile alle coste Marocchine specie nelle architetture. E’ un dato incontrovertibile che ci dimostra come gli occidentali siano ormai incapaci di ogni sorta di evoluzione che li porti ad esternare le loro diversità e quindi caratterizzarsi.

La nostra meta era però il grande centro amministrativo situato sulla costa opposta dello stivale, la grande città chiamata Roma.

Da notare la grande disorganizzazione degli italici. Infatti nel nostro viaggio verso Roma abbiamo potuto constatare come i costumi indigeni obblighino le persone a grandi spostamenti di persone e di merci che di contro non si organizzano per un corretta gestione di questi traffici rendendoli estremamente disagevoli.

magritte-notrepro.jpg

Giunti nella grande capitale abbiamo potuto organizzare il vero scopo della nostra spedizione focalizzandoci sui giovani indigeni per diverse fasce d’età.

Infanti

L’infante nasce in strutture organizzate dove ogni donna si reca in ascesi volontaria prima del parto.

Il neonato infante e la puerpera genitrice tornano nella loro dimora solo a parto avvenuto e continuano il loro periodo ascetico. Infatti la puerpera ed il consorte sono, in questo periodo, totalmente alienati ai voleri dell’infante e pronti a venire incontro ad ogni sua minima richiesta. Questo periodo dura diversi anni.

Passata la prima fase, quando l’infante raggiunge l’età dei sei anni abbiamo notato dei cambiamenti nella situazione. Ma non in positivo. Contrariamente a quanto si può pensare l’infante, che è ora capace di deambulare autonomamente e di farsi comprendere nell’idioma familiare, viene pressoché segregato nella sua dimora. L’infante in questo modo non apprende alcunché: non è in grado di distinguere cibi commestibili dai non, non è in grado di cacciare le prede più semplici e tanto meno di svolgere le mansioni più elementari all’interno del focolare.

Nei momenti di svago, che per l’infante sono molti, questo convoca altri suoi simili nella sua dimora, o si reca nelle dimore altrui, per estenuanti maratone davanti un dispositivo audiovisivo che ci hanno indicato chiamarsi televisione. C’è anche da dire che i genitori dell’infante temono nel far uscire l’infante all’aperto, comportamento questo dettato forse da tabù vigenti nei loro culti religiosi.

Adolescenti

E’ senza dubbio questa l’età più interessante per la nostra ricerca. Posto in ambienti a caratterizzazione sociale, l’adolescente italico sviluppa in questa età i comportamenti che l’accompagneranno per il resto della sua vita. E’ sorprendente veder come il già pessimo lavoro svolto dai genitori vada man mano a peggiorare in questa fase della vita degli esaminati.

Abbiamo notato come, secondo i loro costumi, giunti nell’adolescenza i ragazzi acquisiscano il diritto di utilizzare una formula magica dal potere devastante: “voglio”. Quest’arte sovrannaturale che gli adolescenti hanno in uso permette loro di gestire la profonda alienazione in cui i genitori sono ormai rinchiusi, allo scopo di ottenere feticci che noi abbiamo classificato come “social improvement”.

I social improvement non rispondono ad una classificazione morfologica ma bensì quantitativa.

Infatti il soggetto che in maggior numero avrà a disposizione questi oggetti sarà calato in una situazione privilegiata nella sua comunità che lo riconoscerà come “conformed”, massimo grado di aspirazione sociale.

Tornando ai social improvement, abbiamo riscontrato che questi perdono subito il loro valore. Spesso nell’arco di pochi giorni questi vengono riposti nei magazzini delle dimore e devono essere sostituiti in tutta fretta se non si vuol perdere carisma agli occhi della comunità!

Non paghi dei social emprovement, gli adolescenti si gerarchizzano anche attraverso il “suit range”. Questa è una scala di valori (da noi ideata in base alle osservazioni) che ci dimostra come ad un determinato capo d’abbigliamento si associ diversa accettazione sociale.

Abbiamo notato che secondo questi rigidi schemi, alla lunga gli adolescenti tendono ad assomigliarsi un po’ tutti ed è stato ben difficile per noi portare a termine la nostra ricerca senza confonderci.

Giovani uomini

Ultimi esemplari presi in esame sono i giovani uomini. E’ proprio con questi soggetti che possiamo ammirare come lo spettacolare meccanismo che innescato nell’infante, porta con il passare del tempo, allo stato di “physiognomy identity” che si può ammirare a compimento negli esemplari di età compresa dai diciotto ai trenta.

E’ stata senz’altro questa la parte più semplice (direi quasi rilassante) della nostra ricerca, infatti in questa età i ragazzi sono praticamente identici sia nell’aspetto che nei comportamenti. Dotati di capigliature, vestiario, dialetti, e persino modi e caratteri similari, la ricerca si può sostanzialmente condurre per un solo esemplare per può allargare i risultati all’intera categoria.

D’altro canto è assolutamente sconcertante constatare come gli adolescenti sembrino essere costruiti in quella che gli italici chiamerebbero catena di montaggio. Privi di qualsiasi caratterizzazione, questi adolescenti sembrano trovarsi bene sono in folti gruppi e si sottopongono a degradazioni fisiche e mentali per essere ben inseriti in questi. Inoltre c’è da dire che l’esigenza di gruppo non ha fini pratici, è invece assolutamente convenzionale.

Tra questa omologazione di massa spicca di gran lunga un entità, che è quasi definibile quale etnia, chiamata in loco: adolescente di sinistra.

Quest’adolescente di sinistra è distinguibile dai seguenti caratteri:

– capigliatura rasata (o molto corta) sui lati e più lunga nella parte superiore del capo;

– maglietta in genere di colore rosso o nero con effige di un dio occidentale chiamato Che (ci risulta inoltre la paradossale sorte di questo Che, la sua mitologia ce lo dipinge come girovago predicatore che recava l’ideale che la religione è un male, ed è invece assurto al rango di dio);

– pantaloni generalmente molto larghi che lasciano scoperte parte delle terga;

– calzari generalmente in materiale plastico raffiguranti l’effige di una stella.

xavi-fans-main.jpg

Molti in passato, trovandosi di fronte al giovine uomo hanno erroneamente pensato che questi fossero degli adepti a qualche setta (cosa non molto lontana dalla realtà ma comunque erronea), o addirittura sacerdoti di un culto locale e relativa divisa distintiva. La nostra ricerca ha invece dimostrato la realtà per lungo tempo ignorata: dall’infanzia all’età adulta. il giovane italico è piegato (ma molto spesso decide, si sforza con tutto se stesso a conformarsi) ad un modus vivendi, al fine di, si noti bene, non essere parte della società ma sentirsene parte integrante ed indispensabile.

Prossime osservazioni ce risulteranno indispensabili saranno quelle di vedere come il ragazzo italico cresca e diventi parte attiva, produttiva, della società. Possiamo leggere dalle precedenti osservazioni svolte del nostro dipartimento come l’uomo italico conservi queste sue distorsioni adolescenziali rendendo cattivi servigi a se stesso ed in genere alla società. Ma questo è un discorso da dipanare in una successiva opera.

Ringraziamo Eupls per averci fornito il supporto alla divulgazione del nostro lavoro.


Informazioni su Contributo redazionale

A seguito di un attacco hacker il database degli autori degli articoli di MC è stato compromesso. Questo articolo è stato scritto da un contributore di MC, ma non è stato possibile risalire a chi. L'autore, se lo ritiene opportuno e necessario, può richiedere la ri attribuzione del contenuto via contatti del sito.

10 commenti su “Devo Conformarmi al Conformismo

  • Alessio

    La ricerca mi sembra molto interessante, ma secondo me ha ancora molti buchi. Del resto non esistono solo "adolescenti di sinistra con effigie del Che". Sarebbe interessante indagare quelli di destra (sempre che si lascino indagare dagli africani ovviamente!). Ma poi esistono ancora svariate classi di giovani.

    Insomma, conformismo sì, ce n'è senz'altro e in special modo qui a Roma. Ma è un conformismo settario, i giovani sono tutti uguali se inseriti dentro il loro gruppo di appartenenza!

    P.S. Mica sarò sembrato troppo serio, vero? 😀

  • Neottolemo

    "Sarebbe interessante indagare quelli di destra (sempre che si lascino indagare dagli africani ovviamente!)" questa mi piace 🙂

    Il pezzo è vecchiotto, ma al tempo in cui venne steso, era mia intenzione continuarlo con altre categorie giovanili. Ora chi mi conosce, sa anche della mia pigrizia da competizione, il che vuol dire che i vari seguiti dell'articolo vedranno si la luce, ma prima o poi. Molto poi (credo). Poi starà a MenteCritica decidere di ospitarli o meno.

    Il perchè dei giovani di sinistra, è che io vivo a San Lorenzo e ce li ho sempre davanti il naso. Sarebbe stato altrimenti, se io vivessi lungo viale Parioli (sarebbe diverso anche andare all'università, ma è un altro discorso questo).

    Altra precisazione che nell'articolo non ho inserito è questa: la forma di ricerca antropologica, è spudoratamente presa dal Diario Minimo di Umberto Eco.

  • penelope

    L'articolo è molto interessante anche avendo 12 anni non ne capisco molto. Oggi i ragazzi vestono magliette con scritto "Che" cioè Che Guevara , un mito di sinistra, ma in realtà non sanno nemmeno chi è,ma la indossano semplicemente per essere alla moda.

    P.S. Ragazzi cerchiamo di migliorare e di essere noi stessi!!!!!!!!!!!!

  • Mamma

    @Neottolemo. Posso dare un contributo alla tua ricerca suggerendoti semplicemente le conclusioni: i giovani passeranno velocemente da questo loro stadio a quello della vecchiaia! Senza lasciare nessuna memoria del loro passaggio su questa terra. Questo periodo sarà ricordato dagli storici (se ancora ci saranno) come gli anni del Nulla.

    @Penelope

    Complimenti anche da parte mia per la tua eccellenza mentale. Però ricorda: mezzora non di più, poi vai a fare una bella passeggiata all'aria aperta. MAMMA!!!!!!!!!!!!

I commenti sono chiusi.