Archivi annuali: 2017


Nel film che mi hai fatto vedere hai un vestito blu, i capelli raccolti in due codine corte, le scarpine nere, quelle con occhietti e la fibbia. E corri e ti mangi la manina e qualcuno ti indica la cinepresa e nello sfondo c’è una vecchia porta di una casa di campagna. Ogni tanto un lampo di luce gialla, un fotogramma che salta e i tuoi piccoli occhi, già scuri e profondi, i due semi della donna che sarai. Il tuo tempo è il mio stesso tempo, i tuoi luoghi sono i miei stessi luoghi, tua madre è la mia […]

Aprile


Il primo amore di mia figlia si chiama Sebastiano. L’ha confessato sottovoce alla madre, ieri sera, mentre stava per mettersi a letto. Sebastiano è un bambino magro, dai capelli neri e la pelle scura. Quando sorride ha i denti bianchi e gli occhi allegri. Da qualche tempo, nei giochi che faccio con la mia bambina, era comparso un piccolo cavallo di plastica dal colore grigio, la criniera al vento e le zampe protese in un balzo orgoglioso e forte. Questo cavallo si chiamava anche lui Sebastiano. A volte l’ho rapito e lei è corsa a liberarlo, colpendomi e gridando di […]

Marzo


In un mondo realmente laico la parola “giustizia” ha una connotazione disdicevole. Le persone educate dovrebbero evitare di pronunciarla e chiunque se la lasciasse scappare subirebbe degli sguardi di riprovazione. Di conseguenza, andrebbe assolutamente esclusa da ogni documento o nomenclatura ufficiale. La ragione risiede nel fatto che essa è implicitamente inoculata di uno sgradevole ed inaccettabile contenuto morale. “Fare giustizia” presuppone un’operazione di riequilibro degli eventi in modo che tutto torni ad una condizione ideale di ordine precedente l’alterazione della stessa. E’ proprio l’accettazione dell’esistenza di una condizione ideale di ordine a introdurre implicitamente un contenuto di fede in un […]

La Sete di Giustizia



Io sono il signore del cielo. Sotto le ali sottili, venate di riflessi limpidi di luce, io conduco i miei dardi venefici. Nel ventre custodisco il segreto della fissione, pronto a liberarlo quando un giorno, io lo so, sarà richiesto. La mia casa si trova lì dove il cielo diventa di uno scuro assoluto, screziato di deboli luci scintillanti. Scivolando su una lama di fuoco, mi affaccio a guardare l’azzurra curva del pianeta. Io sono il signore del cielo e porto l’ultimo messaggio. Il suono profondo della mia voce vi accompagnerà dolcemente nell’ultimo tratto del vostro cammino. Noi siamo le […]

La Devota Liturgia della Meccanica Profonda


C’è un’ora che ti coglie all’improvviso con millimetrica precisione. A volte capita di notte e devi afferrare il cuore e saperlo condurre con decisione, perché è lunga e tortuosa la strada verso la meta del mattino. Altre volte ti prende mentre sei tra la gente, e rimani con gli occhi fissi, mentre tutto ti scorre intorno, le mani nelle tasche e le labbra piegate in una smorfia di dolore e di sorriso insieme. Questa è l’ora nella quale un rumore improvviso, un nome gridato ad alta voce, più spesso un profumo che ti giunge traditore dalle narici al cervello, ti […]

La Millimetrica Precisione


Nelle notti più profonde, quelle dove l’indaco del cielo era screziato di algidi puntini brillanti e nulla sembrava più lontano del nuovo giorno, scosso dal gelo, bagnato fino alle ossa e sotto il fuoco di un nemico invisibile e micidiale, quando una ferita grave sarebbe stata accolta come un sollievo, anche allora non ho mai pensato di aver fatto un errore. Alcuni nascono per inventare, altri per mettere insieme le cose e rappresentarne la grazia, alcuni solo per essere dimenticati. Io sono un’altra specie di formica: quella che ha talmente orrore dell’oscurità da diventare una spugna che l’assorbe per fare […]

I Tre Postulati Indefettibili dell’Amore



Trump è un razzista, xenofobo e maschilista, però ha fegato e, per esperienza, bisogna sempre temere e rispettare chi ha fegato. I dazi, il muro, le politiche sui visti, sono una risposta probabilmente sbagliata, ma concreta e immediata ai problemi reali delle persone che lo hanno eletto. Chi ha eletto Trump non lo ha votato per salvare il pianeta da una possibile catastrofe climatica né per soccorrere i rifugiati siriani e tanto meno per investire politicamente in un mondo globalizzato aperto ai matrimoni arcobaleno. La gente che si è messa in fila per fare di Trump il presidente degli Stati […]

Il Nostro Caro Trump


Nella mia vita ho avuto a che fare con diversi tostapane, ma ne ho posseduti solo due. O meglio, questa affermazione è vera solo se il concetto di proprietà è interpretato quantisticamente, non tentando di estenderlo in termini assoluti, ma verificando in modalità puntuale e con leggera approssimazione le singole occorrenze di rappresentazione. Il primo, infatti, era di proprietà dei miei genitori, ma io, quando ancora vivevo in famiglia e tutte le volte che successivamente mi trovavo da loro, ne potevo disporre in piena libertà. Precisiamo, non sono sicuro che avrei potuto alienarlo o distruggerlo senza doverne affrontare conseguenze relazionali, […]

I Tostapane della Mia Vita