Archivi mensili: Marzo 2013


44
La neve non ha ancora smesso di cadere e già le cinciallegre sono tornate a picchiare contro i vetri della finestra, annunciando la primavera. Continuano a dare di testa imperterrite per giorni interi, senza cause apparenti. Mia nonna ci vedeva le anime del purgatorio: per cos’altro quel gran picchiare sui vetri, se non per chiedere aiuto? Si segnava e correva in chiesa a far dire loro una messa. Mio nonno, a sentire quei discorsi, scuoteva la testa e rideva. Secondo lui quegli uccellini semplicemente scambiavano il proprio riflesso sul vetro per un intruso e ci si scagliavano contro. Le cose […]

La neve e le cinciallegre.


34
In passato ho rischiato seriamente di rientrare nella categoria dei “compagni che sbagliano”. Più che la capacità critica, che a quella età era seriamente compromessa dalla carica ormonale, a dirottare il corso della mia vita fu il caso. Finì comunque a sparare addosso a qualcuno, ma il tutto secondo legge, tant’è vero che ora non sono in carcere (mai mettere limiti alla divina provvidenza) e da qualche parte sono pure una specie di eroe.

Compagni che Sbagliano


30
C’è voluto più di un anno, ma alla fine ci sono arrivati tutti. Qualcuno dice che Mario Monti ha ancora una autorevolezza internazionale. Può essere, ma in Italia si è reso completamente ridicolo. Il crollo è iniziato quando in campagna elettorale ha iniziato clamorosamente a smentirsi rimangiandosi le “misure di rigore” che lui stesso aveva promulgato allo scopo di recuperare consenso elettorale. La debacle è proseguito con il cambio d’immagine in corsa, quando un uomo evidentemente algido, ai limiti dell’aridità sentimentale, ha cercato di darsi un’immagine in totale contrasto con la sua attitudine naturale. Il fondo è stato toccato con […]

Un Pacco Chiamato Mario Monti



29
La scelta tra vendetta e perdono sta nel mezzo, cioè nella speranza che chi ha compiuto il torto non possa più ripeterlo. Ovviamente sarebbe meglio averne la certezza, ma se si pensa di poterla avere quando è in gioco la libertà di coscienza, ci illudiamo soltanto. L’unica cosa certa è che non si può essere schematici: non si può fare una scelta a prescindere da qualunque altra considerazione. Non si può essere vendicativi o perdonisti per partito preso: qui la differenza non è tra ateismo e religione, tra cinismo e buonismo, ma tra maturità e infantilismo. Forse quello che dà più […]

Vendetta o perdono?


6
  Una settimana dopo la strage di Newtown, Wayne La Pierre (vice presidente della National Rifle Association) aveva già capito cosa avesse spinto il ventenne Adam Lanza a falcidiare con un fucile Bushmaster 20 bambini, la madre, 6 adulti e se stesso. Le sue mirabolanti scoperte furono esposte in un’affollata e attesissima conferenza stampa.

Il Grande Rogo Americano Dei Videogiochi


44
Lo tsunami  in sintesi  PD e PDL hanno perso insieme circa 10 milioni di voti sul 2008; ne mantengono  in totale 16 milioni su 42 milioni di aventi diritto al voto. Sarebbero due partiti in rotta se non controllassero totalmente i media, che si sono spartiti minuziosamente nel corso degli anni, se non avessero soldi  in abbondanza ( Berlusconi qualche spicciolo in più ), se non avessero decine di migliaia di eletti, funzionari , cariche e clientele  in tutte le migliaia di organismi dello stato, di enti locali e dintorni; tutto  pagato, sia ben chiaro,  da tutti noi. Il partito […]

Se è una rivoluzione non sarà un pranzo di gala



14
ore 13.35 Sono chiuso in una squallida sala riunione in un tetro palazzone alla periferia di Lussemburgo. E’ ora di pranzo, quando ci siamo alzati per scendere alla “canteen“, la nostra ospite, una funzionarie della Comunità Europea di cui si vociferano stipendi favolosi, ci ha detto di portarci dietro cellulari, portafogli e computer perché non è riuscita a trovare la chiave della porta della sala riunioni.

Il Crepuscolo degli Dei


19
Non so quale siero stiano iniettando ai giornalisti italiani da una settimana a questa parte, ma sono tutti letteralmente impazziti per il nuovo Papa Francesco. Davvero, stiamo raggiungendo livelli d’isteria à la Justin Bieber – capelli strappati, occhi a forma di cuore, misticismo galoppante, sguardi stregati e palpitazioni così intense da minacciare l’infarto. Prendiamo lo strabiliante articolo (titolo: «IL RIVOLUZIONARIO») vergato da Concita De Gregorio stamattina su Repubblica. L’attacco è fulminante, da mettersi in ginocchio e pregare per l’avvento risolutore di Cthulhu:

La Struggente Infatuazione Giornalistica Per Il #Papacool


11
Nel caso in cui non ve ne foste accorti, negli ultimi giorni la crisi è praticamente finita. I Sacri Mercati sono entusiasti, i broker spalmano caviale e cocaina sulle tartine e le borse «volano» dopo che Moody’s ha deciso di non gettare la Spagna nel cassonetto dell’indifferenziata. Il nostro spread è addirittura sceso fino a 313 punti base, con un rendimento dei decennali inferiore al 4,80%, «come non si vedeva dal giugno 2011, quindi prima della drammatica estate scorsa che vide l’Italia scendere nel girone dei paesi considerati a rischio». Secondo monsieur le Président François Hollande, «il peggio, vale a […]

Fuoco Cammina Con Me: L’Italia Che Si Immola