Archivi mensili: Agosto 2013


35
Tutti che acclamano. Che bravo questo Papa. Alla portata di tutti. Finalmente ci voleva. Che tenerezza…l’autoscatto col Papa. C’è qualcosa che non va. Mi ritrovo nel 2013. La scienza ha fatto la sua strada, ci ha illuminato la mente con le sue scoperte. Possiamo con certezza asserire che il temporale non è il castigo di una divinità perché siamo stati cattivi. Poi c’è Darwin…vabbè…piccolo particolare.

L’autoscatto col papa o playboy?


26
A gennaio scorso un fiume ha sfondato l’argine, indebolito, tra le altre cose, da un intero agrumeto abusivo inserito nel suo alveo. E ha sepolto sotto migliaia di metri cubi di fango un sito archeologico che qualunque altro paese europeo avrebbe protetto come un gioiello prezioso. Sibari. Oggi quel fango, ormai secco e polveroso, è ancora lì. Non ci sono i soldi per rimuoverlo. Quasi tre anni fa c’è stato un crollo in un altro sito archeologico, patrimonio dell’umanità ma lasciato all’incuria nostrana. Pompei. Poche settimane fa era previsto uno spettacolo di beneficenza, una raccolta fondi per mettere in sicurezza […]

Di banane, di fango e di inchini


“Si accomodi pure dottor P.. Accidenti che nome lungo che ha, per non parlare del cognome. Non si è fatto mancare niente eh?” Sono abituato alle battute sul mio nome, sul mio cognome, sui miei occhiali e sul mio aspetto. Per un periodo mi hanno fatto male a morte, specialmente nell’adolescenza. Ora che sono entrato nell’età dell’indifferenza, mi limito a pensare cosa direbbe il battutista di turno se sapesse esattamente con chi sta parlando e cosa è è stato capace di fare il dottor P. a gente molto, ma molto più tosta di lui. Così, mi rifugio in una delle […]

The Carnival Is Over



63
Se siete perplessi sullo stato della forma di governo peggiore di tutte, tranne le già provate, forse potreste essere interessati a un ragionamento sul perché le democrazie, senza un’attenta manutenzione strategica, siano intrinsecamente instabili. Si dice che le democrazie siano buone quanto i loro cittadini (qualunque cosa “buono” significhi). Già. Ma come sono i cittadini? La matematica e la statistica, insieme alla parte quantitativa delle scienze umane ci vengono in aiuto, con la meravigliosamente stabile distribuzione del QI (quoziente intellettivo) in una popolazione (questa distribuzione vale per qualsiasi gruppo,se è sufficientemente grande, di qualunque razza, colore, credo, e idea politica):

Instabilità delle democrazie e QI (parte prima)


16
Bravi, ci siete riusciti. Ci avete terrorizzato con i figli bamboccioni voi tutti sociologi, psicologi, opinionisti, pubblicitari, intellettuali, giornalisti, politici e quant’altro. Effettivamente non vedevamo l’ora di toglierceli dalle palle, i figli, intendo e li stiamo mandando in giro per il mondo per fargli vedere da un’altra parte come si sta. Ma sempre mamme a mezzogiorno siamo e allora ci siamo specializzate nel mammismo a distanza.

Mamme a mezzogiorno


38
E’ evidente che la situazione siriana non è quella che le tre grandi potenze USA; Francia e Gran Bretagna ci raccontano nonostante l’immediato allineamento di gran parte degli organi di informazione. Non ho elementi per stabile se la famosa “linea rossa” tracciata da Obama sia stata attraversata o meno con l’utilizzo delle armi chimiche da parte dell’esercito lealista agli ordini d Asad. C’è personale specificatamente addestrato sul terreno per accertare questo fatto, anche se l’esperienza insegna che dopo cinque giorni di cannoneggiamenti della zona sarà complesso ricostruire la vicenda incriminata.

La Siria e la Menzogna



41
“… e la colpa è tua.” “Mia? E perché mia? Io non ho fatto niente.” “Appunto. E’ colpa tua perché non hai fatto niente.” “Oh bella! E che dovevo fare?” “Per esempio non votare Berlusconi per vent’anni.” “Ma io non ho mai votato per Berlusconi.” “Ma non tu personalmente, tu come popolo.” “Ma io non sono il popolo, sono io e basta.”

Non è Colpa tua, ti sto Semplicemente Accusando


56
Per la Siria si sta preparando la cura jugoslava o, se preferite, libica. Lo schema è collaudato e ormai ripetitivo. Si prende di mira un paese ricco di risorse minerarie (prima di tutto il petrolio) o importante per la sua posizione geostrategica o comunque inviso agli Usa perché da fedele e docile alleato ha iniziato a fare politica in modo autonomo e non più funzionale agli interessi americani. Un paese isolato politicamente e con un governo autoritario, fattore importante quest’ultimo per la successiva offensiva mediatica. Un paese che sia al tempo stesso in una situazione di forte crisi interna perché […]

La Siria nel Mirino


109
nei confronti di berlusconi ho avuto vari atteggiamenti. l’ho avversato, quando pensavo che fosse un avversario politico, l’ho ignorato quando ho capito che pensava solo ai fatti suoi, mi ha fatto schifo perché a me i puttanieri fanno schifo, mi ha indignato quando ha cominciato a pretendere che gli si cucisse addosso un codice penale ed una costituzione su misura, corti di gamba e di maniche per farli andare bene a lui. infine sono entrato nello stadio che precede l’eversione: la rottura di cazzo. è per questo che scrivo queste righe senza maiuscole, perché mi sono rotto talmente le palle […]

la ricetta finale per battere berlusconi