Archivi giornalieri: 14 Luglio, 2013



15
E’ arrivato Gustavo. Dopo tre chiamate andate a vuoto come, d’altronde, le altrettante riparazioni fai da te dello sciacquone, finalmente la sua presenza si è materializzata. Qui e ora. Gustavo è mio coetaneo. Ma vi è di più. E’ più o meno l’esempio negativo che, una volta addidatoti come miserevole approdo a cui può portarti l’ennesimo quattro in greco, ti spinge a suffumigi disperati di versioni e ottativi. E io me la ricordo ancora, gli possino, la sequenza corporea di papà. Dapprima il mento spianato sul malarnese appena tornato da lavoro, di poi l’indice fracristoforesco accompagnato dal “Verrà un giorno…” […]

Il figlio dell’operaio e la “Critica della ragion pura”