Archivi giornalieri: 13 Ottobre, 2011


14
Mi chiedo, sinceramente, chi ricorderà questa pietosa perdita di tempo del dibattito sulla fiducia alle camere quando, tra qualche tempo, mentre Berlusconi sarà da qualche parte a sorseggiare il suo drink, qui si sarà nel pieno del l'”ognuno per sé, Dio per tutti”. La democrazia è un lusso che possono concedersi nazioni avanzate economicamente e culturalmente. Un Berlusconi può essere faticosamente superato da un paese robusto, in buone condizioni economiche e sociali. Anzi, in un paese di questo tipo, probabilmente Berlusconi non avrebbe nemmeno attecchito. Gli anticorpi avrebbero svolto la loro funzione confinandolo in una cella. Invece, in Italia, la […]

Arriva l’Uccello di Fiamma


“Berlusconi? Ho tentato di educarlo ma non ci sono riuscito. Silvio è uno dei grandi fallimenti della mia vita” (Paolo Cirino Pomicino, Un giorno da pecora, RadioDue, 12 ottobre 2011). Insomma, dopo il “passerottino” della sua sgangherata e decrepita supporter, dopo il “fragile” dell’ex agente-Betulla Renato Farina (quello per cui “è più grave la convivenza omosessuale di Vendola che il libertinismo – lo chiama proprio, misericordiosamente, così! –  del Cavaliere”), adesso Silviuccio, anzi Silviaccio, si è trasformato in Franti, il monello riottoso del libro Cuore. Prosegue l’infantilizzazione della politica, e a nessuno di questi individui viene in mente una cosa […]

E Quell’Infame Sorrise


La morte di Steve Jobs è stato un evento mediatico internazionale ignobilmente sfruttato dai media e, in alcuni casi, anche per campagne politiche ridicole e di dubbio gusto. Ma potrebbe esserci dell’altro. Il nostro inviato negli Stati Uniti correla una serie di eventi che portano alla formulazione di un’ipotesi ancora più sconvolgente. Leggere per credere. (N.d.R.) Pismo Beach (CA) 6 ottobre 2011 La notizia è apparsa sui monitor delle tv mentre m’apprestavo a godermi un bel pomeriggio di sole sulla sabbia di Pismo Beach, alcune decine di miglia a sud di Cupertino. Steve Jobs era morto da poche ore. Il […]

Cronaca di una Morte Annunciata (e Gestita ?)



2
I segnali ci sono tutti. Ormai non manca molto. Questo governo non avrà vita lunga: sono sempre meno quelli disposti a sostenerlo e da ogni parte arrivano pressioni affinché si metta la parola “fine” ad una situazione non più sostenibile. Chi? Gli indignati (o comunque li si voglia chiamare)? No, tutti quei bravi ragazzi che giustamente scendono in piazza ormai a ritmo continuo per protestare, e che hanno tutta la mia stima e la mia solidarietà, non c’entrano niente. Non saranno certo loro a far cadere Sua Bassezza. L’emblema di questa Italietta da quattro soldi non sarà spazzato via per […]

Default Italia, 28 Giorni al Fallimento: Il Discorso di Berlusconi ...