Al legaiolo non far sapere… 6


(Il titolo non c’entra nulla, ma tant’è.)

Ora vorrei dirti, legaiolo padano: “Complimenti!”

Le mie più sentite congratulazioni a te e famiglia, per aver abdicato l’ultimo sprazzo della tua intelligenza al potere leghista del bossi. Quante volte negli anni, ho letto le vostre elucubrazioni idiote restando stupita dinnanzi alla vostra stupidità! Eppure mi dicevo che un senso dovevate averlo – anche se non l’ho mai trovato – che in fondo eravate capaci di credere in qualcosa, e poco importava che fosse il dio Po.

Complimenti! Avete tolto i vostri figli da scuola a 14 anni, e gli avete insegnato quel che vi diceva il bossi, ovvero che per fare grande il nord dovevate lavorare, lavorare e lavorare. Avete fatto crescere i vostri figli nell’ignoranza e nella fatica da placare con l’alcol del sabato sera, che però garantiva di stare alla guida di una bella auto, e costruire la villetta a schiera col giardino davanti e di dietro, segno del benessere padano del sogno realizzato.

Bravi! Come un piccolo esercito vi siete prestati alle parate ridicol-chic, che era sempre carnevale, con indiani padani, celti padani, crociati padani, giussani padani, e i miei sempre amati elmetti cornuti. Anche i bambini, tunica e spadoni, per imparare che bossi prima o poi vi avrebbe portato alla secessione, al distacco dall’italica civiltà italiana, di roma ladrona, delle mafie del sud del parlamento italiano su cui bisognava sputare.

prima pagina di “La Padania” del 13-6-1998

Voi sotto il palco ad osannare quel che restava di bossi, e del figlio – il principe ereditario – la trota che sarebbe diventata un delfino; calderoli e l’abominevole sacco di merda borghezio, il lombrosiano maroni, e il cota, lo zaia, il tosi, la rosi mauro. Il vostro governo promesso, del parlamento che non c’era. Tutti eccitati ad applaudire le sparate dei vostri condottieri, sulle pallottole e sulla guerra di secessione, sui ladroni di Roma, e sui soldi padani che dovevano restare in padania. Le vostre tasse e i vostri sacrifici, che dovevano restare a casa vostra. La vostra patria.

Quella patria da difendere cacciando indietro il nemico in palandrana “i islamici”, “i zingari” da incendiare. I bambini negri da lasciar senza cibo nelle scuole padane, che insegnavano la fantastica storia di una nazione inesistente, creata appositamente per voi in una baita di Ponte di legno, dove scorrevano fiumi di vino e mari di polenta taragna, alla faccia vostra, della vostra fatica, e del vostro credo malato.

Complimenti! Siete stati degli ottimi soldati. Avete lavorato indefessamente, avete sfruttato gli edili albanesi prima e i romeni dopo. Avete sfruttato le donne russe alle quali avete affidato la cura dei vostri parenti, avete abusato (spesso ucciso) le puttane nigeriane, e tutte le altre razze “inferiori” a borghezio, in base alle loro peculiarità. Avete messo al bando il kebab, imposto il maiale (cannibali) nelle mense scolastiche, e salvaguardato la vostra discendenza ariana persino con il tiro alla fune e il lancio del porco nelle pozze di fango.

Bravi! Il vostro sacrificio è stato ripagato, anzi “ripaghettato”, con tutto quel che oggi emerge dalla marea nera di merda che avvolge la vostra famiglia reale. Ladri, profittatori, predoni, malfattori. Un partito politico creato solo ed esclusivamente per arricchire un manipolo di ladri, bugiardi, usi a fingere di avere una laurea o di comprarne una in Albania. Gentaglia che per farvi credere di avere un’idea andava in Austria a dar lezioni di nazifascismo. Ignoranti beceri che pur avendo sputato sopra all’odiata Italia, non se la sono sentita di abbandonare la stanza della cassaforte da depredare, riportando sì i soldi italiani in padania, ma a casa loro, nelle loro tasche, nel loro benessere da ladri, e dei loro figli – principi ereditari – che non solo sono ignoranti, ma non hanno nemmeno un callo sulle mani, a dispetto dei vostri figli educati, almeno, alla fatica.

Ma i miei complimenti più sentiti vadano agli operai delle fabbriche. Tutti quelli che ebbero il coraggio di ammettere di aver passato una vita ad adorare Berlinguer, e che poi, un giorno, staccati dalla catena di montaggio, nel chiuso della cabina elettorale, ebbero il coraggio di fare la ics sul simbolo della Lega.

Vi auguro con tutto il cuore di poter sempre pensare e ricordare che ogni euro tolto dalle vostre buste paga, dalle vostre tasche, e dalla vostra vita è andato a fare d’oro la vita di gente come quella che ho nominato fin qui. Trota compreso, con la sua paghetta mensile – argent de poche – di 5.000 euro.

Agli altri legaioli auguro il coraggio di andare a Gemonio, guardare sulla collina e percepire la villa gialla alla stregua di un campo rom da liberare.


Informazioni su Rita Pani

Rita Pani è nata a Carbonia (CI) il 4 Ottobre 1964. Ha collaborato nella redazione giornalistica di una piccola televisione sarda. Ha partecipato a diversi laboratori di scrittura creativa e collettiva prediligendo il racconto breve, ed ottenendo la pubblicazione di alcuni di essi e di alcune poesie, su qualche rivista tematica e in un’ antologia. Ha lavorato presso l’ufficio stampa di una Onlus, impegnata nella promozione e nella divulgazione informativa sulle energie pulite e rinnovabili, e tutt’ora collabora con la Casa Editrice di musica classica “ClassicaViva”, come addetta stampa. Nel 2007 ha pubblicato il primo romanzo “Luce” con la Gammarò Editori di Sestri Levante, nel 2008 il secondo “Vite di vetro” e nel 2009 “Quell’amore alla finestra – Storia di Tello e Dora”, con la stessa Casa. Con la Epika Edizioni "Lo sguardo di Hermes". Da dieci anni scrive il Blog R-ESISTENZA, molto seguito, prediligendo le tematiche politiche, da cui ha tratto una Raccolta scaricabile da Web. Da novembre disponibile l'ultima pubblicazione "Quattro alberi di magnolia" di Epika edizioni.

6 commenti su “Al legaiolo non far sapere…

  • rinnovamento

    Troppo facile livore perchè i problemi restano comunque. In quanto alle pere, penso Lei se le faccia in altro modo, sicuramente libertario

    • Comandante Nebbia

      non se la sente di entrare un po’ più nel merito?

      mi interessa, sinceramente, l’attitudine di un militante in questo momento. non per polemica, ma per meri fini scientifici.
      la ringrazio anticipatamente.

  • ilBuonPeppe

    “tutte le altre razze inferiori a borghezio”

    A parte l’uso improprio, ma inevitabile, di “razza”, mi viene un dubbio: esiste qualcosa di inferiore a borghezio?

  • Black Sunday

    mmmhh credo k chi ha scritto l'articolo preferisca "sollazzarsi" con le melanzane se non con I meloni, d'altra parte le menti ristrette si accontentano di poco! Mi domando questo tizio che problema abbia, dovrebbe andare ad indagare sui soldi che la margherita ha fatto sparire agli italiani, che se non erro sono un pochetti più o semplicemente è un terrone che dalla sua mediocrità lancia un grido o se vogliamo un rantolo o peggio una serie di grugniti, magari la padania non esiste ma la realtà si, e cioè che senza la zavorra che, come un parassita, succhia risorse al nord, si starebbe moooooooooooolto meglio!

  • michele

    E’ inutile farglielo sapere, tanto non lo capiranno mai! basta vedere i commenti, non un minimo di risposta sensata, solo gli stessi versi che vengono contestati loro, ridicoli, ma pericolosi perchè si perde la cognizione di ogni cosa, idea nel nome di che?

I commenti sono chiusi.