Mi immagino una camera in penombra e un luminoso crepuscolo di ottobre. E la luce che filtra dalle tende fiammeggia i tuoi occhi e la tua pelle intessuta di finissima perla. E una leggera brezza fa oscillare le tende leggere. E la canzone di una radio lontana racconta di sguardi muti e languidi sospiri. E un fiore giallo lentamente si consuma in un vaso sottile. E le tue mani che sanno di sapone fresco. E le lenzuola di lino bianco. E i tuoi capelli sparsi sul cuscino come una colata di miele scuro. E le stelle che, lontanissime, danzano immobili […]

Due Uno Zero Otto Nove: La Severa Fisica dell’Autunno


Nei vari editoriali, prima fra tutti l’omelia di Mauro su La Repubblica, si continua a celebrare la contrapposizione tra Daesh (ISIS) e Occidente come scontro tra civiltà laica e oscurantismo religioso. Si tratta di una completa mistificazione intellettuale, non so se dovuta a ignoranza o malafede. Daesh è stato politicamente e militarmente sconfitto. Lo stato islamico è stato frantumato dall’azione militare russa/siriana e rimane solo come spauracchio mediatico agitato ogni volta che si verificano episodi come quello di Barcellona. Quel che resta sono le centinaia di migliaia di disadattati, i forzati manu militari dell’integrazione, gente che vive nelle periferie lerce […]

La fine del terrorismo


Non voglio pregare per Barcellona, non voglio indignarmi, non dirò che questa è ormai la terza, quarta o quinta guerra mondiale, non tirerò in ballo i bombardamenti dei russi, degli americani, dei francesi o degli inglesi, non parlerò di conflitto di religioni e culture, non dirò che è necessario reagire o comprendere o accogliere o invadere o tirare in ballo le intelligence. E non lo farò perché mi sono rotto il cazzo. E non è stata una cosa improvvisa, ma un’erosione lenta, costante, inarrestabile. Se l’obiettivo era rendere questo un mondo di merda, ma molto più di quanto lo sia […]

Requiem for a dream



Alla lunga il marcio che c’è stato e c’è ancora dietro il traffico di povere vite verrà fuori. La storia è sempre sincera. Basta sapere aspettare. Ed allora sarà chiaro come siamo stati tutti manipolati, come la nostra solidarietà è stata usata come un grimaldello per scardinare i forzieri dell’affarismo e della clientela politica, come il diritto di critica, che è un’opzione naturale in una società civile, sia stato deformato in “razzismo”. Sulla carne di chi ha bisogno dell’essenziale, sui culi grassi di chi in questo paese vuole essere più buono del pane e sulla caramellosa ed appiccicosa oratoria pontificia […]

Prima o poi


E’ una bellissima giornata di sole e noi camminiamo per questa stretta strada di campagna sotto nuvole bianche che morbide e leggere si stagliano contro un cielo blu come quello dei cartoni animati. Ci teniamo per mano e tu, ogni tanto, mi chiedi il nome di una pianta, un fiore o un albero. Io a volte mi invento la risposta ed altre confesso che non lo so. Dopo un po’ capisci che non ne conosco nessuna e non chiedi più. Ci fermiamo a bere ad una fontanella. L’acqua è fredda e me spruzzi un po’. Io faccio finta di arrabbiarmi, […]

Agosto


Con l’età si finisce col dire sempre le stesse cose, ma qualche concetto è utile ribadirlo, se non altro per non bersi il cervello. 1) è ormai ufficiale, nessuno ha smentito, nessuno ha riferito in parlamento, cercano di farcelo dimenticare, ma noi sappiamo che il governo renzi ha stretto un patto scellerato: accoglienza disperati in cambio del permesso di fare maggior debito. E’ per questo che chiunque raccolga persone in giro per il Mediterraneo è autorizzato a sbarcarle in Italia. I porti non si possono chiudere, il fenomeno è esploso come un petardo tra le mani degli ingenui dilettanti a […]

Ricapitoliamo



Repubblica pubblica stamattina un articolo sull’esercito francese che presidia il corridoio che attraversa il Niger, passando dal crocevia di Agadez per poi raggiungere Séguédine. Su questa rotta sarebbero passati, sempre secondo l’autore, trecentomila profughi destinati ai barconi diretti verso le coste Italiane. Fra le righe si legge “[…] la guarnigione dell’Armée (l’esercito francese n.d.r) non si cura di questa moltitudine in movimento nel deserto. Ci sono foto che mostrano l’equipaggio dei blindati francesi mentre saluta i migranti stipati in cima a un camion, gli stessi che settimane dopo verranno soccorsi dalle navi nel Canale di Sicilia. […] I mercanti di […]

Quei porci di francesi


Sono un laico e come tale sono favorevole ad una totale liberalizzazione. E non parlo solo della droga, ma anche dell’alcool, degli abusi alimentari, dei costumi sessuali tra adulti consenzienti, eccetera. Non voglio giudicare le attitudini di nessuno, ma solo i comportamenti che risultino lesivi della vita comunitaria. Uno dovrebbe essere libero di assumere tutta la droga che vuole oppure bere fino a farsi scoppiare il fegato dalla cirrosi, ma non dovrebbe guidare un autobus o fare una qualsiasi professione nella quale la mancanza di lucidità porti a pregiudizio per l’incolumità degli altri o comprometta l’efficienza della prestazione. Le persone […]

La liberalizzazione


A chiunque possa interessare: Ciao, sto cercando di mettere un po’ d’ordine nella mia attività di condivisione sociale su facebook, twitter e il blog mentecritica.net. Da oggi cercherò di organizzarmi come segue. Se vi interessa quello che scrivo o interagire con me, regolatevi di conseguenza. Profilo personale di facebook Gianalessio Ridolfi Pacifici: lo userò per condividere foto e contenuti di carattere narrativo: Data la natura più personale, i contenuti saranno da adesso in poi condivisi solo con gli “amici di facebook”. Se vi interessa seguirmi, chiedete di essere aggiunti. Accetterò volentieri. Pagina facebook MenteCritica: lo userò per pubblicare scritti di […]

Breve (non tanto) comunicazione di servizio