Archivi giornalieri: 1 gennaio, 2016


50
Il sito del giornale Repubblica propone un video che è un eccellente esempio di disinformazione. Si tratta di un’operazione così marchiana da essere stata evidentemente concepita per il target dei condivisori compulsivi, persone in difetto di argomenti personali che si prestano gratuitamente (in quanto inconsapevoli) alla diffusione di informazioni il cui unico scopo è l’aumento del rumore generale del canale con conseguente deterioramento del segnale. Costoro si possono paragonare al fiume lungo il quale si lasciano andare i tronchi più grossi, quelli che se fossero veicolati per i canali ufficiali non potrebbero passare inosservati e che invece, grazie alla corrente, […]

Lezioni di Disinformazione: Stampanti in 3d e Terrorismo Mediatico


76
I nodi tecnologici relativi alla capacità del nostro paese di rimanere al passo con i tempi stanno venendo al pettine con una rapidità sempre maggiore. Se esiste un futuro industriale per l’Europa, questo risiede nella capacità di inventare e produrre nuovi strumenti che rendano migliore la vita in quel sentiero di evoluzione culturale che il nostro continente ha iniziato a tracciare da secoli. La competizione sui prodotti di massa è perdente quando ci si confronta con chi, pur di abbassare i costi, sacrifica affidabilità del prodotto e la qualità sociale ed ecologica dell’ambiente dove è assemblato. L’Europa deve sottrarsi dalla […]

Telecom Italia: Copasir, sicurezza a rischio, ma non solo


26
Ognuno di noi ha la sua opinione di se stesso. Su questa materia non si può mettere lingua perché attiene a discipline che alcuni considerano scientifiche altri ascrivono alla ciarlataneria. Però, analizzando la comunicazione che ci viene rivolta spesso possiamo intuire quale opinione di noi si è fatta il nostro interlocutore. A titolo di esempio possiamo valutare il modo con cui i tre maggiori schieramenti politici italiani si rivolgono al proprio elettorato nell’imminenza delle elezioni. Partito Democratico: Dopo un inizio esuberante della nuova gestione Renzi che per qualche settimana è stato onnipresente, brillante e aggressivo, nei fatti si è oggettivamente […]

La percezione indiretta: quello che pensano di te.



35
Informazione Obiettiva è un ossimoro di cui si fa largo abuso. Tutti i giornalisti, prima o poi, vengono accusati di non fare informazione obiettiva. Anzi, si può dire di non essere veramente arrivato al successo se non si ricevono reiterate accuse di faziosità. In realtà la faziosità è indispensabile ed inevitabile. Diffidate di chi fa professione di obiettività perché avere opinioni e comportarsi di conseguenza è insito nella natura umana come lo è la sessualità e l’istinto di conservazione. Si può vivere per parecchi giorni senza mangiare o bere, ma non si può evitare di avere opinioni sulle cose che […]

Lezioni di Disinformazione: Apologia della Faziosità


37
Nella redazione di MC abbiamo guardato con una grande curiosità e divertimento alle foto pubblicate da ansa.it dove il ministro degli interni Alfano viene “associato” per gesti ed atteggiamenti al famigerato “Genny a Carogna“. Ve le propongo di seguito: L’ANSA è un’agenzia di stampa. Teoricamente il suo core business è la notizia nuda e cruda lasciando ai giornali il compito di “interpretarla” per i lettori con quella attitudine tutta italiana che tanto somiglia alla funzione del Sacerdote che interpreta le sacre scritture per i fedeli. Eppure, in questo specifico caso, un’azienda che per mestiere riporta fatti si trasforma in produttore […]

Lezioni di Disinformazione: Notizia vs. Polemica


48
Il consenso è il tramite attraverso il quale si realizza ogni aspetto della tipicità dell’associazione umana. Stante l’assenza di strumenti attraverso i quali singoli o gruppi di persone, possono imporre la loro volontà sul resto del mondo, è evidente che ogni disegno non può prescindere da una certa forma di collaborazione da parte degli altri. In questa accezione, nessuna forma di governo o di ordine sociale, nemmeno la dittatura più estrema, può sopravvivere a lungo senza consenso. La Germania nazista è esempio tipico di un sistema disumano sostenuto lungamente dal consenso. Meno banale quello della Corea del Nord, mentre l’esempio […]

Lezioni di Disinformazione: La creazione e la gestione del consenso



39
La rete ha un comportamento emergente (secondo la definizione della teoria dei sistemi) e racconta sempre la verità, mediamente. Nel senso che ciascuno è libero di dire la fesseria che vuole, ma alla fine la versione più aderente alla realtà dei fatti e meno “ideologica” si forma quasi autonomamente. Il motivo è semplice: ogni volta che una notizia viene immessa su Internet, che per definizione non produce la realtà ma la rappresenta tramite iniezione esogena, subisce una vera e propria evoluzione e viene raffinata fino alla migliore modellazione possibile o perisce. Se è una balla, infatti, qualcuno troverà sicuramente il […]

Il Dovere di Disinformarsi


19
Quello che sta accadendo in questi giorni è la prova definitiva che, complotto o no, gli Stati Uniti hanno perso su ogni fronte la guerra della comunicazione che si è scatenata dopo l’attentato alle torri gemelle. L’11 settembre 2001 è entrato nella memoria collettiva con la prepotenza di quegli eventi che si scolpiscono nella mente di tutti quelli che li hanno vissuti. A partire da chi ha partecipato direttamente come testimone o parente di una vittima, fino a chi si trovava a migliaia di chilometri di distanza e ha guardato scorrere per ore in televisione le terribili immagini che venivano […]

11-9, Il Balbettio Americano


123
Le carte sparse sulla scrivania, il tablet, il telefono che si scarica più volte, la tazzina di caffè, la cravatta viola aggiusta da Delrio, la messa senza scorta, il tweet alle sette del mattino, gli sbadigli, la mano in tasca, sono questi i pattern agiografici tramite i quali l’informazione di sostegno cerca di delineare la figura di Renzi. Così come è stato per Papa Francesco, Monti, Letta, Boldrini, solo per fare gli esempi più recenti, in assenza di reali contenuti ci si concentra sul contenitore perché, alla fine, quello che il consumatore valuta veramente è la scatola essendo poco o […]

Lezioni di Disinformazione: Apologia del Nullismo