Archivi mensili: Dicembre 2011


4
C’è qualcosa di perverso e insulso nel modo con cui i mass media tentano d’accompagnare e d’indirizzare il professor Monti nel cammino verso la seconda parte della sua riforma. Nel suo articolo sull’evasione fiscale, La Repubblica propone con cantilenante litania un tema trito e ritrito, stanco, consumato dall’abuso di se stesso, come quelle storie che dovrebbero apparire scandalose e infami fino all’abominio ma dopo l’assediante tambureggiamento mediatico cui vengono sottoposte finiscono per risultare tristemente banali, all’insegna del “è così che van le cose” proferito da chi ormai a certe situazioni ha fatto il callo fino a considerarle ineluttabili e invariabilmente […]

Evadere Meno, evadere Tutti


Incensato e leccato, l’amministratore delegato della FIAT Sergio Marchionne chiude l’anno ricevendo un dispiacere da  24/7 Wall Street, sito statunitense dedicato ai temi economici, che piazza la FIAT 500 al sesto posto della poco onorevole classifica dei flop commerciali dell’anno. This year, Fiat released its new 500 — a three door car that is under 12 ft. long. The car was expected to be a big seller, rivaling BMW’s Mini. Even before the car’s launch, however, detractors were predicting failure. Alan Mulally, CEO of Ford (NYSE: F), stated in Panorama magazine, “I do not see large market in the U.S.A. […]

Dagli USA uno schiaffo a Marchionne


1
Come tutti sanno, le telefonate ufficiali fra capi di stato sono registrate, trascritte e, successivamente, archiviate come documenti di stato. Grazie ad una talpa infiltrata al Quirinale, siamo in grado di fornirvi la trascrizione integrale depositata con numero di protocollo AJ-22643111. Interpreti, lato Germania, Fulvia Hassen, lato Italia Brando Orsini della Gherardesca di Villa Fugata. 12 ottobre 2011, ore 13.45 Ora di Roma Ripetuti squilli Roma: Pronto, qui residenza del presidente della Repubblica Italiana. Berlino: Salve, questa è la segreteria della cancelliera Angela Merkel a Berlino. Roma: Grazie, non ci serve niente. Click. (chiude)

La Telefonata della Merkel: La trascrizione esclusiva per MC



26
È tempo di lunari e di oroscopi e dunque mi ci proverò anch’io a disegnare il mio. Lo scenario di un futuro neppure troppo lontano, che non è ciò che mi auguro, ma ciò che potrebbe accadere; che potrebbe anche non accadere, ove le variabili prendessero una piega diversa da quella che stanno tenendo da una ventina di anni a questa parte. Qualcuno ci vedrà la volontà iniqua di una crematistica nemica dei diritti del popolo, il frutto velenoso dell’eterno disegno giudaicoplutomassonico della finanza internazionale ai danni della classe lavoratrice; perché c’è ancora chi pensa che la Storia sia guidata […]

Le previsioni di un venditore di almanacchi



Sembra incredibile, ma anche nel 2011 con la piena disponibilità di potentissimi canali per chiunque voglia informarsi, c’è ancora gente che capisce poco o niente di quello che accade e immediatamente sale in cattedra per istruire chi sia messo anche peggio. Così da tempo circola una ricostruzione di fantasia che vuole che l’Islanda abbia rinnegato il suo debito, rifiutandosi di rimborsarlo. Circola diffusamente e fa danni come tutte le bufale che portano l’opinione pubblica a costruirsi false credenze e a vivere in realtà di fantasia, non meno di quanto accada, ad esempio, ai sedotti dalle sirene del berlusconismo.

Le bufale sulla rivoluzione islandese nascono in Italia



10
In Italia si inizia a fare i conti con i debiti sottoscritti in passato. Non parlo solo del famoso debito pubblico, dello spread e dell’eventuale default italiano. Parlo dei pendenze aperte con l’attitudine ipocrita del perdonismo. La corruzione in politica, l’enorme evasione fiscale, i trucchi che da una parte hanno arricchito i furbi e dall’altro hanno messo in ginocchio una nazione, meritavano una svolta culturale più che economica. Quando si è alle strette e mancano le risorse, l’unica alternativa rimane il carattere. Non è possibile comprendere, giustificare, cavillare fino all’ennesimo dettaglio. Carattere vuol dire essere capaci di dire basta pur […]

Evasione e Corruzione. Il Coraggio di Punire


4
Grazie all’attivissima Monica Capo, leggo un bell’articolo del signor Angelo Forgione dove si parla dell’antimeridionalismo di Giorgio Bocca, giornalista di cui oggi si seppelliscono i resti mortali. Forgione, con garbo e moderazione di grande scuola, inquadra gli aspetti più controversi dell’ultimo Giorgio Bocca, quello che l’età ha reso meno duttile e più propenso ad ancorarsi al pregiudizio, sorta di salvifico salvagente per chi si dirige verso la fine. Bocca, in molti suoi interventi, non ha nascosto un esasperato antimeridionalismo: Napoli, la città delle cimici. Palermo e il suo fetore. La gente orrenda che esce dalle catapecchie. Una critica non costruttiva, […]

Giorgio Bocca e l’Antimeridionalismo


3
Io sono diventato Elfo per passione. Mio padre voleva che facessi l'ingegnere. Gli piaceva l'idea della targa d'ottone sotto al portone per far schiattare d'invidia i vicini. Quante discussioni con la mamma che mi difendeva e diceva: "Miché, lassu u sta a Slaakar, falle fa chello che vole a stu guaglione. Nun te fissà, facce campà tranquille a tutte quante". Alla fine la buonanima di papà si convinse. Lui faceva il severo, ma io, quando la notte mi veniva a baciare, me ne accorgevo sempre. Andammo insieme a comprare il costumino verde. Io mi iscrissi al corso per Elfi della scuola Radio Elettra e, fresco di attestato, mi imbarcai per il Polo Nord.

Le Cartoline di Auguri Speciali di MenteCritica: L’Elfo col Contratto ...