AAA cercasi bravo, competente, moralmente ineccepibile 1


“Ho il decreto per Genova in mano, ci sono tante misure per gli sfollati”, il ministro è venuto nel capoluogo ligure per l’inaugurazione del Salone Nautico. «Il commissario straordinario per Ponte Morandi ci sarà entro dieci giorni dalla pubblicazione in Gazzetta del Decreto, subito dopo si inizierà a parlare di progetti di demolizione e ricostruzione. Visto che avrà moltissimi poteri e potrà operare in deroga al codice degli appalti, dovrà essere non solo bravo e competente ma anche moralmente ineccepibile».

Francamente un ministro che appena sbarcato sente il bisogno di esibire il decreto che s’è portato in tasca mi ricorda l’adolescente che rincasa e, senza neppure togliersi il cappotto, corre in cucina: mamma, mamma, guarda che bella pagella! Resto perplesso davanti a tanto entusiasmo, trattandosi di un ministro, per il solo fatto d’aver nominato un deus ex machina per coordinare i lavori di ricostruzione di un ponte.

Perché la notizia è questa, avremo un Commissario straordinario che opererà « in deroga ad ogni disposizione di legge, fatto salvo il rispetto dei vincoli non derogabili derivanti dall’appartenenza all’Unione europea», che sarà dotato di pieni poteri « per la demolizione, la rimozione e lo smaltimento delle relative macerie, nonché per la progettazione, l’affidamento e la ricostruzione dell’infrastruttura e il ripristino del connesso sistema viario di collegamento». A fronte di tali responsabilità riceverà un compenso che, in deroga, sarà il doppio del tetto stabilito dal Dl 98/2011

Com’è possibile che in questo paese non si riesca a fare nulla di significativo, in tempi ragionevoli, se non delegando a un dictator, autorizzato a operare e disporre in deroga alle leggi e alle procedure vigenti?

Dopotutto non si tratta di affrontare Annibale alle porte di Roma, ma di ricostruire un ponte a Genova. Non ci sono tecnici, a libro paga del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in grado di indire una gara d’appalto secondo le procedure previste dalla legge? Non c’è un funzionario bravo, competente e moralmente ineccepibile in quel Ministero? Le procedure d’appalto sono così farraginose che a volerle rispettare si arriverebbe ad aggiudicare l’opera per Natale del 2020, forse?

Se la risposta fosse: No, al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti non c’è un funzionario bravo, capace e moralmente ineccepibile! Allora il Ministro dovrebbe procedere d’ufficio a un drastico sfoltimento degli attuali ranghi e con i soldi degli stipendi risparmiati dovrebbe assumere dei tecnici bravi, competenti e moralmente ineccepibili. Almeno quanto il Commissario.

Se invece la risposta fosse: Sì, vorrei vedere te fare un appalto con le procedure esistenti! Allora, in questo caso, il Ministro competente dovrebbe procedere al licenziamento di tutti coloro che direttamente o indirettamente hanno concorso alla stesura delle procedure esistenti e con i soldi degli stipendi risparmiati assumere gente pratica di appalti, oltre che ineccepibile sotto il profilo morale.

Altrimenti sono capace anch’io di fare il ministro.


Un commento su “AAA cercasi bravo, competente, moralmente ineccepibile

I commenti sono chiusi.