Arriva #Napolitano, lo Jettatore 12


Si deve essere inceppato qualcosa nei vetusti meccanismi cerebrali di S.E. Napolitano Presidente della Repubblica On. Giorgio. E’ da un po’ di giorni a questa parte che, invece di fare colpi di stato come fino a qualche mese fa, va menando rogna per l’Italia con un aplomb degno del miglior Principe De Curtis nel suo indimenticabile “La Patente”.

Abito formale, faccia di circostanza, occhiale scuro, bombetta e bastoncini non pervenuti, S.E. Napolitano Presidente della Repubblica On. Giorgio, a volte in accoppiata con il beccamorto Monti (BeccaMonti, per l’appunto),  va vaticinando attacchi terroristici e attentati mafiosi per mezzo di informazioni di cui non ritiene necessario specificare l’origine. Un po’ come quelli che prevedono i terremoti a date “non precise” in zone del paese “non perfettamente circoscritte”,  il che equivale a dire che, prima o poi, pioverà.

S.E. Napolitano Presidente della Repubblica On. Giorgio, perché Ella fa queste affermazioni? Ha accesso a informazioni riservate o semplicemente è entrato in quella fase finale della vita quando si vede giungere cupamente la notte e ci si dispera all’idea che i bimbi continueranno a giocare per anni ed anni ancora nelle strade a dispetto del dramma cosmico della nostra dipartita?

Non so, S.E. Napolitano Presidente della Repubblica On. Giorgio. Le mi è sempre stato indifferente giudicandola, nel mio piccolo, un opportunista algido che è sopravvissuto a mille tempeste. Cosa che è tipica di chi sa ben navigare, ma non dei capitani coraggiosi. Questo mi lascia pensare che, come il suo sodale Berlusconi, lei stia ancora tentando di orchestrare la partitura, indifferente e malevolo nei confronti della rabbia che lei ed i suoi colleghi avete seminato come gramigna nei nostri cuori incattiviti.

Chiudo con la consapevolezza che, più prima che poi, Ella sarà destinato all’inevitabile ricongiungimento con l’infinito. Poiché dopo non potrò farglielo sapere, le comunico che la notizia non mi procurerà nessun sussulto, né di gioia, né di disappunto e che, nonostante sì grave tragedia, continuerò serenamente a giocare con mia figlia, per molti anni ancora. Ha visto cosa ha contribuito a farci diventare? Gente che come unica soddisfazione ha quella di sopravvivervi e questo, se permette, è la conferma che avete consegnato le vostre vite alla tenebra, nonostante la pompa, il lusso e il luccichio nel quale vi siete crogiolati.

 


12 commenti su “Arriva #Napolitano, lo Jettatore

I commenti sono chiusi.