Archivi giornalieri: 24 Giugno, 2008


35
Le criticità all’interno del Partito Democratico iniziano a palesarsi pubblicamente e molto prima del previsto. Arturo Parisi (luogotenente di Romano Prodi), proprio ieri, ha fatto «outing» chiedendo la «testa» di Veltroni direttamente dalle pagine del Corriere della Sera e rivendicando la paternità del Pd.

Il Pd e gli “Smemorati”


7
…e così, mi hanno rubato anche la nascita. E, con essa, l’innocenza. I pediatri degli anni Sessanta raccomandavano alle future mamme di partorire in strutture mediche. Non voglio fare dietrologia, probabilmente erano mossi da scrupoli seri. Fino alla decade precedente l’Italia era ancora, sotto molti aspetti, un Paese arretrato e le morti di parto non così infrequenti. Quest’operazione di “pedagogia di massa” non appariva quindi peregrina: e del resto la stragrande maggioranza dei miei coetanei del Centro e del Sud (ma anche dell’area non milanese) continuava a veder la luce in casa. I miei genitori, onesti operai animati dal proposito […]

Santa Rita, Pronti al Colpo di Spugna: Malati di Cuore




20
Stamattina, sulla prima pagina di Repubblica on Line viene riportata la posizione dell’associazione nazionale magistrati relativamente alle leggi che dovrebbero tutelare la persona del presidente del consiglio, Silvio Berlusconi: “no alla sospensione (dei processi N.d.R); sì alle immunità (di Silvio Berlusconi N.d.R)”. Esattamente il contenuto del nostro pezzo, propostoci dalla MenteCritica Pierluigi: “Arrendiamoci all’evidenza e facciamogli fare i fatti suoi. Almeno limitiamo i danni“. Quando abbiamo proposto quella soluzione lo abbiamo fatto per amor di paradosso. L’associazione nazionale magistrati, invece, fa sul serio

Edizione Straordinaria: L’Associazione Nazionale Magistrati Segue le Indicazioni di MenteCritica


47
In questi giorni ho tentato di raccogliere informazioni, dati, commenti e giudizi provenienti prevalentemente dall’elettorato pidiellino e leghista, quindi orbitanti nella così detta galassia di “Centro-Destra”, allo scopo di chiarirmi le idee su quali fossero i meccanismi di pensiero dominanti nell’elettorato di parte a me avversa. Questo esperimento si è reso fondamentale poiché, alla luce degli ultimi disdicevoli avvenimenti (stop alle intercettazioni, militarizzazione delle città, blocco dei processi, rinuclearizzazione e via così) non potevo rimanermene lì frastornato ad annegare nel mio sgomento e sdegno, sentendo forte l’esigenza di scuotermi da un incalzante sconforto, indebolito dall’ostile ambiente circostante, sempre più stanco […]

Italy: Where “Berlusconi” Happens