Archivi annuali: 2012


3
Se ne va tristemente un altro anno e io vorrei trovare qualcosa di intelligente da dire. Forse è l’età e la mia mente non è più lucida come prima o forse mi è passata la voglia di pensare, ma io di spread, euro, cambi, inflazione e prezzo del petrolio non capisco una mazza e non ho nemmeno voglia di capirne. So solo che l’ultimo anno di “rigore” che già mi arrivava alla schiena dopo tre anni difficili di licenziamenti, trasferimenti e malattia, mi ha abbattuto fisicamente ed economicamente. E, a quanto pare, inutilmente.

Un 2012 inutile


7
Per una grottesca coincidenza, la notizia dell’ennesimo suicidio in Veneto – un ingegnere elettronico di 30 anni gettatosi dalla diga del Vajont – è coincisa con la visita di Mario Monti a Venezia. Vi lascio indovinare quale evento abbia avuto più risalto mediatico.

Kim Jong Monti


4
E’ un paese talmente ridicolo il nostro, che ormai le parole sembrano vuote ed insignificanti tutte. Che si può dire di fronte ad un tizio con la faccia di plastica che va in tutte le tv a raccontare penose balle che non suscitano neppure rabbia perché suonano come già sentite centinaia di volte? Che dire di fronte ad un La Russa che, per trovare un riempimento al vuoto assoluto di idee e soluzioni per il paese, non trova niente di meglio che proclamare, urbi et orbi, la santificazione dei 2 marò e la loro premiazione a candidati alle prossime elezioni? Si passa […]

La giostra continua



2
«Far West a Gela». «Follia a Gela, spara dal balcone ai passanti: ucciso dalla polizia». «Notte di follia a Gela». «La notte di follia di un disoccupato di Gela». Questi sono alcuni dei titoli usati dai giornali per descrivere quanto successo il 22 dicembre a Gela, Caltanissetta.

Going Postal In Sicilia


3
Nella grande mole di messaggi che ho ricevuto in questi giorni, molti di voi hanno lamentato il silenzio, su ciò che inesorabilmente accade. A tratti mi son sentita anche colpevole per l’esigenza di tacere o meglio di non indagare oltre le trame della storia farsesca che stanno scrivendo sulla nostra pelle. Ora sono in difficoltà, quella che assale quando sai che dovrai misurarti con un compendio di minchiate. Da dove si parte? Dalla prima cosa seria e reale. Il cambiamento italiano troppe volte annunciato, è finalmente arrivato. Dopo anni di mafia in Parlamento, ora arriva l’antimafia. Forse è così che […]

C’è chi scende e c’è chi sale


8
“La scienza e l’arte di governare, cioè la teoria e la pratica che hanno per oggetto la costituzione, l’organizzazione, l’amministrazione dello stato e la direzione della vita pubblica”. Questa è, secondo l’enciclopedia Treccani, la definizione del termine “politica”. Si citano la scienza, l’arte, l’amministrazione e la direzione della vita pubblica ma non si cita l’unica parola alla quale, purtroppo, spesso si associa, a torto, questo nobilissimo termine: il potere. Spesso, infatti, a causa della degenerazione che l’agire politico ha assunto nella nostra società, tendiamo ad associare la politica alla prevaricazione, alla vessazione e alla gestione della cosa pubblica per meri […]

Il fascino della politica



8
In un’intervista al settimanale Die Zeit, Kristina Schröder ha detto di trovarsi in grave imbarazzo ogni qual volta deve parlare di Dio con la piccola Lotte (un anno e mezzo), dovendo usare il maschile. Sarebbe meglio, ha fatto sapere, poter usare «das», con cui nella lingua tedesca si precedono i nomi di genere neutro. Che c’è di male?

Il Genere di Dio


2
L’aereo atterra a Ciampino in diretta TV, e l’unica differenza tra questi eroi e gli altri che ci hanno abituato a vedere, è solo il fatto che loro scendono dall’aereo sulle loro gambe; gli altri, in genere, dentro una scatola di legno avvolta dal tricolore. No, non è vero. È diverso anche il fatto che a differenza degli eroi morti, questi hanno un palco sul quale salire, per ringraziare, per dirsi emozionati e grati per l’impegno dello stato che ha dato loro la possibilità di “respirare aria di casa”, di “avere questo permesso per passare il Natale a casa”. La […]

I due marò ringraziano il popolo italiano. A me no


3
In Italia ogni detenuto ha a sua disposizione in media non più di tre metri quadrati di spazio in carcere, quando va bene. Una situazione di sovraffollamento drammatico, insostenibile, a cui la chiusura anticipata della legislatura e l’ottusa opposizione della Lega ha impedito di porre parziale rimedio con l’adozione di pene alternative alla carcerazione per i reati minori, come avviene in tutti i Paesi civili. Tutti uguali i condannati, allora? Tutti, tranne almeno uno: Alessandro Sallusti, direttore del Giornale. Condannato a 12 mesi per il reato di diffamazione a mezzo stampa in quanto più volte recidivo, aveva subito ottenuto gli […]

La legge è uguale per tutti, dicono …



10
L’IMU è stata introdotta dal Governo berlusconi con il d. lgs. n. 23 del 14 marzo 2011 (articoli 7, 8 e 9) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nº 67 del 23 marzo 2011 che ne stabiliva la vigenza a partire dal 2014 limitatamente agli immobili diversi dall’abitazione principale (art. 8, comma 2°, d. lgs. 23/2011)). Etc. Etc. Etc. Passeggiare nella storia dovrebbe essere un toccasana, assai poco divertente e faticoso, rispetto al blaterare ossessivo e conveniente al quale ci hanno assoggettato. Il problema è che pure posti dinnanzi alla storia – qualora capitasse di volerla ripercorrere – troverete sempre l’imbecille che […]

Ma che noia la realtà


5
Mario Monti non sarà candidato alle prossime elezioni politiche. Chi l’avrebbe mai detto? Be’… noi. Ecco qua, lo scrivevamo già a Settembre: I motivi sono quelli che riportavamo in quell’articolo: se si candidasse il voto si trasformerebbe in una sorta di referendum sul governo tecnico. E i “NO” (cioè i voti a formazioni diverse da quella pro-Monti di Casini-Fini-Montezemolo-Riccardi) sarebbero molti più dei “SI”.

Monti non si candida. Ecco perché


2
21.12.12 e non è successo niente. Neppure dopo l’approvazione della “legge di stabilità” l’ultima terrificante trovata per far finta che fosse davvero necessario dissanguarci. Ad ascoltare i cronisti politici dei vari telegiornali c’è da farsi l’abbonamento semestrale alla risata convulsa. Uno è riuscito ad usare il condizionale parlando delle future – probabili – elezioni. Proprio come se fosse una cosa seria, proprio come se il futuro non fosse già stato scritto. E rideremo molto, durante la campagna elettorale già iniziata; rideremo per non piangere, come è nostro solito fare per salvarci la vita, per conservare vivo il pensiero, in questo […]

21.12.12 non è successo nulla, nemmeno la rivoluzione



14
3,9 miliardi di euro stanziati per il salvataggio della Monte dei Paschi di Siena. 11 miliardi di euro, in totale, spesi per salvare le banche private italiane. La cifra è praticamente quella che lo stato italiano ha reperito sanguisugando i cittadini italiani con l’IMU. Non lo dicono in televisione, penso per una questione di salvaguardia della sicurezza nazionale, anche se poi non è che ci sia in giro tanto pericolo. Ora andremo alle urne e ci sentiamo tutti più garantiti dalla democrazia che ci darà il grande potere della ics.

Per fortuna che si vota ancora


8
Mi piacerebbe che la famosa serie “for dummies” pubblicasse un manuale sullo Spread “per negati”. Giusto per mettere anche noi, comuni mortali, in condizione di capire quali siano le logiche (se mai una logica esista veramente) che portino questo dato ad alzarsi o ad abbassarsi senza che nessuno riesca realmente a dirti per quale motivo. Faccia di gomma in questi giorni, nel profluvio di interviste e comparsate varie, ha più volte dichiarato che lo spread è un “imbroglio”. E lui di imbrogli se ne intende.

Spread for Dummies


1
Da Piazza Fontana a Piazza della Loggia, all’Italicus; dalla strage e sequestro Moro alla Stazione di Bologna, passando per Ustica, su fino alle stragi Falcone e Borsellino. La stessa regia, le stesse forze brutali, lo stesso scopo: conservare il potere. Con ogni mezzo. 29 novembre. Sala conferenze dell’ex convento dei Domenicani. Ruvo di Puglia. Si parla di Storia. Cioè del Futuro di tutti. Di una consapevolezza che va proposta, compresa, interiorizzata e coltivata. E mantenuta viva. Altrimenti si affolleranno ancor più le tribune anonime del web a chiedere la legge del taglione e tutte le altre simili amenità, quando l’unica cura possibile è la conoscenza delle leggi, e […]

La lunga notte della democrazia: incontro con Ferdinando Imposimato