Come fa la sigla del telegiornale? 7


Non sono giornalista. Sono una scrittrice.
Mi piace precisarlo prima di iniziare a raccontarvi il telegiornale del paese fantastico che ho visto oggi in televisione. Cronache dall’universo parallelo, poteva intitolarsi. Mi son ricordata di quel giornalista, forse francese, ma sicuramente giornalista, che spiegava la potenza della seconda domanda. Quella che nasce spontanea dopo la prima domanda a cazzo.
In Italia non la fa mai nessuno, anche perché in Italia, esiste la prima domanda che dovrebbe bastare ed avanzare.
La prima notizia del divertentissimo telegiornale, oggi, (Skytg24) era incentrata sui dieci mesi di squalifica dell’allenatore della Juventus Conte. Difficile immaginare di sedersi a tavola non sapendo l’esito del processo d’appello incentrato sul calcio scommesse. La seconda però, come in uno spettacolo comico che si rispetti, annunciava in maniera allegorica – quasi – che la benzina aveva raggiunto un tetto caldissimo. Due minuti e mezzo di tempo per collegare la notizia dell’estorsione di 2 euro per un litro di olio combustibile, democraticamente sottratto ai poveretti giustiziati dalla guerra contro il terrorismo, a lui: Lucifero.
13 minuti e mezzo di tempo prezioso incentrato su una notizia sconvolgente: fa caldo. A Maggio ci stava pure. Era il periodo in cui eravamo stanchi di un inverno troppo rigido, al quale non siamo geneticamente abituati, e attendevamo di poter sudare senza faticare. Ma passato il Ferragosto, ho trovato esilarante la poveretta in collegamento da Roma, che in compagnia dell’esperto annunciava i giorni e i bollini. Poi, proprio come fosse Maggio, la cronista mortificata chiedeva all’esperto come proteggersi dal gran caldo.
Uno scienziato: “Non uscire nelle ore più calde, bere tanta acqua anche se non si ha sete, ed indossare abiti leggeri.” Ecco, qua ho sentito la mancanza del giornalista e della seconda domanda: “Le pare che a qualcuno potrebbe venire l’idea di coprirsi come se fosse inverno?”
Poi Pesaro, perché a Pesaro c’è caldo e c’è pure un incendio.
Un’altra poveretta sta di spalle al mare e da studio le dicono che è fortunata, a stare sotto il sole delle tredici, che almeno è al mare. Lei esordisce con una frase da antologia: “Sì, sono al mare ma fa caldo.” E poi, appunto l’incendio, col comandante della Forestale che quando sta per dire della difficoltà per la mancanza di fondi della lotta antincendio inesistente, viene drasticamente tagliato.
Chissà, forse 13 minuti di nulla parevano troppi anche a loro.
E dopo il bello, con l’ottimismo per questa economia che finalmente vede la possibilità di tornare a respirare, con i morti ammazzati e tutte le tragedie quotidiane, buttate là a caso, fino alla legge porcellum, che ora leggo, forse diventerà porcellinum.
Eh?
Sì … porcellinum.
Da Reggio Calabria è tutto, anzi no. Manca un Vaffanculo!

Informazioni su Rita Pani

Rita Pani è nata a Carbonia (CI) il 4 Ottobre 1964. Ha collaborato nella redazione giornalistica di una piccola televisione sarda. Ha partecipato a diversi laboratori di scrittura creativa e collettiva prediligendo il racconto breve, ed ottenendo la pubblicazione di alcuni di essi e di alcune poesie, su qualche rivista tematica e in un’ antologia. Ha lavorato presso l’ufficio stampa di una Onlus, impegnata nella promozione e nella divulgazione informativa sulle energie pulite e rinnovabili, e tutt’ora collabora con la Casa Editrice di musica classica “ClassicaViva”, come addetta stampa. Nel 2007 ha pubblicato il primo romanzo “Luce” con la Gammarò Editori di Sestri Levante, nel 2008 il secondo “Vite di vetro” e nel 2009 “Quell’amore alla finestra – Storia di Tello e Dora”, con la stessa Casa. Con la Epika Edizioni "Lo sguardo di Hermes". Da dieci anni scrive il Blog R-ESISTENZA, molto seguito, prediligendo le tematiche politiche, da cui ha tratto una Raccolta scaricabile da Web. Da novembre disponibile l'ultima pubblicazione "Quattro alberi di magnolia" di Epika edizioni.

7 commenti su “Come fa la sigla del telegiornale?

I commenti sono chiusi.