Archivi mensili: marzo 2017


Il primo amore di mia figlia si chiama Sebastiano. L’ha confessato sottovoce alla madre, ieri sera, mentre stava per mettersi a letto. Sebastiano è un bambino magro, dai capelli neri e la pelle scura. Quando sorride ha i denti bianchi e gli occhi allegri. Da qualche tempo, nei giochi che faccio con la mia bambina, era comparso un piccolo cavallo di plastica dal colore grigio, la criniera al vento e le zampe protese in un balzo orgoglioso e forte. Questo cavallo si chiamava anche lui Sebastiano. A volte l’ho rapito e lei è corsa a liberarlo, colpendomi e gridando di […]

Marzo


In un mondo realmente laico la parola “giustizia” ha una connotazione disdicevole. Le persone educate dovrebbero evitare di pronunciarla e chiunque se la lasciasse scappare subirebbe degli sguardi di riprovazione. Di conseguenza, andrebbe assolutamente esclusa da ogni documento o nomenclatura ufficiale. La ragione risiede nel fatto che essa è implicitamente inoculata di uno sgradevole ed inaccettabile contenuto morale. “Fare giustizia” presuppone un’operazione di riequilibro degli eventi in modo che tutto torni ad una condizione ideale di ordine precedente l’alterazione della stessa. E’ proprio l’accettazione dell’esistenza di una condizione ideale di ordine a introdurre implicitamente un contenuto di fede in un […]

La Sete di Giustizia


Io sono il signore del cielo. Sotto le ali sottili, venate di riflessi limpidi di luce, io conduco i miei dardi venefici. Nel ventre custodisco il segreto della fissione, pronto a liberarlo quando un giorno, io lo so, sarà richiesto. La mia casa si trova lì dove il cielo diventa di uno scuro assoluto, screziato di deboli luci scintillanti. Scivolando su una lama di fuoco, mi affaccio a guardare l’azzurra curva del pianeta. Io sono il signore del cielo e porto l’ultimo messaggio. Il suono profondo della mia voce vi accompagnerà dolcemente nell’ultimo tratto del vostro cammino. Noi siamo le […]

La Devota Liturgia della Meccanica Profonda