Default Italia: La Soluzione Zeta 16


Il bluff Monti è durato poche ore. Quando si gioca a poker è un rischio che si corre, specialmente se al tavolo ci si è fatta fama di coglioni sparaballe.
Ora si rincorrono tutte le interpretazioni possibili: Monti è l’incaricato della BCE per confinare all’Italia il disastro dell’Euro e pagare i debiti dei crucchi con le lacrime e sangue degli italiani, la democrazia è commissariata dalla finanza, se non si paga il debito non succede nulla.
Bene, bene. Anni di cazzate sulle scie chimiche hanno prodotto una forma di inferenza basata sulla dietrologia, sul segreto di Fatima dei poveri, sulla Grande Cospirazione. Proviamo a mettere un attimo da parte le “deduzioni” e guardiamo i fatti.

L’Italia è, per sua scelta, inserita in un sistema capitalista dove il liberismo non è un’opzione, ma un indispensabile strumento. Da vent’anni questa nazione, che riferita all’aspetto economico/finanziario è solo un sistema produttivo, non riesce a migliorare la sua potenzialità produttiva. Se si voleva il socialismo, bisognava mettersi d’accordo con Fidel, non con la Merkel.

Attenzione, migliorare la potenzialità produttiva non vuol dire necessariamente produrre di più, ma anche fare le stesse cose con costi minori, maggiore efficienza, diminuire l’impatto sull’ambiente, migliorare le condizioni di vita per favorire il consumo, modernizzare l’esistente, produrre innovazione. In poche parole, quello che una volta si chiamava Progresso.

Sarà colpa della classe politica (democraticamente eletta e per diverse legislature legittimata dal voto popolare), sarà colpa della sfortuna, sarà perché ha piovuto troppo, sarà perché signora maestra il cane mi ha mangiato i compiti, ma visto che non solo nel mondo, ma anche in Europa altri popoli sono riusciti a produrre progresso, non sarà anche che qui troppa gente non ha voglia di fare un cazzo?

E’ un’opzione da considerare perché io mi sono scassato la minchia di cercare un colpevole al solo scopo di giustificare il fatto che qui la voglia di lavorare e di contribuire economicamente al progresso della nazione latita.

E poi chi volete che dia credito ad un esecutivo dal quale la Politica si è accuratamente defilata riservandosi, però, di premere il grilletto se solo lo riterrà lontanamente opportuno. “Monti deve limitarsi a risolvere i problemi dell’economia senza invadere altri campi”, dice la Politica. Quindi niente leggi sulla giustizia, niente legge elettorale, niente riforme che alterano i privilegi attuali della classe dirigente. Insomma, Monti deve fare le pulizie e non deve rompere il cazzo. Immagino quale effetto abbia fatto a Berlino, Parigi, Londra questa grandiosa mossa tramite la quale continua a governare la stessa classe dirigente di prima, ma deresponsabilizzata, nascosta nell’ombra, pronta a scattare come un cobra appena la mano si avvicina troppo alla borsa.

La Soluzione Zeta

Fra tante chiacchiere inutili e tante banalità, mo ve la dico io una cosa che non trovate scritta altrove. Lo faccio senza imbarazzo e senza nascondermi dietro il paravento della provocazione, perché pensare liberamente è l’unico privilegio dei pezzenti psicotici come me. La dittatura dei migliori non sta funzionando perché i migliori rimangono al guinzaglio dei partiti. Io penso oggettivamente ed indissolubilmente che, ora come ora, per cambiare veramente la musica occorra una discontinuità totale, anti democratica, non convenzionale, sconvolgente per l’Italia e per il mondo.

Io vorrei che oggi pomeriggio, domani al massimo, le forze armate italiane occupassero le prefetture, gli aeroporti, i porti, le centrali telefoniche, i ripetitori della radio e della televisione, stabilissero sull’intero territorio nazionale la legge marziale, circondassero le basi Nato in Italia, sospendessero il trattato di Schengen, arrestassero tutti i maggiori rappresentanti dei partiti politici e procedessero all’insediamento di un governo composto da tecnici e militari con il compito di tirare fuori il Paese dal disastro economico e di ripristinare nel più breve tempo possibile quel minimo di meccanismo politico che consenta l’elezione di un governo politico che erediti la responsabilità del governo tecnico. Il cancro da abbattere è la partitocrazia, con tutte le metastasi che ha generato penetrando fino alle amministrazioni di condominio. L’Aulin e lo Zitromax non bastano più. Serve un’amputazione.
I rischi per la democrazie e per la libertà? Non fatemi ridere, non si può rischiare di perdere qualcosa che non si ha. Io sono cinque anni che scrivo tutti i giorni che questo è un paese dove vige una dittatura partitocratica, queste cazzate le hanno lette quasi tre milioni di persone, ma a che cazzo serve? Basta ignorarmi, non c’è bisogno di mandarmi i carabinieri a casa.

Io credo fermamente che se si avrà la forza di guarire da una malattia così grave come quella che ha colpito la nostra nazione, si avrà anche la forza di rovesciare una dittatura militare quando non servirà più. Se, viceversa,per debolezza  si vive in balia del destino, meglio farlo con i carri armati per strada. Almeno ci sarà qualcuno che, di notte, farà rispettare il coprifuoco a colpi di mitraglia.

Faccio a meno dei Santori, dei Benigni, del fatto Quotidiano, ne’ mi serve il  diritto di votare a cazzo un simbolo a cazzo. Mi sono fatto dovere di non credere a nessuno ed è da tempo che non ho più punti di riferimento. Se questa è la libertà di stampa, meglio il silenzio. Almeno uno fa muovere da solo il cervello. Fra maggioranza e opposizione, scelgo il delirio.

Comunque, ne riparleremo in seguito.


16 commenti su “Default Italia: La Soluzione Zeta

  • fma

    Sta succedendo qualcosa di molto più grande, che non riguarda solo noi, o la nostra dittatura dei migliori.
    Per rendersene conto basta guardare l’andamento dello spread di ieri e di oggi non solo dei titoli di Francia, Spagna, Austria, rispetto al bund tedesco, ma addirittura dei titoli dell’EFSF, il fondo slavastati, che si sta giocando la tripla A prima ancora di scendere in campo.
    E’ la politica Europea che è chiamata in causa.
    La dittatura dei migliori, prima di dire che non funziona, bisognerà provarla a livello continentale.
    E’ ora che anche Bruxelles faccia i compiti, che la Francia mandi a casa Sarkozy, che la Germania si scelga qualcuno con le idee più chiare della Merkel. Che l’Europa diventi uno stato.
    Quanto a noi, l’unica cosa che non dobbiamo fare è pensare d’essere il birillo rosso di Foligno.

    • Comandante Nebbia

      Un paio di punti di riflessione: domani sera, alla meglio, avremo la lista dei migliori, non certo la dittatura. Se Monti è convinto di mettere il parlamento con le spalle al muro agitando lo spauracchio dello spread è pazzo. Lo spread può rovinare me e te, non certo Berlusconi o Bersani. A meno che non abbia le armi segrete, dovrà elemosinare l’approvazione in aula per ogni provvedimento che proporrà. Dura minga.

      Per chi vive sul birillo rosso di Foligno c’è la consapevolezza che non si esce dalla partitocrazia attraverso la partitocrazia. Non credo all’omeopatia, ma sono un solido sostenitore della medicina allopatica. L’Europa Nazione, se mai ci sarà, è un po’ come il Paradiso. Non si può vivere credendo che tutto si sistemerà il giorno del giudizio universale.

      • fma

        Sta tranquillo. Si sistemerà, o si romperà prima.
        Io la vedo fattibile un’Europa politicamente più coesa, quel che basta per dare una risposta politica ai mercati, non per ottimismo, ma perchè è nell’interesse di tutti farla, per salvare il salvabile.
        Posso tranquillamente sbagliarmi, basterà che a sedere sugli scranni più alti ci restino degli stronzi.
        Ma conto sul fatto che quando l’acqua arriva al culo si impara a nuotare.
        Il nostro caso nazionale è paradgmatico, pareva impossibile liberarci di Berlusconi e ce lo siamo tolto dai piedi in due giorni. Per fare un governo ci volevano mesi, mò pare che bastino due giorni.
        Lo dico piano, per scaramanzia.
        p.s.
        Un po’ inquietante il nuovo avatar, un po’ colonnello sudamericano. :mrgreen:

        • ilBuonPeppe

          Che un’Europa politicamente unita sia un obiettivo auspicabile siamo d’accordo; risolverebbe diversi problemi, anche se non tutti.
          Purtroppo questa unità conviene ai cittadini, ma non a chi muove i miliardi. A loro conviene tenerci ben divisi, e siccome sono loro che comandano…

          Di Berlusconi NON ci siamo liberati. Altri ci hanno liberato di lui. E’ molto diverso, noi non ne siamo stati capaci.
          Sempre ammesso che di liberazione si tratti…

      • Gullo

        (Monti è l’incaricato della BCE per confinare all’Italia il disastro dell’Euro e pagare i debiti dei crucchi con le lacrime e sangue degli italiani, la democrazia è commissariata dalla finanza, se non si paga il debito non succede nulla.
        Bene, bene. Anni di cazzate sulle scie chimiche hanno prodotto una forma di inferenza basata sulla dietrologia, sul segreto di Fatima dei poveri, sulla “GRANDE COSPIRAZIONE”).Nessuna cospirazione,sono solo i fatti;Non sò se ti è chiaro ma Monti è stato messo li per fare quello che la BCE ha chiesto all italia.
        Tra il 2008-2010 sono fallite numerose banche, per evitare il disastro queste banche sono state ricapitalizzate dalla FED che ha erogato 16 trilioni di dollari creati sulla base di nulla.E come hanno utilizzato questi soldi ricevuti dalla Federal Reserve? Hanno investito su l’unica cosa che credevano non potesse “vanificarsi” ossia i bond degli stati europei.E sono andati ad investire sui bond che davano il maggiore tasso di interesse cioè quelli Greci e quelli Italiani.A questo punto accade che la Grecia è praticamente fallita e chi ha investito sui titoli di stato rischia di prendere i propri investimenti.A ruota segue l’italia con un debito pubblico elevatissimo,una politica marcia fino all osso che automaticamente sfiducia i mercati a investire sul territorio italiano.Il governo di George Papandreou da le dimissioni e pochi giorni dopo anche Berlusca decide di dimettersi.A loro posto viene scelta la via del governo tecnico con Mario Monti per L’italia e quasi sicuramente per il governo greco verrà scelto Lucas Papademos.Entrambi fanno parte della “Commissione Trilaterale” un gruppo creato con lo scopo di facilitare i rapporti economici tra Eruopa,Usa e Jiappone.Un caso?Assolutamente no, per evitare che questi stati falliscano e chi ha investo i soldi su questi paesi (le banche) perda tutto vengono messi questi due figuri per salvarsi il culo. SOLO DATI DI FATTO non sono un cospiratore tanto meno credo alle società segrete che vogliono conquistare il mondo.è solo una questione di mercato che io ritengo mostruosa e assolutamente inaccettabile.Se ritieni che sia meglio cosi,che sia meglio salvare il salvabile e l’italia dovrà vivere una situazione di recessione perchè dobbiamo pagare un debito infinito,inestinguibile per sempre e vivere la nostra vita allo scopo di consumare e produrre cazzi tuoi.Ma non uscirtene con cosipirazioni perchè come ho gia detto e ribadiscono SONO DATI DI FATTO.

  • Riccardo

    Proprio ieri scrivevo su FB che preferirei indire un referendum per scegliere da quale paese europeo essere invasi e poi guidati……preferendo per mia scelta l’Austria perché più tedeschi dei tedeschi (della serie facciamo sul serio!).
    Gli italiani li lascerei perdere…….questo é dove mi ha portato lo sconforto!

  • Marcellino Pizza & vino

    “Io vorrei che oggi pomeriggio, domani al massimo…”

    non voto dal 1984 e da allora spero nel golpe
    non è più cancro ormai è putrefazione. Mai come ora ripenso al motto:
    “Il mio onore, il mio amore, la mia vita non valgono la mia Patria”
    mi sveglio italiano e mi corico apolide e deluso, affranto.. e odio, mi incazzo, vomito ancora rabbia quando vedo queste mummie di merda vanificare il lavoro onesto di milioni di italiani buoni e puliti.

  • Doxaliber

    Già, la penso come Lame. In Italia più che una dittatura avremmo la caricatura di una dittatura. Anche il fascismo aveva un che di caricaturale in fondo.

I commenti sono chiusi.