4
Era un giorno come tanti quando decisi di andare a dormire. Dissi buonanotte a mio padre e andai in camera mia. Mi misi a letto e cominciai a leggere dei fumetti che avevo già letto tante volte, ma non mi importava. Tanto non avevo nulla da fare. A un certo punto le parole sulle pagine e le immagini cominciarono e sfocarsi: mi stavo lentamente addormentando e così successe, ma il mio sonno durò poco.Mi svegliai i una stanza molto strana, grande, e con mucchi di monete d’oro, banconote e sacchi sparsi un po’ in giro. Vidi anche una scrivania con […]

Una Notte nei Fumetti


Non ho nulla per cui ringraziare il destino. Ogni singolo passaggio della mia vita è stato segnato dalla fatica, dalla caparbia resistenza e dalla silenziosa pertinacia. Persino le cose più naturali, come avere un figlio, mi sono arrivate per tramite del sudore, del sangue e del sacrificio. L’unico conforto che trovo in questo mio cupo crepuscolo è quello di aver portato la spada e di aver conosciuto l’oscurità così profondamente da essere poi stato accecato dall’amore che mi è giunto come un bagliore improvviso dopo la lunga notte dell’odio in cui mi ero perso. Conoscere la furia nella sua espressione […]

Elogio dell’Odio


4
Ciao. So che tempo fa ho scritto un testo simile in cui ringraziavo tutte le persone speciali per me, ma in questo voglio parlare di come mi mancheranno le mie amiche durante le feste di Natale e perché.-Voglio iniziare dicendo che mi mancherà Val, perché non so come farò senza il suo sorriso unico, le sue risate squillanti e lo spiccato senso dell’umorismo. Come farò senza di lei che mi consola per cose insensate facendomi ridere a crepapelle?-Mi mancherà Ari, perché i suoi disegni sono una meraviglia da ammirare. Poi mi mancherà parlare dei Moai tutto il giorno e fissarla […]

Mi Mancheranno



Ci vedremo l’anno prossimo a Gerusalemme. Tu arriverai di fretta, con piccole gocce luminose sulla fronte sudata, la gonna svolazzante e un fiocco rosso nei capelli. Io starò ad attenderti, con la schiena appoggiata al muro, masticando il bastoncino del caffè. Quella brutta abitudine che non riesco a togliermi. E ci prenderemo per mano, guardandoci tutti seri negli occhi, mentre il cielo si farà scuro e i primi lampi solcheranno le nubi.E allora cominceremo a camminare velocemente, parlando sottovoce, e tu riderai mentre io farò finta di essere serio. Nell’aria ci saranno le foglie agitate da veloci turbini d’aria e […]

L’anno prossimo a Gerusalemme


1 Le tue mani sottili e pallide dalle dita lunghe e diafane. Il tuo viso composto, i tuoi occhi chiusi e il ricordo delle stelle grigie celate. Il tuo corpo abbandonato alla selvaggia devastazione del destino. Il tuo cuore dai radi battiti nella luce livida di una mattina di dicembre. 2 La verità è che io voglio morire. E la morte non è una punizione o un atto di clamorosa rivolta, ma una sorta di fuga sommessa e vile da quel che ho visto, da quello che provo adesso e dal deserto silenzioso del futuro. 3 La cosa che veramente […]

359th


23
Il Natale. Regali, addobbi, l’albero, le canzoni, ma la cosa più importante sono la famiglia e gli amici. Un Natale senza amore è solo una festa. Allora cosa succede se questi non sono presenti?Proprio nel periodo natalizio, l’anno scorso, mia madre è entrata in hospice. Da allora ho avuto paura che avrei odiato il Natale. Ma non è stato così. Una piccola parte di me voleva festeggiarlo, quella parte ancora un po’ infantile di me stessa. Io il Natale lo voglio festeggiare, solo che non voglio imporre questa sofferenza a mio padre. Lui sì che non lo vuole festeggiare, ma […]

Un Natale Senza Amore



10
Ciao a tutti! So che questo periodo è stato difficile, e lo è ancora, questo Covid sta combinando un sacco di pasticci, ma non voglio vivere così per sempre. Ci dev’essere una soluzione. In ogni caso, anche date le circostanze, vivo una bella vita, ed è grazie ad alcune persone (e animali) molto speciali. Grazie prima di tutto a mio padre. Lui c’è sempre stato per me quando ne avevo bisogno, trovando soluzioni anche ai problemi più piccoli e inutili. Gli voglio un mondo di bene. Quando è triste sono triste anch’io, quando è felice (mai) lo sono anch’io. Mi […]

Grazie


7
È un giorno come tanti nel 2088. Sono a casa mia e piove a dirotto.Io sono seduta su una sedia a guardare fuori dalla finestra, mentre mio nipote Raffaele gioca con i suoi giocattoli sul pavimento, incurante della pioggia. Mi fa venire in mente di quando anch’io ero bambina. Bei tempi, quelli. Poi all’improvviso, Raffaele distoglie lo sguardo dai giochi e mi guarda.“Nonna, cosa era il Covid 19?” Gli sorrido.“Il Covid 19? Come posso spiegarlo? Era un virus, sì. Un virus. Molto contagioso. Pensa che le persone dovevano tenere la mascherina sia all’aperto che al chiuso!”“Oh, ma è terribile!” Risponde […]

2088, Sessanta Anni Dopo


13
Questo testo potrebbe avere contenuti indesiderati per il pubblico maschile. Ciao a tutti e a tutte! Questo testo parlerà dei fumetti. Per essere più precisi, l’ingiustizia nei fumetti. Cosa intendo per ingiustizia? Semplice, i fumetti sono troppo maschilisti! Ad esempio…⁃ Le donne indossano sempre le gonne. SEMPRE. Ma dai! Nella realtà le donne indossano più i pantaloni che le gonne! Io ODIO le gonne. Sinceramente non capisco perché le donne dovrebbero indossare la gonna. Forse per essere più carine? Non credo, perché i pantaloni sono molto più comodi e belli, a parere mio!⁃ Non so se qualcuno conosce il “Club […]

L’ingiustizia maschilista nei fumetti



Troppo spesso si confida nella buona sorte, nella fede, nella speranza perché, in qualche modo, le cose si aggiustino o vadano a posto da sole. Così, come se l’esistenza avesse una declinazione naturale verso il bene, la pace o la concordia. Questa è un’opinione rispettabile, ma solo un’opinione. Le cose vanno come devono andare, né bene né male, vincolate esclusivamente alla misteriosa ragnatela delle relazioni tra innumerevoli cause ed imprevedibili effetti. Senza buoni e cattivi, ma solo con vivi e morti dato che la bontà e la cattiveria sono opinabili. La morte, invece, è fenomeno scientificamente misurabile oltre che disperatamente […]

L’Oscurità


Dio Dio non esiste. O meglio, se pure esistesse qualcosa assimilabile all’idea di Dio che ci siamo costruiti nelle nostre menti, è posto a un livello percettivo così discosto dal nostro da essere incognito ed estraneo al nostro universo. Per questo, la questione non si pone. L’idea di Dio, concetto complesso proiettato in uno scenario complicato è una semplificazione inaccettabile per chi percepisce l’estrema articolazione del’universo e la subisce come una inevitabile condanna alla cecità. La Croce La Croce, o meglio la metafora che si nasconde dietro la sua forma essenziale, innesta la nostra vita come i sottili canali che […]

Cronache della Fine del Mondo


9
Non Ci Siamo Meritati A ciascuno di noi, o almeno alla maggior parte, viene dato in dotazione un cuore, due polmoni, due reni, dei muscoli e una serie di apparati metabolici. Così che ci si presenta alla vita come macchine operative, pronte a fare di noi stessi una vittima, un eroe, una persona semplice o, nella maggior parte dei casi, un indifferente. La mediocrità non è una colpa. È il regime di condotta usuale nella quale usualmente ci si conduce. Dire no è troppo difficile, quasi come dire sì, ma forse sì è più difficile. Sì, dire sì è più […]

Elogio di ottobre



6
Kiwi è un conuro pyrrhurra. Un pappagallo di piccole dimensioni dal piumaggio verde e giallo e rosso, con sfumature di azzurro. Gli occhi grandi come lenticchie, le zampe dagli artigli rapaci e la coda di lunghe piume rosse. I pyrrhurra sono noti per essere degli attaccabrighe e lui fa di tutto per meritarsi questo appellativo. Vive in una grande gabbia dalla porta sempre aperta. Quando ha voglia di compagnia, vola sulla mia spalla o quella di S. Con me preferisce i giochi di guerra dove sono condannato a continue sconfitte. Con S. i giochi sono più affettuosi e prevedono teneri […]

Zero Light


один I pennarelli indelebili, come la colla che non si stacca mai, le assicurazioni che rimborsano i sinistri e le diete che fanno dimagrire per sempre, fanno parte di quella categoria di cose che promettono cose impossibili senza mai mantenerle. Eppure, queste certezze abitano la nostra inconsapevole convinzione con la pervicacia dell’edera rampicante, nonostante le molteplici delusioni e la continua dimostrazione che niente è mai completamente vero o dura per sempre. Sulla base di questa razionale conclusione, ho inventato un nuovo sistema per tenerti nella mia vita. Ho preso uno dei tuoi pennarelli indelebili e , su ogni superficie soggetta […]

La Seconda Declinazione di Settembre


cn: Ecco, dottore, sono un po’ imbarazzato nel confessarlo … A volte non sono sicuro del fatto che una situazione che sto vivendo sia reale o no.doc: Potrebbe spiegarsi meglio, per favore.cn: Vediamo. Da un po’ di tempo i miei sogni sono molto realistici. Non riesco a capire se sto sognando o se sto vivendo una situazione reale.doc: Capisco. In realtà, non credo che lei abbia cambiato il modo di sognare. Forse, più semplicemente, la sua capacità critica si è leggermente attenuata. E’ un effetto collaterale della terapia farmacologica che stiamo seguendo. Non c’è da preoccuparsi. Man mano che diminuiremo […]

falling down